Google+

Ondata «senza precedenti» di terroristi islamici pronti a colpire in Europa

maggio 12, 2016 Leone Grotti

Esperti americani, italiani e tedeschi concordano: il «legame tra il circuito dei migranti e i fatti legati all’Isis e al terrorismo» è il dato «più preoccupante»

jihad-terrorismo-ansa

Attentatori dell’Isis arrivano in Europa mescolandosi tra i migranti. Quella che prima era un’ipotesi o una paura ora è una realtà e l’Europa deve fare attenzione. Lisa Monaco, consigliere del presidente Barack Obama per l’antiterrorismo, si è presa la briga di attraversare l’Atlantico per lanciare questo allarme da Bruxelles: «Un’ondata senza precedenti e di dimensioni mai viste di combattenti dell’Isis è in arrivo dalla Siria per colpire l’Europa».

BELGIO, FRANCIA E ITALIA. Monaco ha sollecitato i paesi europei a condividere il maggior numero di informazioni possibile per fermare in tempo i terroristi. Soprattutto ha fatto riferimento a Belgio e Francia, che già hanno subito pesanti attacchi, ma anche l’Italia non è certo al sicuro. E lo dimostra la presunta cellula terroristica smantellata il 10 maggio a Bari dai carabinieri del Ros, formata da pakistani e afghani, profughi che avevano ottenuto l’asilo politico.

«SINGOLI ATTENTATORI SI INFILTRANO». «La rete terroristica scoperta a Bari è preoccupante perché riconferma una vicinanza, seppur collaterale, fra il fenomeno migratorio e la presenza sul nostro territorio di soggetti legati all’Isis o al terrorismo islamista», ha dichiarato ieri al Giornale l’onorevole Stefano Dambruoso, ex magistrato protagonista dopo l’11 settembre di indagini che garantirono lo smantellamento di varie rete di Al-Qaeda in Italia. «I migranti non sono terroristi», aggiunge, ma «singole persone a fronte di migliaia», singoli attentatori, si introducono «nelle trafile di sfruttamento degli esseri umani prodotte dal fenomeno migratorio».

ALLARME IN GERMANIA. Il «legame tra il circuito dei migranti e i fatti legati all’Isis e al terrorismo» è il dato «più preoccupante» e non può più essere ignorato. Così anche in Germania, dove ieri la polizia federale ha annunciato che l’allarme terrorismo riguarda per ora 369 persone entrate nel paese come migranti, delle quali 40 saranno investigate più attentamente. I numeri sono in rapida crescita, visto che l’allarme a gennaio riguardava 213 migranti e le indagini più approfondite 18 di questi.

«SIAMO PREOCCUPATI». Il capo dell’intelligence tedesca, Hans-Georg Maassen, ha anche dichiarato a Reuters: «Non rivelo nessun segreto quando dico che sono preoccupato dall’alto numero di migranti senza documenti del quale non conosciamo l’identità». Il portavoce della polizia federale è stato ancora più esplicito: «Gli agenti di sicurezza tedeschi hanno prove che indicano che membri e sostenitori di organizzazioni terroristiche vengono infiltrati tra i rifugiati secondo una precisa organizzazione per lanciare attentati in Germania».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    tutti a comandarci il dogma dell’accoglienza, pena la dannazione eterna in questa vita e nell’altra. nessuno che si pone il problema di come rimuovere le cause di tale migrazione.
    (onu in testa e forse nemmeno il vativano)

  2. Filippo81 scrive:

    Ovviamente i vertici politici Europei (renzi ,alfano,merkel.cameron,ecc) negano invece il legame tra la marea montante di clandestini e il terrorismo islamico.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana