Google+

Obiezione di coscienza, nuovo scontro tra i vescovi e Obama

ottobre 15, 2014 Benedetta Frigerio

Il governo aggira la sentenza della Corte Suprema sulla Hobby Lobby che salvaguardava gli enti for profit, peggiorando la situazione anche di quelli no profit

Nonostante la decisione della Corte Suprema sul caso Hobby Lobby, che in giugno aveva stabilito l’esenzione delle imprese familiari dall’obbligo di pagare ai propri dipendenti assicurazioni che includessero contraccettivi e abortivi, il presidente Obama ha proposto una nuova “regola finale” più restrittiva di quella precedente.

ANCHE I NO PROFIT. Se infatti prima gli enti no profit, come le chiese, erano del tutto esenti (al contrario di ospedali e scuole religiosi) dalla clausola governativa, secondo le recenti modifiche persino i soggetti no profit dovranno partecipare all’atto, anche se contrario alla loro libertà religiosa. Questi, infatti, potranno presentare al dipartimento della Salute la loro obiezione di coscienza, firmando però un modulo di autorizzazione a procedere da parte di enti assicurativi terzi.

CONTRO LA CORTE SUPREMA. A prendere posizione nuovamente contro il governo sono stati i vescovi, ribadendo che «non c’è alcuna ragione legittima, né tanto meno convincente, per richiedere a un’organizzazione senza scopo di lucro a favore della vita, per esempio, di impegnarsi con un altro ente for profit per beneficiare di un compromesso sulla propria obiezione di coscienza». Inoltre, come hanno spiegato Anthony Picarello e Michael Moses, il primo consigliere generale e il secondo socio consigliere generale della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, le nuove modifiche, oltre a non risolvere «le preoccupazioni della stragrande maggioranza delle parti interessate, persone o enti religiosi», peggiorano la situazione anche «per gli enti for profit», come la Hobby Lobby, finora protetti dalla sentenza dei giudici federali.

LA CALIFORNIA. Sulla scia dell’amministrazione Obama, anche la California si è spinta oltre. Con una lettera, il dipartimento della Salute statale ha annunciato agli assicuratori sanitari privati che «tutti i piani sanitari stipulati in California devono coprire immediatamente l’aborto». Per questo sette chiese hanno denunciato il governo californiano, ricordando che l’aborto è «un grave male morale» ed è deplorevole il fatto che gli assicuratori abbiano «già confermato ad alcune delle chiese che questi cambiamenti sono già stati introdotti nei loro piani assicurativi». Secondo la direttrice legale della Life Legal Defense Foundation, Catherine Breve, che difende le chiese, anche «questo ordine è una risposta alla pressione politica delle lobby abortive». Come il governo federale, però, anche quello della California non ha replicato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. recarlos79 says:

    per fortuna che i cristiani americani li difendono i vescovi americani. se aspettano checco…..alla prossima partita magari gli firmerà un autografo.

    • Giuseppe says:

      Fortunati loro. I vescovi italiani, invece:
      – per il 2 % hanno gli attributi e intervengono [Negri, Caffarra, Crepaldi];
      – un altro 2% dice cose equivoche [es. Forte] o autentiche sciocchezze [es. Galantino];
      – il 96% DORME.

      • francesco taddei says:

        tu dici equivoche, io dico gravi. le dicono il 2% ma le pensano in molti di più.

        • Giuseppe says:

          Infatti, il più preoccupante è quel 96/10 di silenziosi. Bisogna trovare il modo di stanarli. Magari attraverso una iniziativa di Tempi. Amicone, cosa ne dici?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.