Google+

Oggi è l’anniversario della medaglia miracolosa simbolo dell’Unione Europea

novembre 27, 2012 Benedetta Frigerio

Il 27 novembre 1830 la Madonna appare a suor Caterina e le chiede di coniare la medaglia. La corona di stelle diverrà poi simbolo dell’Europa

«Tutto il mondo sarà sconvolto da disgrazie di ogni specie. Ma venite ai piedi di questo altare, qui le grazie saranno sparse su tutti (…) vittime ci saranno nel clero di Parigi e lo stesso arcivescovo morirà. Figlia mia, la Croce sarà disprezzata, per le vie scorrerà il sangue», sono le parole della Madonna apparsa a Rue du Bac (Parigi) nel 1830, a suor Caterina Labouré, 40 anni prima della Comune francese che poi devastò il paese e la Chiesa.

LE GRAZIE CHE VORREI DARVI. Suor Caterina, figlia della carità di san Vincenzo de Paoli, ebbe una seconda apparizione il 27 novembre del 1830 che rimase il giorno in cui si ricordano le apparizioni. La Madonna in quella visione appariva con una veste bianca, un manto azzurro, un velo bianco in testa e con in mano il globo terrestre. Le mani della Vergine si riempirono di anelli splendenti, simboli delle grazie che voleva spargere sulle persone che gliele chiedessero. Erano moltissime, ma alcuni anelli splendevano meno, a rappresentare le grazie che la Vergine voleva elargire: «Queste pietre – rivelò alla suora – che restano in ombra rappresentano le grazie che ci si dimentica di chiedermi». Intorno alla Vergine si formò poi una giaculatoria che Maria chiese a Caterina di ripetere sempre: “O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a voi!”.
Il dogma dell’immacolata concezione fu proclamato solo ventiquattro anni dopo. Poi la Madonna si voltò e apparve una grande M di Maria, sopra di essa vi era una croce e sotto il cuore di Gesù e della Vergine, attorno alla figura apparvero 12 stelle simbolo giudaico delle 12 tribù di Davide e simbolo cristiano dei 12 apostoli.

PORTARE L’IMMAGINE AL COLLO. Davanti alla visione suor Caterina sentì poi la Vergine dire: «Fa’ coniare una medaglia su questo modello. Tutte le persone che la porteranno benedetta, specialmente al collo, e reciteranno la breve preghiera godranno di una specialissima protezione della Madre di Dio e riceveranno grandi grazie. Le grazie saranno abbondanti per chi la porterà con fiducia». Da quel momento in avanti la fama della medaglia mariana continuò a crescere, tanto che oggi è la più coniata al mondo. Solo trent’anni dopo la scomparsa di santa Caterina Labouré, nel 1876, il totale di medaglie distribuite aveva oltrepassato il milione.

ISPIRA LA BANDIERA EUROPEA. Anche la bandiera europea a dodici stelle si ispira alla medaglia. Nel 1949 a Strasburgo fu istituito il primo Consiglio europeo che l’anno successivo bandì un concorso per il disegno di una bandiera comune. Alla gara parteciparono in molti, fra loro c’era Arsène Heitz, un giovane e non molto noto designer. Heitz portava al collo la medaglia miracolosa, avendo una speciale venerazione per l’Immacolata. Così, disegnò una bandiera con le stelle disposte in cerchio su uno sfondo azzurro. I bozzetti furono giudicati da una commissione presieduta da un belga di religione ebraica poi convertito, Paul M. G. Lévy, responsabile dell’ufficio stampa del Consiglio, nato proprio il 27 di novembre a cui il disegno piacque molto. Ignara delle coincidenze, la commissione scelse fra le molte proposte quella di Heitz. L’origine religiosa del simbolo non fu rivelata, ma il bozzetto fu adottato nel 1995 e si scelse di farlo con una cerimonia ufficiale istituita l’8 dicembre, giorno in cui si festeggia l’Immacolata concezione. Solo più tardi emerse la vicenda che lega la bandiera europea alla medaglia mariana più diffusa al mondo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. tribute to TM scrive:

    Ma benedetta Benedetta….

    non lo dica o non lo ripeta troppo spesso altrimenti la banda B/S (Bruxelles/Strasburgo) ci cambia anche bandiera…..

    😉

  2. AlphaT scrive:

    Scusate ma necessita correzione. Cosa prevedeva il preannuncio? Non certo la Rivoluzione Francese nel 1830!

    • Franz scrive:

      infatti se leggi bene l’annuncio è datato 1830 e si riferisce a 40 anni dopo, cioè il 1870, anno della sconfitta francese a Sedan che provocò nei giorni seguenti (era in settembre) una serie di tumulti che portò alla fine del secondo impero francese e all’inizio della terza repubblica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana