Google+

«Non usiamo le agenzie di rating da anni. Chi ha investito in Titoli di Stato italiani ha guadagnato»

febbraio 16, 2012 Redazione

L’ad e presidente del Gruppo per la gestione del risparmio Azimut Pietro Giuliani, in un’interivsta ad Avvenire, dichiara che «sono anni che non seguiamo le agenzie di rating. I tassi sui Titoli italiani non corrispondevano alla realtà, chi ci ha investito ha guadagnato il 7,5%».

«Sono anni che non seguiamo le agenzie di rating. Il rating lo deve fare chi sceglie “come” e “dove” investire, ed è proprio quello il suo mestiere, onorato assumendoti il giusto rischio per farlo. Non esiste un’entità esterna che possa svolgere la stessa mansione “oggettivamente”». Parla così in un’intervista al quotidiano Avvenire Pietro Giuliani, presidente e ad del Gruppo Azimut, principale Gruppo italiano indipendente attivo nella gestione del risparmio, quotato a Piazza Affari. Azimut, a novembre, ritenendo che i tassi dei Btp avessero raggiunto livelli «che non corrispondono alla situazione reale», ha messo a disposizione dei risparmiatori un fondo che investe al 100% in Titoli di Stato italiani.

«A quei prezzi» spiega, «un fondo sui Titoli di Stato italiani rappresentava “tecnicamente” un ottimo investimento. L’Italia non è fallita e oggi, chi ci ha creduto, ha già guadagnato il 7,5%. Avendo per di più nel suo fondo Titoli con rendimenti importanti». Giuliani, secondo cui «l’Europa vive al di sopra delle sue possibilità», dà un giudizio molto negativo sulle agenzie di rating: «Quale valore aggiunto danno a una società di gestione del risparmio i signori del rating? Professionisti che fanno lo stesso mestiere degli analisti e dei gestori di una Sgr e, per di più, sono in evidente conflitto di interesse. E poi le principali agenzie di rating, tutte americane, hanno un pensiero “americano”, certo non “europeo”».

L’ad e presidente di Azimut si concede anche una battuta sulle misure da prendere per uscire il più in fretta possibile dalla crisi: «[Serve] una Banca centrale che possa operare come i colleghi della Fed o della Boe, e cioè come prestatore di ultima istanza, e un ministro delle Finanze che coordini le politiche fiscali e che metta un po’ di ordine in un’Unione ancora disunita politicamente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana