Google+

Ogm. Lo vietiamo ma poi lo importiamo dagli Usa, pagandolo a peso d’oro, per darlo ai maiali

ottobre 12, 2013 Emmanuele Michela

La grottesca vicenda italiana ci sta attirando gli sberleffi degli americani che non riescono a capacitarsi del nostro atteggiamento tafazzesco

Per il Genetic Literacy Project, ente no-profit statunitense che promuove il dibattito scientifico, la vicenda del granoturco italiano si è fatta paradossale: la scorsa settimana un lungo articolo sul loro sito ironizzava sul “the Italian job”, vera e propria storia farsesca che vede l’Italia importare mais dagli Usa con prezzi lievitati di tre volte, a fronte di una domanda cresciuta del 300 per cento. Tutto ciò appare assurdo in un Paese «dove il mais è diventato importante per l’agricoltura tanto quanto le patate per l’Irlanda», e ancor più perplessi lascia il fatto che tutti questi chicchi vengano poi destinati all’allevamento di maiali.
Ma la misura in questione – racconta l’articolo nel dettaglio – è soltanto l’ultima contromossa adottata per far fronte al problema del mais contaminato nel nord-Italia, una storia bizzarra e curiosa che evidenzia quanto controproducente sia il niet che l’Europa si è imposta sugli ogm.

IL MAIS CONTAMINATO. Un problema assai diffuso tra gli agricoltori italiani è la diffusione della piralide del mais, una farfalla che mette a serio rischio l’utilizzo del grano raccolto: tra le feci di questo lepidottero si trova infatti la fumonisina, una micotossina pericolosa per uomo e animali. Negli ultimi tre anni le tarme sono cresciute grazie ai lunghi periodi di siccità attraversati dalla campagna italiana, e di conseguenza le quantità di mais intaccato si sono fatte importanti. Il problema è poi esploso con vigore la scorsa primavera, quando tra i silos che contenevano il raccolto del 2012 si scoprì che almeno un terzo era da buttare.

IDEE AMERICANE. Che farne quindi? L’idea poteva essere quella di mescolarlo insieme ad altri raccolti sani, così da ridurne la tossicità e darne da mangiare ai maiali. Ma il mais “pulito” non era sufficiente, così ecco la proposta sostenuta da Tiberio Rabboni, assessore regionale emiliano all’Agricoltura: importare grano nuovo dagli Stati Uniti da mischiare a quello malato. Piccolo particolare: i raccolti in arrivo dagli Usa sarebbero stati ogm. Oltreoceano infatti le modifiche del dna del granoturco hanno reso il mais immune agli attacchi dei parassiti e, di recente, lo hanno pure arricchito dei geni di resistenza alla siccità che bloccano la formazione di micotossine. Inutile parlare quindi dello sbigottimento con cui la notizia fu accolta tra i coltivatori italiani, cui veniva vietato seminare quel che poi potevano invece importare.

BIOMASSE DA ARDERE? In seguito la proposta è stata fermata, optando per una nuova idea: destinare il mais contaminato alla produzione energetica, trasformandolo così in biomasse da ardere. Ma l’idea non poteva lasciare impassibili tanti ambientalisti, grillini in primis, da cui è partita l’ostruzione: a dettare il loro timore, la possibile diffusione nell’aria e nei campi delle aflatossine contenute nel granoturco contaminato. Nel frattempo però, si è posta l’ultima domanda per gli agricoltori: cosa dare da mangiare ai maiali? La risposta sa di beffa: il mais ogm importato dagli Usa non verrà più sfruttato per “tagliare” quello malato italiano, ma sarà utilizzato in toto come cibo per i suini. Con un prezzo altissimo, visto che la siccità ha colpito anche i raccolti americani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. marco scrive:

    gli ogm sono pericolosi e innecessari frutto del disegno disumanocontro i popoli della massonica monsanto, il cristiano che diceva a favore degliogm solo perchè la sinistra sidiceva contgraria è un esempio di persona che non pensa e che non gli va per niente di usare la coscienza ne discernimento

    • ftax scrive:

      @Marco Sousa Ferrari. E’ vero, gli ogm sono contro il popolo.
      L’hanno appena detto anche il Che e Fidel. Hasta la victoria siempre!

      • omac scrive:

        La Monsanto detiene il 90% delle vendite sulle semenze agricole, cercando di brevettare perfino piante già esistenti
        I danni economici sui contadini in India,Brasile,e Africa stanno causando decine di migliaia di morti,hanno perfino acquistato la blackwater,si documenti prima di esprimere giudizi superficiali,hanno decine di cause in tutti i continenti,per non parlare del resto delle loro geniali invenzioni come il prosilac

        • Dario scrive:

          Sveglia, l’ogm lo mangiamo tutti i giorni perché in TUTTI i mangimi industriali ci sono mais, soia o frumento OGM. Poi noi italiani che siamo piú salutisti di tutti produciamo OGM-free e poi ci facciamo energia coi biodigestori.. Basta guardare in qualsiasi listino prezzi delle granaglie per vedere che la merce OGM costa addirittura di più della convenzionale. Quindi non possiamo produrla ( anche se farlo costerebbe almeno il 30% in meno) ma la mangiamo quotidianamente… È gli ambientalisti dove sono?

  2. Dario scrive:

    Sveglia, l’ogm lo mangiamo tutti i giorni perché in TUTTI i mangimi industriali ci sono mais, soia o frumento OGM. Poi noi italiani che siamo piú salutisti di tutti produciamo OGM-free e poi ci facciamo energia coi biodigestori.. Basta guardare in qualsiasi listino prezzi delle granaglie per vedere che la merce OGM costa addirittura di più della convenzionale. Quindi non possiamo produrla ( anche se farlo costerebbe almeno il 30% in meno) ma la mangiamo quotidianamente… È gli ambientalisti dove sono?

    • omac scrive:

      Il mio discorso non riguarda la mera parte genetica/salutistica di prodotti in commercio in Italia da decenni,provi a chiedere se qualcuno sa come venne ottenuto il grano “creso” usato per la pasta e altro, ma il fatto che poli chimici detengano in esclusiva i diritti su semenze autodistruggenti che soppiantano coltivazioni per l’alimentazione di base di miliardi di persone
      Se gli permettiamo di sostituire le coltivazioni “normali”con piante “brevettate” ci consegniamo totalmente in mano
      In mano ad industrie che decideranno il prezzo delle commodity agricole è non certo al ribasso,le principali banche del mondo stanno investendo su terreni agricoli come mai prima d’ora,perfino il caro bill Gates,sta comprando azioni della Monsanto,non credo prometta nulla di buono

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana