Google+

Non prendetevela coi poveri Obama e Renzi. La colpa è tutta delle serie tv

novembre 24, 2015 Pier Giacomo Ghirardini

Scoperto complotto internazionale: la politica mediorientale degli Stati Uniti suggerita da “Homeland”, il Jobs Act ispirato a “House of Cards”

renzi-obama-ansa

Pubblichiamo la rubrica di Pier Giacomo Ghirardini contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti).

Le serie tv spopolano. Alcune sono da trattamento sanitario obbligatorio. Altre sono carine perché la sceneggiatura è spesso scritta da grandi penne: penso a David Benioff, autore di perle letterarie come La 25ª ora e La città dei ladri, sceneggiatore di Game of Thrones, o a Emmanuel Carrère, che ha scritto un grande libro come Il Regno, che sceneggiò inizialmente Les Revenants. Per questo motivo, a differenza della telenovela concepita per mandare in pappa il cervello delle già abusate proverbiali povere casalinghe di Voghera, molte serie tv paiono mirare molto, ma molto più in alto.

Ed è qua, amici cari, che c’è puzza di vero complotto internazionale. Della cosa vi garantisco perché, beninteso, esclusivamente a scopo di analisi testuale sociologica e antropologica comparativa, chi vi scrive, da un po’ di tempo, la sera, ebbene sì, ne sta guardando qualcuna, strappato di malavoglia a La critica della ragion pura e a I dolori del giovane Werther.

Homeland, una serie tutta “spioni e droni”, dove la protagonista Carrie Mathison è un’esperta di intelligence della Cia con un grave disturbo bipolare, è una delle preferite di Barack e si dice – ma non ci credo – che il presidente si ecciti oltre modo alla visione, terminata la quale, convoca il consiglio di guerra ed emana direttive per lo scacchiere mediorientale e ne vediamo le conseguenze!

Guardate, è lo stesso effetto che la proiezione di Ombre rosse o de Il massacro di Fort Apache sortiva sulla mia debole mente di fanciullo: finito il film mi precipitavo a prendere fortino, indiani, cowboy, giubbe rosse e cavallucci di plastica – mi dovevano poi trascinare a letto per un orecchio.

Obama non ne ha colpa, è una vittima! Si tratta dell’eterna amletica (e mimetica) Mousetrap: la messa in scena dell’omicidio fa scattare come il pupazzo a molla della scatola l’omicida spettatore.

Persino il nostro giovine premier pare c’abbia una passionaccia per la serie House of Cards, dove imperversano un presidente Usa-Riccardo III e un’algida palestrata first lady-Lady Macbeth pro Lgbt (che Hillary Diane Rodham Clinton è un’orsolina del sacro cuore al confronto), interpretati da quella grandissima faccia di tolla di Kevin Spacey e dalla normanna Robin Wright. Orbene, l’anno scorso, a ridosso della puntata dove il presidente Frank Underwood annunziava al pubblico una riforma del welfare e del mercato del lavoro con la frase «You are entitled to nothing», il nostro metteva mano a provvedimenti su analoghe materie. Sono convinto che anche lui è una vittima del sistema – e che c’aveva in testa tutt’altre riforme, che neanche Che Guevara e Landini…

Per cui, come sempre, la colpa è delle mamme. Che non ti mettono a letto prima di carosello.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana