Google+

Oslo usa il Nobel per strizzare l’occhio alla Cina

dicembre 31, 2010 Rodolfo Casadei

Alla cerimonia del Nobel per la Pace, vinto dal dissidente cinese Liu Xiaobo, era assente il ministro norvegese per il Commercio estero Trond Giske. Lui si è schermito dicendo che stava male ma nessuno ci crede. La Norvegia sta negoziando con Pechino per diventare il primo paese in Europa a stringere un accordo commerciale bilaterale con il colosso asiatico

Coraggiosi sì, ma fino a un certo punto. La decisione del Comitato del Premio Nobel per la pace di Oslo di indicare il dissidente cinese Liu Xiaobo come vincitore per il 2010 aveva suscitato la generale ammirazione anche per il coraggio nello sfidare la grande potenza politico-economico-finanziaria di Pechino in piena ascesa. Le numerose sedie vuote nel settore riservato ai diplomatici nel giorno della premiazione (19 paesi che hanno l’ambasciata in Norvegia hanno disertato la cerimonia), di contro alla presenza in massa dei ministri del governo norvegese e della famiglia reale, avevano rafforzato l’immagine della Norvegia come paese capace di autonomia di giudizio e scevro di timori reverenziali.

Un esame più attento della giornata, però, ha rivelato un’assenza significativa nelle file della compagine ministeriale presente:
quella del ministro per il Commercio estero Trond Giske. Interpellato dalla stampa, il suo portavoce ha spiegato che quel giorno, venerdì 10 dicembre, il ministro era malato. Giske però era regolarmente in ufficio il giovedì e si è ripresentato al lavoro il lunedì: l’indisposizione lo avrebbe dunque afflitto esclusivamente nel giorno della premiazione e forse nel week-end. Alle richieste dei partiti di opposizione di spiegare quale malattia improvvisa lo avesse colpito, il ministro ha declinato ulteriori commenti, così come tutte le richieste di intervista.

Fatto sta che la Norvegia è da tempo impegnata in un negoziato con la Cina che ha l’obiettivo di stringere un accordo commerciale bilaterale fra i due paesi.
La patria di Ibsen potrebbe diventare il primo paese in Europa che gode di un tale vantaggio. Il negoziato della Cina coi paesi della Ue, infatti, è in alto mare anche a causa dell’embargo sulla vendita di armi a Pechino in vigore dal 1989, l’anno della repressione di piazza Tiananmen. Va ricordato che all’indomani delle proteste ufficiali cinesi e della convocazione dell’ambasciatore norvegese, il governo di Oslo aveva fatto presente che le decisioni sul Nobel vengono prese da un comitato indipendente sul quale il governo non ha il potere di intervenire. L’assenza del 10 dicembre di Giske, responsabile in capo del negoziato commerciale, può essere interpretata come un segnale che Oslo ha voluto mandare a Pechino.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download