Google+

L’Occidente moribondo e la necessità di difendere la libertà (cioè gli uomini liberi)

giugno 24, 2016 Emanuele Boffi

Perché “morale” e “identità” non rimangano definizioni da vocabolario vanno aiutati quei luoghi dove esse sono insegnate ed educate

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Occorrerà tornare a rileggerselo più volte il discorso che il rabbino e filosofo inglese Jonathan Sacks ha pronunciato al Templeton Prize. Secondo il pensatore che dialogò anche con Benedetto XVI oggi la «caduta della natalità potrebbe significare la fine dell’Occidente». Un discorso lungo e ricco di spunti sull’indolenza morale ormai congenita in quella parte di mondo che, dopo aver garantito per secoli prosperità e progresso, oggi pare ripiegata su di sé, immemore della sua grandezza e sempre più propensa a pensare che basti premere «un tasto su Facebook o Google per poter rovesciare i tiranni».

Non sono cose nuove e non sono “cose cattoliche”. Da anni, raffinate intelligenze ci mettono in guardia da questa apatia che pare aver avvolto un Occidente beotamente gaio. Perdita del senso morale, della propria identità, della propria storia sono i sintomi di quell’“odio di sé”, come lo definiva Ratzinger, che oggi fa dell’Occidente il grande malato spirituale del mondo. «A un certo punto, l’Occidente ha abbandonato le sue convinzioni», ha detto Sacks, illudendosi che «la morale non fosse nient’altro che l’espressione di un’emozione».

Ma dire questo, benché indispensabile, ancora non basta: non c’è moribondo che sia guarito grazie a un buon discorso. Perché “morale” e “identità” non siano solo definizioni da vocabolario, occorre difendere quei luoghi in cui queste parole sono vivace esperienza ed esempio controcorrente. Il discorso, ancorché urticante, ce lo lasceranno, più o meno, sempre fare.

Il problema sono le scuole, le comunità, le opere. È lì che l’alternativa alla sonnolenza occidentale si esprime, è vissuta, è insegnata. È lì che la libertà non dorme sui guanciali forniti da un narcotico potere.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    quando galantino serrerà le fila della cei per chiedere la parità scolastica, invece di ostacolare chi difende la vita, ma non ubbidisce a lui?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.