Google+

Ora Erdogan cerca di arrestare i turchi gulenisti in Belgio

aprile 6, 2017 Redazione

Prima sono arrivate le minacce su internet, poi dal consolato turco ad Anversa, ora i tentativi di rapimento per mano dei servizi segreti turchi nelle Fiandre

Recep Erdogan si sta allargando: non gli è bastato far licenziare 130 mila ufficiali e arrestare 47 mila persone dopo il fallito colpo di Stato di luglio in Turchia. Ora, alla vigilia dell’importante referendum costituzionale del 16 aprile, fa minacciare anche i turchi all’estero, sia su Facebook che in luoghi pubblici.

TURCHI IN BELGIO. Come scrive il belga La Libre, il consolato turco di Anversa sta conducendo una «caccia ai gulenisti», cioè a tutte quelle persone che seguono l’autorità religiosa di Fetullah Gulen, studioso islamico turco residente negli Stati Uniti, accusato da Erdogan di essere dietro al colpo di Stato. In particolare ha fatto pervenire delle minacce ai genitori dei bambini che studiano nelle scuole guleniste delle Fiandre, mentre il ramo belga del partito di Erdogan, l’Akp, ha diffuso minacce «inquietanti» su Facebook.

TENTATIVI DI RAPIMENTO. Secondo l’avvocato Walter Van Steenbrugge, ora i servizi segreti turchi stanno cercando di rimpatriare con la forza cittadini turchi in esilio in Belgio. Uno dei suoi clienti, ha dichiarato il legale a La Libre, un industriale turco da tre anni nel paese, «vive nascosto e accerchiato dalle guardie del corpo dopo che ha scoperto che i servizi turchi vogliono rapirlo e riportarlo in Turchia, dove è stato spiccato per lui un mandato d’arresto».

«BELGIO TEME ERDOGAN». L’avvocato ha già avvertito le autorità competenti belghe «ma devo constatare che non hanno fatto niente. È da mesi che circolano su internet mandati di cattura per chi si oppone al regime. Molti di questi vivono in Belgio e Ankara ha promesso molti soldi a chi aiuterà a stanare i presunti traditori». Van Steenbrugge ha detto che denuncerà il fatto anche alla Corte europea dei diritti dell’uomo, visto che il Belgio non fa nulla: «I politici belgi hanno troppa paura di infastidire Erdogan a causa dei migranti. Ma in gioco c’è molto: se Erdogan vince il referendum, cambia la Costituzione e ristabilisce la pena di morte, i suoi oppositori, come il mio cliente, che già oggi sono altamente a rischio, potrebbero morire».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana