Google+

Obama-Romney alla pari. Ma la campagna presidenziale annoia gli americani

luglio 25, 2012 Benedetta Frigerio

I sondaggi mostrano lo scarso interesse degli elettori a conoscere meglio le proposte dei candidati. Irritati da una corsa negativa restano divisi a metà tra Obama e Romney.

Alcuni sondaggi vedono Barack Obama davanti a Mitt Romney, altri dicono il contrario. Si tratta, in entrambi i casi, di una distanza di pochi punti percentuali, dai due ai tre a seconda del periodo. In quattro mesi dopo la vittoria di Romney alle primarie Gop, le cifre sono rimaste più o meno sempre le stesse. E, a meno di cambiamenti repentini, le cose potrebbero rimanere così fino alla fine, dato che gli statunitensi non sono molto curiosi di sapere quale sia davvero il candidato migliore. Ormai sono convinti di essersi fatti un’idea che non hanno intenzione di cambiare. Sia i repubblicani sia i democratici sono infatti stanchi di una campagna elettorale che definiscono «estenuante». A mettere in luce questo stato d’animo sono due sondaggi successivi del “fact tank” americano Pew Research Center. Secondo il primo sondaggio, del 24 luglio, quando si tratta del presidente democratico, Barack Obama, il 90 per cento degli elettori dice di saperne già abbastanza su di lui. E, nonostante scenda, la percentuale rimane alta (69 per cento) anche quando si tratta di vagliare la “new entry” Mitt Romney.

Il motivo del disinteresse crescente lo si ritrova nel secondo sondaggio pubblicato il 5 luglio: il 56 per cento degli elettori riterrebbe già troppo lunga una campagna elettorale che per il 67 per cento degli intervistati è estenuante. Sopratutto per i repubblicani che la definiscono «irritante» nel 63 per cento dei casi. Mentre il 56 per cento degli indipendenti l’ha descritta come «monotona e noiosa». In effetti, da quando è terminata la corsa all’interno del partito repubblicano per scegliere lo sfidante di Obama i riflettori sulla campagna presidenziale si sono abbassati. Non a caso, infatti, i repubblicani intervistati sempre dal Pew Research Center, hanno detto di essersi appassionati molto di più allo scontro tra Mitt Romney e l’ex candidato Rick Santorum che non a quello presidenziale.

Ma perché? In effetti, «non molto è cambiato dall’inizio della corsa presidenziale», ha spiegato ieri il giornalista del Wall Street Journal Gerald F. Seib. E i sondaggi «mostrano molta stabilità», nonostante «un periodo di fermento economico in cui l’elettorato è sempre stato volubile». Probabilmente anche perché, di fronte a una situazione che non pare sbloccarsi, si è spesso puntato altrove senza successo. Non più sui programmi e i piani di recupero, bensì su annunci ad effetto e repentini cambiamenti di posizioni per aggiudicarsi il voto prima delle donne single, poi della lobby Lgbt e degli ispanici. Infine, Obama ha cercato di ingraziarsi anche la classe media annunciando la volontà di attuare un programma di un anno per agevolare i redditi sotto il 250 mila dollari.

I due candidati hanno investito cifre da record in una campagna pubblicitaria senza esclusione di colpi. Forse anche per questo, come emerge dal sondaggio pubblicato ieri dall’NBC/Wall Street Journal, il 43 per cento degli elettori ha un’opinione personale «negativa» del presidente democratico, mentre il 32 ne ha una «molto negativa». Va meglio Romney anche se ben il 40 per cento ha un’idea «negativa» di lui, mentre il 24 «molto negativa». Impressiona poi la percezione che gli elettori hanno del futuro del paese: il 60 per cento ha dichiarato che gli Stati Uniti sono sulla «cattiva strada». E solo per il 32 sono sulla «buona strada».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.