Google+

L’Occidente moribondo e la necessità di difendere la libertà (cioè gli uomini liberi)

giugno 24, 2016 Emanuele Boffi

Perché “morale” e “identità” non rimangano definizioni da vocabolario vanno aiutati quei luoghi dove esse sono insegnate ed educate

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Occorrerà tornare a rileggerselo più volte il discorso che il rabbino e filosofo inglese Jonathan Sacks ha pronunciato al Templeton Prize. Secondo il pensatore che dialogò anche con Benedetto XVI oggi la «caduta della natalità potrebbe significare la fine dell’Occidente». Un discorso lungo e ricco di spunti sull’indolenza morale ormai congenita in quella parte di mondo che, dopo aver garantito per secoli prosperità e progresso, oggi pare ripiegata su di sé, immemore della sua grandezza e sempre più propensa a pensare che basti premere «un tasto su Facebook o Google per poter rovesciare i tiranni».

Non sono cose nuove e non sono “cose cattoliche”. Da anni, raffinate intelligenze ci mettono in guardia da questa apatia che pare aver avvolto un Occidente beotamente gaio. Perdita del senso morale, della propria identità, della propria storia sono i sintomi di quell’“odio di sé”, come lo definiva Ratzinger, che oggi fa dell’Occidente il grande malato spirituale del mondo. «A un certo punto, l’Occidente ha abbandonato le sue convinzioni», ha detto Sacks, illudendosi che «la morale non fosse nient’altro che l’espressione di un’emozione».

Ma dire questo, benché indispensabile, ancora non basta: non c’è moribondo che sia guarito grazie a un buon discorso. Perché “morale” e “identità” non siano solo definizioni da vocabolario, occorre difendere quei luoghi in cui queste parole sono vivace esperienza ed esempio controcorrente. Il discorso, ancorché urticante, ce lo lasceranno, più o meno, sempre fare.

Il problema sono le scuole, le comunità, le opere. È lì che l’alternativa alla sonnolenza occidentale si esprime, è vissuta, è insegnata. È lì che la libertà non dorme sui guanciali forniti da un narcotico potere.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    quando galantino serrerà le fila della cei per chiedere la parità scolastica, invece di ostacolare chi difende la vita, ma non ubbidisce a lui?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download