Google+

La chicca del nuovo “Falce e carrello”: «Togliatti era contrario alle Coop»

novembre 25, 2014 Redazione

Esce una nuova edizione il libro di Bernardo Caprotti che racconta che cosa gli è accaduto in questi sette anni. E rivela un particolare curioso

Domani 26 novembre esce una nuova edizione di Falce e carrello, il fortunato (per le vendite) e sfortunato (per le cause giudiziarie) libro del patron di Esselunga, Bernardo Caprotti (qui l’intervista a Tempi). Quando fu pubblicato nel 2007 il volume suscitò grandissime proteste e contestazioni da parte delle Coop, di cui Caprotti raccontava le angherie.
In questa nuova edizione, anticipata oggi dal Giornale, Caprotti firma una premessa in cui ripercorre i sette anni passati dopo la prima pubblicazione. Narra come il libro fu accolto e i processi che ha dovuto subire – in ben 11 cause Caprotti l’ha spuntata in primo grado, in altre tre in appello -. Ma non è ancora finita, scrive Caprotti, perché «or ora sono arrivati tre ricorsi in Cassazione. 280 pagine di legalese. Loro hanno molti soldi – dei soci – e molto tempo».
Resta il fatto che in aprile l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha condannato la Coop Estense (Modena) al pagamento di un’ammenda di 4 milioni e 600.000 euro per aver «sistematicamente ostacolato i tentativi effettuati dalla concorrenza Esselunga di avviare punti vendita in provincia di Modena».

LA CHICCA. Nella premessa, Caprotti rivela anche una chicca, di cui è venuto a conoscenza in questi anni. «Togliatti, al suo ritorno dalla Russia nel 1944, era contrario alle Coop. Pur essendo un modello di impresa particolare, era pur sempre un’impresa, dunque contraria ai purissimi suoi principi comunisti. Ecco, dal suo intervento al secondo Consiglio nazionale del Partito comunista italiano del 7 aprile 1945: ” …Non è pensabile che un gruppo di avanguardia si organizzi isolatamente dalle masse per garantirsi condizioni di privilegio nella soluzione di determinati bisogni economici. Non possiamo dunque essere un partito di leghe e cooperative per la natura stessa del nostro partito”».
Solo che poi, «essendo Palmiro uomo molto intelligente» capì «quale straordinario strumento di affiliazione e propaganda avrebbero potuto essere le Coop. E non appena al Congresso della Lega delle Cooperative, tenutosi a Reggio Emilia tra il 15 ed il 17 giugno 1947, i comunisti si assicurarono la maggioranza col 58 per cento dei voti, emarginando repubblicani, socialdemocratici e anche i socialisti, Togliatti in persona designò Giulio Cerreti alla presidenza. Era un comunista superdoc, cofondatore del partito nel 1921 a Livorno, un dirigente di partito con un passato prestigioso. (…) Di cooperative non sapeva nulla, ma era un politico di professione, che aveva dato prova di fede e di una dedizione assoluta alla causa comunista. Cerreti, nel giro di sei-sette mesi, riuscì a insediare ai vertici delle Cooperative di tutto il Paese, a livello locale e regionale, decine di importanti dirigenti di partito. Ci fu una vera e propria immissione di quadri. Capitani coraggiosi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Francesco says:

    Complimenti dott. Caprotti!
    Lei è un italiano vero, di quelli che ormai sono sempre più rari. Ha avuto i suoi problemi e le sue difficoltà, come tutti, ma anzi che mandare tutto a … “puttane” ha tenuto la schiena diritta e non ha abbandonato la nave! Anzi con ancora più piglio ed energia l’ha condotta con onore e dignità ad essere una delle aziende più profittevoli d’Europa.
    Senza rubare, senza sottopagare i dipendenti, pagando le tasse, senza cercare nelle “amicizie” politiche una facile sponda, facendo della meritocrazia e non del nepotismo la propria bandiera…
    Ne avessimo di imprenditori così ……
    Grazie per l’esempio e la speranza che lei rappresenta.

  2. Giovanna says:

    Grande dott. Caprotti!!
    Non vedo l’ora di comprare il suo nuovo libro. Il precedente “Falce e carrello” è stato molto istruttivo.
    Grazie

  3. claudio says:

    Grande imprenditore.

  4. recarlos79 says:

    perché farsi la guerra? che tutte le pmi diventino cooperative e tutto il paese sarà più forte. a me non interessano guerre ideologiche sul capitalismo, ma la collaborazione.

  5. Jadexxx says:

    Mi duole dirl, ma secondo me la qualità di esselunga è molto scesa, soprattutto nell’ortofrutta, gli ex dipendenti con cui mi è spesso capitato di parlare raccontano di matrattamenti e angherie – certo subite non da Caprotti ma dai kapò che spadroneggiano all’interno dei negozi – , di disturbi di salute da stress, ecc. e persino di contratti illegali (proporre / impore un contratto di formazione lavoro nel commercio ad una persona che lo abbia già superato è illegale, e infatti la persona ha rifiutato). Alla Coop la merce è di migliore qualità (leggere la lista degli inredienti per credere) e i prezzi sensibilmente più bassi e questo per una famiglia può fare la differenza.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download