Google+

La notizia del tentato “golpe” europeista in Grecia conferma l’allarmante ottusità di Bruxelles

aprile 18, 2015 Lodovico Festa

Secondo il Financial Times, Berlino voleva sfasciare il governo Syriza per rimpiazzarlo con uno più “in linea”. È così che nacquero le tragedie del Novecento

Greek PM Tsipras in Berlin

Pubblichiamo la rubrica di Lodovico Festa contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Il Financial Times scrive che i tedeschi volevano sfasciare la maggioranza di Syriza per una più “europeista” con Pasok e Potamos. Riempire di Quisling tecnocratici gli Stati dell’Unione è idea in gran voga a Berlino. Di fronte a tali operazioni schifosette commentatori italioti straparlano di doveri verso l’Europa “che ci ha dato tanto”. Realismo da ragionieri che non fanno i conti con processi storici concreti ma con l’“astrattamente conveniente”. Così nacquero le tragedie del Novecento: l’ideologia del progresso inarrestabile preparò la Grande Guerra, trattare la Germania come oggi si tratta la Grecia la Seconda.

La storia è composta di identità, tradizioni, rappresentatività, uomini in carne e ossa. Chi si occupa solo della fluidità dei flussi finanziari e della prevalenza di idee convenienti porta in un vicolo cieco. La legittimità dell’“Europa” non è fondata su belle idee e abili tecnocrati, ma sulla resistenza al comunismo dopo il ’48: da lì, sotto guida americana, nacquero le convergenze comunitarie cresciute più per paura di Mosca che per la brillantezza, pur rilevante, di certi fondatori.

L’ultima fase europea è segnata dalla fine della Guerra fredda e dal cercare un nuovo quadro politico per l’unificazione tedesca, evento che molti osservatori pensavano avrebbe sconvolto gli equilibri continentali. Oggi è evidente come l’assorbimento senza sconvolgimenti non sia riuscito e che i pessimisti siano stati preveggenti.

Pensare a uno sviluppo lineare della situazione presente è fare come quelli che sulla musica del Ballo Excelsior portarono al ’14-18. Chi impreca contro i non “grati all’Europa” dovrebbe analizzare le recenti tendenze elettorali: i tory che per stare a galla assorbono molto del messaggio dell’Ukip, così l’Ump con il Front National e il Psoe con Podemos. La sconfitta dei cosiddetti populisti consiste nel far passare il cuore dei loro programmi.

Non sono chiare le vie del nostro futuro continentale ma sicuramente non sono esorcizzabili con insipide banalità.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sascha scrive:

    Il progetto europeo sta naufragando non per responsabilità dei cosiddetti “euroscettici” ma per la rigidità della Germania e delle élites europee nel proseguire sul vicolo cieco dell’austerità, delle politiche liberoscambiste con USA e Cina, della distruzione delle caratteristiche storiche, culturali, spirituali, sociali della civiltà europea, nello scontro intransigente con Mosca cristiana mentre prosegue la sottomissione vigliacca a Ankara, Riyadh, Doha e qualsiasi cosa provenga dalla cosiddetta “sponda sud” del Mare Nostrum!
    La Grecia è una nazione europea e come tale ha diritto al proprio riscatto sociale, economico e politico e se questo significa rimandare la restituzione dei prestiti o limitare l’ammontare degli interessi poco importa. La solidarietà verso un popolo europeo culla dei primi vagiti della nostra civiltà è molto più importante.
    Lo sterco del diavolo porterà tutti alla rovina!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana