Google+

«Orrore e preoccupazione» per gli attacchi ai cristiani del Kenya

luglio 2, 2012 Redazione

Domenica di sangue per i cristiani a causa di due attacchi a una chiesa protestante e una cattolica a Garissa. Almeno 17 morti e 50 feriti, il bilancio degli attentati. Anche gli islamici condannano le violenze.

Ancora una domenica di sangue per i cristiani, colpiti non in Nigeria ma in Kenya, questa volta, dove almeno 17 fedeli sono rimasti uccisi e 50 feriti in un duplice attentato compiuto ieri mattina in due chiese di Garissa, città nel nord del paese, vicino al confine con la Somalia. Gli attacchi si sono verificati quasi in simultanea presso la cattedrale cattolica della città e in una piccola chiesa cristiana appartenente alla congregazione Africa Inland Indipendent Church (Aic). Il bilancio più grave è stato registrato in quest’ultima dove – secondo una prima ricostruzione riferita ai media locali dal vice capo della polizia provinciale, Philip Ndolo – uomini armati e mascherati, prima di fare irruzione all’interno, hanno attaccato e ucciso due poliziotti in servizio e si sono impossessati dei loro fucili usandoli, subito dopo, per uccidere i fedeli raccolti in preghiera.

«Eravamo in un momento di silenzio, poi abbiamo udito un violento boato provenire dal tetto e, successivamente, colpi d’arma da fuoco. Alcuni uomini sono entrati in chiesa, ci hanno ordinato di sdraiarci e poi hanno cominciato a sparare. Tutti gridavano e tanti si lamentavano per il dolore», ha raccontato David Mwange, uno dei responsabili della chiesa di Garissa. E mentre nella piccola congregazione cristiana si consumava la tragedia, a poche decine di metri, nella cattedrale cattolica, una granata esplodeva ferendo tre persone. Il duplice attentato segue quello messo a segno lo scorso mese di aprile a Nairobi, nella chiesa della congregazione “Casa dei miracoli di Dio”, poco prima dell’inizio della funzione religiosa che provocò un morto e decine di feriti.

Tra le prime personalità ad esprimere disappunto per gli attacchi è stato Sheikh Mohammed Khalifa, del Consiglio degli Imam e Predicatori del Kenya (Cipk), che ha condannato con forza gli attacchi terroristici. «Qualunque persona timorata di Dio non festeggerà mai la morte di persone innocenti che si riuniscono per pregare Dio», ha detto ai media locali il rappresentante dei musulmani in Kenya. E il presidente del Consiglio Supremo dei musulmani del Kenya, Abdulghafur El-Busaidy, ha invitato a rispettare «chiese, moschee o templi».

Anche il Vaticano ha levato la sua voce. La strage dei cristiani a Garissa è stata definita dalla Santa Sede «un fatto orribile e molto preoccupante». «Sembra che fra i gruppi terroristi l’attacco ai cristiani riuniti la domenica nei loro luoghi di culto sia diventato un metodo considerato particolarmente efficace per la diffusione dell’odio e della paura», ha detto il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ai microfoni della Radio Vaticana. Secondo il direttore della sala stampa vaticana, «la viltà della violenza nei confronti di persone inermi riunite pacificamente in preghiera è inqualificabile. Occorre riaffermare e difendere decisamente la libertà religiosa dei cristiani», ha concluso Lombardi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Lee Konkol scrive:

    I simply want to say I am very new to blogging and site-building and actually liked this website. Very likely I’m going to bookmark your website . You really come with wonderful articles. Bless you for sharing with us your web site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana