Google+

Obama potrebbe essere costretto a restituire il premio Nobel per la pace

febbraio 7, 2012 Redazione

Secondo il ricercatore Fredrik Heffermehl, «Nobel intendeva premiare i campioni della pace e Obama non ha diminuito i mezzi militari come argomento nelle relazioni internazionali». L’accusa di aver tradito l’intento originale del premio ha fatto aprire un’indagine ufficiale dalla Fondazione di Stoccolma.

A Barack Obama potrebbe essere ritirato il premio Nobel. È stata aperta un’inchiesta ufficiale sui premi per la pace consegnati negli ultimi tre anni, uno dei quali, appunto, è andato all’attuale presidente degli Stati Uniti. L’indagine è stata avviata dopo le ripetute lamentele di un ricercatore per la pace norvegese, secondo cui l’obiettivo originale del premio è sempre stato quello di diminuire il ruolo del potere militare nelle relazioni internazionali, cosa che gli ultimi premiati non avrebbero fatto.

Negli ultimi anni i campioni della pace sono stati Barack Obama (2009), il dissidente cinese Liu Xiaobo (2010) e il presidente liberiano Ellen Johnson Sirleaf, l’attivista liberiano Leymah Gbowee e Tawakkul Karman dello Yemen (2011). Secondo il ricercatore Fredrik Heffermehl, «Nobel intendeva premiare i campioni della pace. Senza dubbio aveva in mente i movimenti che la promuovono sviluppando le relazioni internazionali». Ma, come ha aggiunto all’Ap, «vi sembra che Obama abbia diminuito i mezzi militari come argomento nelle relazioni internazionali?». La polemica non è una nuova, visto che l’assegnazione “preventiva” del premio a Obama, ad appena un anno dalla sua elezione alla Casa Bianca, aveva fatto molto discutere. Secondo la definizione dello stesso Nobel, il premio dovrebbe onorare chi «lavora per la fraternità tra le nazioni, per l’abolizione o la riduzione degli eserciti e per la promozione di congressi per la pace».

L’accusa di aver tradito l’intento originale del premio è stata inviata ufficialmente per lettera alla Fondazione Nobel di Stoccolma, che farà le sue indagini e forse prenderà i dovuti provvedimenti. In ogni caso, la polemica sembra abbastanza sterile se poi viene indicato Al Gore come esempio di premio ben assegnato: uno che, per intenderci, dopo aver preso il Nobel per meriti ambientali ha ammesso di avere «incentivato il biofuel solo per scopi politici: ho fatto questo errore perché prestai particolare attenzione agli agricoltori del mio Tennessee. E a quelli dell’Iowa: perché allora correvo per la presidenza». Bell’esempio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Il Nobel per la pace è la cosa più ipocrita che esista, farebbero meglio ad eliminarlo. Negli anni lo hanno ricevuto personaggi osceni come il terrorista Arafat, il criminale di guerra Le Duc Tho o più simili a Wanna Marchi come Al Gore e Rigoberta Menchù. Nel caso di Obama poi si è giunti alla piaggeria più untuosa inventando il Nobel preventivo sulla fiducia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana