Google+

Oskar Gröning, 94 anni, «primo e unico responsabile nazista a chiedere perdono in un processo»

luglio 16, 2015 Leone Grotti

Soprannominato il “contabile di Auschwitz”, era nel lager nei mesi in cui furono sterminati 300 mila ebrei. «Ho visto i forni crematori, ero lì. Mi dispiace»

Oskar Gröning è stato condannato a quattro anni di carcere in Germania per «complicità» nel massacro di almeno 300 mila ebrei ad Auschwitz nel 1944. L’ex “contabile di Auschwitz”, membro delle SS, ha lavorato nel campo di sterminio nazista per due anni e soprattutto tra il 16 maggio e l’11 luglio del 1944, periodo in cui arrivarono al campo 425 mila ebrei, dei quali 300 mila furono subito uccisi nelle camere a gas.

CONCORSO IN STERMINIO. Allora Gröning aveva 23 anni, oggi ne ha 94. È stato condannato solo ora perché solo dal 2011 il sistema giuridico tedesco ha cominciato a condannare ex nazisti anche senza provare la loro responsabilità individuale. Dalla condanna di John Demjanjuk nel 2011 per “concorso in omicidio” di quasi 30 mila persone, è sufficiente aver partecipato in diverse forme alla soluzione finale voluta da Adolf Hitler per essere incriminati e condannati.

«HO VISTO, IO ERO LÌ». Il caso di Gröning, rispetto ad altri, non è importante solo perché ha dato scacco ai tanti negazionisti con le sue parole: «È un mio dovere, alla mia età, dire le cose che ho visto e oppormi a coloro che le negano. Ho visto i forni crematori, ho visto le fosse dove si bruciavano i corpi. Voglio che voi sappiate che queste atrocità sono esistite. Io ero lì».

«MI DISPIACE». L’ex nazista di 94 anni ha rilasciato anche una dichiarazione mai fatta da tutti gli altri responsabili dello sterminio arrestati e processati: «Mi dispiace». A far notare questo dettaglio è stata Marie-Pierre Samitier, giornalista di France 2, che ha appena scritto un libro per i tipi di Lemieux dal titolo: Carnefici e sopravvissuti, bisogna perdonare tutto? Nel volume, scritto a 70 anni dalla liberazione di molti lager, Samitier racconta attraverso storie e interviste come i sopravvissuti ricordano quei giorni terribili e indaga la possibilità di «perdonare» i persecutori.

«IL PRIMO E UNICO». Intervistata dal Le Figaro sul caso Gröning, Samitier ha affermato: «Lui è il primo responsabile nazista ad aver chiesto perdono ai rappresentati delle vittime all’interno di un processo. Questo è un atto forte perché chiedere perdono significa riconoscere gli errori commessi. Questo è un atto forte anche perché è un atto unico. Come racconto nel mio libro, i nazisti non hanno mai espresso richieste individuali di perdono: sono sempre stati persuasi di avere avuto ragione fino alla fine».

NUOVO INIZIO. Secondo la giornalista, solo «la richiesta di perdono e il riconoscimento di aver sbagliato» possono dare vita a un «nuovo “inizio”». «Oscar Gröning ha fatto questo cammino, ha espresso pubblicamente rincrescimento per le azioni commesse. È vero che l’ha fatto molto in ritardo (…) ma mi sembra che questa richiesta di perdono sia importante dal punto di vista simbolico».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Meglio così, prima della fine della vita; o meglio, prima dell’inizio delle vita ultraterrena, cioè prima del “venite voi benedetti” e dal “via da me maledetti”.

  2. yoyo scrive:

    Groning aveva 23 anni, mi sembra un povero ragazzo gettato in una tragedia più grande di lui. È l unico nazista, quasi l unico tedesco, che mi ispiri pietà.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana