Google+

Obama agli Usa: «Accordo subito, Washington non causi crisi economica»

luglio 26, 2011 Redazione

Se repubblicani e democratici non si accordano e innalzano il tetto del debito entro il 2 agosto, gli Usa andranno in default. Il presidente Barack Obama ieri ha parlato in diretta tv alla nazione: «Si rischia una profonda crisi economica causata interamente da Washington». La risposta repubblicana: «Vuole un assegno in bianco e non lo avrà»

Barack Obama ha chiesto agli americani di premere sul Congresso perché sia trovato un accordo sull’aumento del tetto del debito. Con un discorso alla nazione trasmesso in diretta tv, il presidente Usa ha avvertito che senza un compromesso su deficit e debito si «rischia una profonda crisi economica causata interamente da Washington». Un default sarebbe «un risultato avventato e irresponsabile del dibattito», ha osservato Obama che ha ricordato come in passato l’aumento del debito sia stato «di routine», al punto che un presidente repubblicano come Ronald Reagan lo ha firmato 18 volte e George W. Bush sette.

Per ora la risposta dei repubblicani è stata negativa: lo speaker della Camera, John Boehner, ha affermato che «Obama voleva un assegno in bianco sei mesi fa e vuole un assegno in bianco sulle spese anche ora», ma «questo non accadrà». A una settimana dalla scadenza del 2 agosto, si va così verso lo scontro: repubblicani e democratici già domani potrebbero presentare al Congresso i propri piani per metterli al voto, anche se molti ritengono probabile un compromesso in extremis.

Boehner ha presentato il nuovo piano del “Grand Old Party” che propone tagli alle spese discrezionali per 1.200 miliardi in 10 anni a fronte di un innalzamento del tetto non superiore ai mille miliardi. Il presidente Barack Obama chiede però di alzare la soglia di 2.400 miliardi. La complessa partita politica che si sta giocando sul debito federale sta in larga parte qui: un’azione di breve termine costringerebbe il Congresso a ridiscutere la questione in campagna elettorale, quando sarebbe più difficile per i democratici proporre nuove tasse per aumentare le entrate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download