Google+

Ocse: «Ripresa per l’Italia nel 2014 del +0,6 per cento»

novembre 19, 2013 Chiara Rizzo

Secondo l’Economic outlook la ripresa l’anno prossimo sarà superiore alle aspettative, ma sempre al rallentatore. «Bene le misure del Governo che ridurranno rapporto debito-Pil, ma dovrebbero essere più ambiziose»

Il premier Enrico Letta e Angel Gurria, Segretario generale Ocse

L’Ocse corregge le sue stime per l’Italia: il 2013 si chiuderà peggio di quanto si pensasse, il 2014 andrà meglio di quanto si spera. Nell’Economic outlook si scopre oggi che quest’anno si prevede che il Pil scenda di -1,9 punti percentuali, anziché -1,6 punti; mentre il Pil l’anno prossimo crescerà dello 0,6 per cento anziché dello 0,5 per cento. Si apprende anche che l’Italia resta l’unico paese del G7 ad essere ancora in recessione.

«BENE SUL DEFICIT, MA DEBITO CRESCE ANCORA». Scrive l’Ocse che «Il miglioramento dei conti italiani sul fronte del deficit è stato sostanziale nel 2013 ma, con un rapporto debito-Pil ancora in aumento, ci sarà bisogno di una stretta di bilancio intensa almeno quanto programmato nel 2014-15. Il deficit dell’Italia scenderà dal 3 per cento nel 2013 al 2,8 per cento nel 2014 e al 2 per cento nel 2015. Il debito continuerà invece a crescere, dal 132,7 per cento del Pil nel 2013 al 133,2 per cento nel 2014, e solo nel 2015 comincerà a calare, al 132,6 per cento». L’Ocse, riguardo alle misure per tagliare il debito presentate dal governo Letta, scrive: «Le misure messe in atto dal governo italiano e quelle preannunciate dovrebbero essere sufficienti per far cominciare a scendere il rapporto debito-Pil, ma per assicurare un rapido declino potrebbe essere necessario un programma un po’ più ambizioso».

PIU’ PRESTITI BANCARI MENO TASSI. In particolare l’Ocse suggerisce di dare una sferzata alla situazione intervendo sulla concessione dei prestiti bancari e sulla riduzione dei tassi di interesse, troppo elevati, dato che «In Italia la ripresa prevista potrebbe essere ostacolata se le condizioni del sistema bancario restringeranno il credito e interromperanno il normale ciclo degli investimenti. Il prestito bancario ha continuato a contrarsi, in parte a causa della domanda ridotta di credito, ma nonostante ciò i tassi d’interesse applicati sono significativamente più alti che in altri Paesi dell’eurozona, cosa che suggerisce che anche la disponibilità di prestiti sia limitata, riducendo gli investimenti e forse i consumi».

EUROZONA. Ma nell’Outlook pubblicato oggi l’Ocse non scrive soltanto dell’Italia, guardando all’intera eurozona. «La ripresa economica nell’eurozona è rallentata e disomogenea, cosa che rende necessari ulteriori aggiustamenti durevoli e simmetrici attraverso riforme dei mercati di prodotti e lavoro, sia nei Paesi in debito sia in quelli in surplus»: è per l’intera Ue che si prevede una recessione nel 2013 (del -0,4 per cento in media) e un ritorno alla crescita nel 2014 (dell’1,6 per cento). Prosegue l’Ocse: «Nell’area euro, la disoccupazione continuerà a crescere anche nel 2014, passando dal 12 per cento al 12,1 per cento. Stessa situazione in Italia, dove la percentuale dei senza lavoro passerà dal 12,1 per cento nel 2013 al 12,4 per cento nel 2014. Il picco dovrebbe arrivare nel secondo trimestre del 2014, seguito da una lenta e progressiva diminuzione. Nel 2015, il tasso di disoccupazione è stimato al 12,1 per cento in Italia e all’11,8 per cento nell’eurozona»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana