Google+

Ocse. Il problema dell’Italia è la competitività. Necessario tagliare le tasse e favorire la crescita

settembre 24, 2012 Redazione

La scarsa competitività dell’Italia, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo, è dovuta al costo del lavoro e alla bassa crescita. Per rimediare è necessario tagliare le tasse e adeguare i salari alla produttività.

Secondo l’Ocse il primo problema della bassa crescita dell’Italia è  la mancanza di competitività. Per migliorare la situazione, ha affermato nell’incontro di oggi con il governo italiano il segretario dell’Ocse, Angel Gurria, «è necessario agire su tre fronti»: aumentare la produttività, adeguare i salari alla crescita di produttività e ridurre la pressione fiscale sui redditi da lavoro. Inoltre, secondo l’Ocse, è necessaria una rigorosa attuazione delle riforme in materia di mercato del lavoro, di innovazione, istruzione ed efficienza del settore pubblico, e che tale rigore si attui non solo a livello nazionale ma anche a quello locale.

BASSA PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO. Nel documento Ocse sull’Italia preparato per l’incontro odierno fra il presidente del Consiglio Mario Monti e Gurria, emerge che la produttività del lavoro italiana è la più bassa di tutti gli stati Ocse e che il costo unitario del lavoro è inferiore soltanto a quello della Grecia.

CIRCOLO VIZIOSO. Secondo le analisi, la bassa crescita della produttività in Italia ha comportato l’aumento dei costi unitari del lavoro, che a loro volta hanno danneggiato la competitività e alimentato il disavanzo delle partite correnti, influendo negativamente sul tasso di crescita del Pil.

RIMEDI. Per porre un freno a questa situazione, la prima fra le misure che l’Ocse raccomanda è quella di allineare gli stipendi alla produttività attraverso la contrattazione salariale decentrata. L’Ocse raccomanda all’Italia, da una parte, di ampliare le basi imponibili e ridurre le agevolazioni fiscali, dall’altra, di tagliare le aliquote fiscali dando priorità alla riduzione del cuneo fiscale sul lavoro. Inoltre, secondo l’istituto di Parigi, è necessario «integrare il processo di spending review nei normali sistemi di controllo del bilancio e della spesa e rendere operative le norme costituzionali sul pareggio di bilancio».

ALTRE MISURE RACCOMANDATE. Aumentare le privatizzazioni, rafforzare la concorrenza, ridurre le norme, diminuire gli oneri a carico della pubblica amministrazione.

TAGLIARE SPESA PUBBLICA. La necessità di compiere rapidi progressi per ridurre il deficit «ha fatto sì che l’aumento delle imposte sia stato finora lo strumento principale di adeguamento fiscale». Tuttavia «la pressione fiscale aggregata in Italia è la quarta più alta tra i paesi Ocse» e «la spesa pubblica, non destinata al pagamento di interessi, in percentuale di Pil è al di sopra della media Ocse, e l’Italia è al settimo posto nella classifica per quanto riguarda la spesa sociale». «È quindi importante nell’adeguamento fiscale dare priorità ai tagli di spesa», conclude l’Ocse.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana