Google+

Ora che si accorgono che devono pagare anche loro, le Case del popolo protestano contro l’Imu

febbraio 1, 2013 Redazione

L’Arci di Firenze protesta. Italia Oggi si chiede perché lo fa solo ora e non quando Pd e Udc decisero di bocciare l’emendamento Toccafondi (Pdl) che le avrebbe esentate dall’Imu.

I leader dei circoli Arci hanno i «riflessi appannati»? O a tacere sulla mazzata Imu che ha colpito le no-profit «gliel’ha imposto la disciplina di partito» (Pd)? Se lo chiede Goffredo Pistelli su Italia Oggi. Sì, perché rimangono avvolte nel mistero le ragione per cui le Case del Popolo fiorentine hanno aspettato qualche mese prima di promuovere una rivolta contro il pagamento dell’imposta alle no-profit decisa già a fine 2012.

IL PD BOCCIA L’ESENZIONE. Furono proprio Pd (insieme all’Udc e su proposta del governo Monti), in parlamento, nel novembre 2012, a bocciare l’emendamento Toccafondi (Pdl, foto a sinistra), approvato invece all’unanimità in Commissione Bilancio della Camera, che avrebbe esentato le no-profit dal pagamento dell’imposta.

LA TASSA SULLE OPERE DI BENE. La tassa sui “patrimoni” delle organizzazioni senza fine di lucro ha fatto sì che certi circoli cooperativi di Firenze abbiano dovuto pagare di punto in bianco cifre superiori ai 20 mila euro. Le Vie Nuove, «storico riferimento del Pci», deve sborsare 26 mila euro. Addirittura 60 mila euro quelli che dovrà pagare dal nulla «la società di mutuo soccorsi di Rifredi». Per questo, domani, le Arci di Firenze, in segno di protesta, consegneranno le chiavi dei propri immobili al Comune.

I LEADER DEL TERZO SETTORE. Inspiegabile perché Paolo Beni, ex presidente Arci si sia candidato con il Pd. Non è il solo a essere entrato in politica nelle file di chi ha imposto la tassa sulle opere di bene. Se lo chiedeva, il 16 gennaio, sul Sussidiario, Giuseppe Frangi: cosa ha convinto i leader del terzo settore  a compiere un «salto mortale triplo» in quella politica che «sino a ieri ha pesante mortificato» il no profit? Forse, questo credibile corsivo novembrino di Corrado Augias, che su Repubblica parlava in difesa di governo, Pd e Udc: «Il rischio di dover chiudere istituti caritativi» a causa dell’Imu «non esiste».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Gianni scrive:

    Odio gli ARCI
    Opere di bene…sì proprio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana