Google+

Obama perde i pezzi e la Chiesa americana prepara il contrattacco

giugno 21, 2012 Benedetta Frigerio

La presidentessa della Catholic Health Association ritratta la sua posizione su contraccettivi e aborto pagati ai dipendenti. Soddisfatti i vescovi che ora preparano una grande campagna nazionale per la libertà.

Dopo aver difeso la riforma Obama suor Carol Keehan, presidente della Catholic Health Association, aveva accolto anche l’obbligo imposto dal governo alle scuole e agli ospedali, anche privati, di pagare contraccettivi e interruzioni di gravidanza ai propri dipendenti. Anche se il compromesso sottolinea che saranno le assicurazioni a pagare, la Conferenza episcopale americana ha deciso comunque di opporsi al presidente, perché l’escamotage non smette di violare la coscienza di qualunque istituzione non voglia pagare per assicurazioni che prevedano tali pratiche. Nonostante questo suor Keehan, che rappresenta circa il 60 per cento delle associazioni e degli ospedali cattolici, sembrava troppo spaventata all’idea di perdere l’appoggio del governo. Ieri però, con grande sorpresa, la donna ha dichiarato che se il compromesso «inizialmente sembrava un buon passo» ora «non risolve le nostre perplessità iniziali». Dalla lettera con cui la suora parla al governo emerge ancora la sua posizione a favore dell’Obamacare, ma con alcune riserve: «Rimaniamo profondamente preoccupati per l’approccio assunto dall’amministrazione sui contraccettivi e l’aborto (…). Se il governo continuerà a perseguire la politica secondo cui tutti i dipendenti devono avere accesso ai servizi contraccettivi, allora bisognerà trovare un modo per fornire e pagare direttamente quei servizi, senza richiedere alcun coinvolgimento diretto o indiretto da parte dei “dipendenti religiosi”, come genericamente vengono definiti».

La ritrattazione viene dopo mesi spesi a sensibilizzare la società su un attacco che non è alla Chiesa cattolica ma alla libertà di coscienza e religiosa di ogni cittadino. E, di conseguenza, al lavoro incessante dei vescovi, cittadini cattolici, evangelici, protestanti, ebrei, musulmani e anche non appartenenti a nessuna chiesa, grazie a cui venerdì scorso sono state organizzate ben 164 sfilate in tutti gli Stati Uniti d’America. Partirà domani, invece, e proseguirà fino al 4 luglio, la grande campagna nazionale per la libertà promossa dai vescovi cattolici, che vedrà impegnate per due settimane tutte le diocesi del Nord America con eventi, azioni pubbliche e momenti di preghiera per proteggere la libertà religiosa del paese.

Ma se l’annuncio della ritrattazione è stato accolto con plauso, la Keehan ha avanzato una proposta che non piace ai vescovi. La suora ha chiesto che siano esentati dal pagamento della contraccezione e dell’aborto tutte le associazioni cattoliche che siano «controllate o associate a una chiesa o a una convenzione o associazione di chiese», quelle cioè che «condividono con esse le convinzioni religiose». Questa definizione però è ambigua. Proprio perché la battaglia della Chiesa non è in difesa solo dei cattolici, ma di tutti i cittadini. La definizione non può dunque escludere le scuole, i college, le istituzioni caritative che non sono legate a nessuna chiesa, ma che semplicemente non vogliono pagare la contraccezione e l’aborto ai propri dipendenti. La proposta della Keehan non tiene poi conto degli assicuratori che vogliano fare obiezione di coscienza. Perciò «se Obama accogliesse la richiesta di suor Keehan», ha commentato il centro studi Cardinal Newman Society, «gli ospedali religiosi sarebbero protetti, ma che dire della libertà degli altri cittadini

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana