Google+

O la Borsa o la Cina (comunista). Qual è il problema di fondo del regime

luglio 28, 2015 Leone Grotti

Per l’analista cinese Willy Lam, «la recente crisi ha mostrato la fallacia dell’assunto del Partito, secondo cui è possibile promuovere sviluppo economico e riforme senza cambiamenti politici»

È vero, il settore industriale cinese ha registrato a luglio la peggior contrazione da 15 mesi; è vero, i profitti delle ditte industriali sono calati dello 0,3 per cento a giugno; è vero, nel 2007 la Cina cresceva ancora in doppia cifra (14 per cento) e ora spera in una «nuova normalità», con il governo comunista che fissa il suo obiettivo al 7 per cento.

CROLLO STORICO. Tutto questo, però, non giustifica il crollo della Borsa di Shanghai, che ieri ha fatto registrare il suo peggior risultato dal 2007, perdendo l’8,48 per cento in un giorno solo. Oltre 1.700 titoli hanno perso il 10 per cento, limite massimo fissato dal governo che fa scattare la sospensione del titolo. Per 12 mesi di fila, dal giugno 2014, il Toro aveva infranto un record dopo l’altro, salendo del 150 per cento. Poi, improvvisamente, tre settimane di picchiata inarrestabile hanno fatto perdere a 90 milioni di piccoli investitori cinesi e ai grandi scommettitori, incoraggiati dal governo a giocare in Borsa, il 30 per cento dei guadagni (oltre tre trilioni di dollari in tutto). Dopo l’intervento del regime, che ha fatto recuperare il 16 per cento a Shanghai, c’è stato il nuovo crollo di ieri.

MERCATO “CINESE”. Come si diceva, di per sé la caduta verticale non è giustificata. L’economia cinese sta rallentando molto, certo, ma il 7 per cento di crescita di oggi, con il Pil che vale oltre 10 mila miliardi, è molto superiore al 14 per cento di crescita del 2007, quando il Pil valeva solo 3.500 miliardi. Che cos’è che non funziona dunque e che porta il «mercato con caratteristiche cinesi» a crollare?
Secondo Willy Wo-Lap Lam, uno dei più importanti analisti cinesi, «la recente crisi dei mercati finanziari in Cina ha mostrato la fallacia dell’assunto del Partito comunista cinese, secondo cui è possibile promuovere sviluppo economico e riforme senza avviare al contempo cambiamenti politici». Lam, come riportato da AsiaNews, ha scritto su China Brief che è perfettamente inutile che il governo indaghi i «”perfidi” broker e gestori di fondi» e impedisca ai grandi investitori statali di vendere titoli, il problema al fondo non è economico.

ECONOMIA ETERODIRETTA. Se i mercati sono crollati è «in gran parte per colpa dello stesso apparato dello Stato», continua l’analista. Al di là di come il regime ha spinto i cinesi ad investire (il Giornale del Popolo scriveva spesso frasi del tipo: «L’indice dei titoli è l’àncora del “sogno cinese”»), il problema è che il mercato non è davvero «libero di fare del suo meglio», secondo la famosa dichiarazione del premier Li Keqiang, ma è eterodiretto per fare la fortuna delle imprese statali e del partito. Così, ad esempio, «il 4 luglio il Consiglio di Stato ha convocato l’amministratore delegato della più importante società di intermediazione del Paese per un incontro di emergenza a Pechino, durante il quale gli è stato detto di “comprare sempre e non vendere mai”». Chi possiede almeno il 5 per cento di una compagnia, inoltre, non potrà vendere titoli per almeno sei mesi.

«LIBERALIZZAZIONE POLITICA». Ma come sosteneva l’ex premier Wen Jiabao, le misure e le «riforme economiche non possono avere successo in mancanza di una liberalizzazione politica». Questa liberalizzazione «è congelata da 26 anni per colpa del Partito comunista», continua Lam, e «in assenza di quei pesi e contrappesi che possono essere garantiti da una riforma politica, le tanto decantate direttive di alto livello di Xi in materia di economia possono rivelarsi un disastro». Così come non sono servite le misure adottate dal partito per evitare il nuovo crollo della Borsa di ieri.

MALCONTENTO. È un fatto che «la mancanza di un forte rimbalzo dei prezzi, a dispetto degli enormi sforzi governativi di lanciare messaggi positivi indica che gli investitori ordinari hanno perso fiducia nei “mercati guidati dalla politica”. La borsa è così diventata una piattaforma indiretta per i gumin [piccoli investitori], per dimostrare il loro malcontento in merito all’efficacia d’azione dell’apparato retto dal partito unico».

CAPITALISMO ROSSO BOOMERANG. Il capitalismo sfrenato e senza regole benedetto dal partito comunista negli anni Ottanta potrebbe ora ritorcersi contro gli eredi di Mao? È troppo presto per dirlo ma, conclude Lam, «fra le persone comuni si è già sollevato più di un dubbio sul cosiddetto “socialismo con caratteristiche cinesi”. L’incapacità della leadership guidata da Xi di adottare adeguate contromisure per riportare la giustizia e l’integrità nel mercato dei titoli azionari potrebbe provocare come risposta una forte richiesta di riforme politiche, che finora il Partito comunista cinese ha sempre negato ai suoi componenti».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana