Google+

Non sono i peccati di S. a smentire la politica di B., è il contrario

settembre 28, 2011 Renato Farina

“Berlusconi è un po’ leninista quando sostiene che «la patonza va fatta girare». Allora uno pensa: perché devo sostenere politicamente una persona che ha questa idea del rapporto uomo-donna? Non è vero che la sua vita notturna contraddice gli ideali fintamente proclamati di giorno. È vero il contrario. La sua vita diurna smentisce lo stile di vita praticato la notte”. Pubblichiamo in anteprima la rubrica Il Diavolo della Tasmania, che uscirà sul numero 39 di Tempi

Berlusconi eccetera. Pure noi diavoli della Tasmania abbiamo organizzato seminari sul tema. Cos’è la moralità? Giù da noi, a casa di Satanasso, coincide con la coerenza. Nel nostro settore la formula si traduce così: dobbiamo essere coerenti con l’immoralità. L’immoralità vissuta con costanza e propagandata convintamente. A volte, lo dico contraddicendomi, dunque essendo incoerente, quindi immorale, quindi diabolico, a me pare che per gli umani la salvezza consista in una misteriosa incoerenza, in un brivido che fa allontanare dalla proclamata aderenza a uno “stile di vita”, ne mostra la fatuità. Poi ricade, afferma il contrario, ma resta la lacerazione, e qui sta il mistero dell’uomo, il guazzabuglio che batte nel suo petto.

Mi spiego a proposito di B. Egli sostiene che il suo modo di essere con le ragazze non contenga nulla di male, e non deve perciò chiedere scusa a nessuno. Gli piacciono, le seduce e se ne fa sedurre, nella libertà reciproca. Libero amore, proprio quello che proclamava l’amante di Lenin, Inessa Armand. Berlusconi è un po’ leninista dunque quando sostiene che «la patonza va fatta girare». Allora uno pensa: perché devo sostenere politicamente una persona che ha questa idea del rapporto uomo-donna? Ad esempio (da Diavolo incoerente) sostengo che felice è chi può vivere un solo amore e tutta la vita serva ad approfondirlo, sia come eros sia come agape, senza noia, perché l’amore è creativo, non esaurisce mai il suo oggetto, è il riflesso di Dio ed è infinito come Lui. Poveretto invece chi come una farfalluccia instabile consuma l’ora presente rubando e spezzando fiori. E se uno è così nella vita privata, siccome non siamo fatti a compartimenti stagni, è impossibile che questa idea non tracimi anche nel modo di fare politica. E allora?

Dico subito: guai a chi giudica. Berlusconi è stato osservato, intercettato, esplorato, per cui questa sua attitudine e pratica è diventata un fatto pubblico. È una violenza tremenda, gli si impedisce di avere una intimità, è come essere imprigionati da uno sguardo potente come quello divino, ma superficiale e cattivo. Non sappiamo nulla in realtà di quello che contiene il suo cuore. Non si può inferire che cosa ci sia dentro una persona sulla base di quello che si osserva dall’esterno. Lui è sincero, in compenso. Rivendica la moralità di tutto questo. Questo stupisce e addolora tanti cristiani. Dicendo che è un peccato, non un reato, essi non intendono togliere peso alla questione. Il peccato è peggio del reato per un cristiano. Infatti non tutti i reati sono peccati agli occhi di Dio.

Io però ho votato e voterò per S. B. se necessario. Perché sono sicuro che prevalga in lui una santa incoerenza, una ferita benedetta. Il suo modo di porsi dinanzi ai grandi temi della famiglia, dell’eutanasia, della difesa della vita, della libertà di educazione non è una scelta di convenienza. Lo conosco, lo so. Non è vero che la sua vita notturna contraddice gli ideali fintamente proclamati di giorno. È vero il contrario. La sua vita diurna smentisce lo stile di vita praticato e addirittura proclamato la notte. Che questa ferita si sani tra S. e B. è il mio desiderio e quello di tanti suoi amici. Che accada, dipende da Dio, da lui, e un po’ anche dal Diavolo della Tasmania.

P.S. Dal punto di vista della morale cattolica, provo a scandalizzare Rosy Bindi: è oggettivamente più grave la convivenza omosessuale ostentata da Nichi Vendola che il libertinismo berlusconiano. Il primo è un peccato che grida vendetta davanti a Dio. Il secondo è lussuria, secondo cerchio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. BIASINI scrive:

    Il Cardinale ha sbagliato bersaglio. Pensate voi se i preti rendessero pubbliche le conversazioni confidenziali (in gergo:confessioni) dei “penitenti”, siano essi credenti comuni o preti, frati, suore ecc. ecc. Succederebbe la fine del mondo. Le “conversazioni confidenziali” laiche e private, non meritano analogo rispetto?. Chi le rende pubbliche, se non hanno rilevanza penale, non commetterà forse (non lo so: non sono prete) un peccato, ma di certo una mascalzonata di gravità proporzionale agli scopi (indegni) che si vogliono perseguire. Di tutto ciò nulla, da parte del Cardinale. Mah!

  2. e.giufa scrive:

    Farina, Amicone: è finita!

    Avete scelto quello che credevate un cavallo di razza per fare affari, e si è rivelato un somaro.

    Non è strettamente indispensabile che facciate fare la figura dei deficienti a tutti i cattolici d’Italia.

    Non disperate!
    Cenere sul capo, cilicio, un po’ di Quaresima e fra una decina d’anni sarete come nuovi.

    E.Giufa

  3. 0549013128 scrive:

    Premesso che, da quando Berlusconi e’ in politica ho votato per lui una sola volta; ho gia’ scritto piu’ di una volta che ha sbagliato eticamente piu’ e piu’ volte, che deve preparare la sua successione per le elezioni del 2013 in quanto non e’ piu’ credibile a livello morale, voglio aggiungere che dall’altra parte della barricata siamo a livelli forse anche piu’ bassi. Cosa potrebbero portare di “nuovo” all’Italia gente come la Bindi e Bersani la cui militanza in politica si perde nella notte dei tempi. L’Italia come una bocciofila? Questo e’ stato uno dei motti di Bersani. L’Italia come una cooperativa? Come un revival dello statalismo di rossa/russia memoria? Questa e’ stata ed e’ tutt’ora l’idea dei post PCI, perche’, parliamoci chiaro, diciamo la verita’ tutti e una volta per sempre, il PD altro non e’ che la rivisitazione del PCI che faceva l’occhietto alla D.C. che accettava e contraccambiava per fare i comodi suoi. E poi, tanto per restare in argomento etico e morale, vogliamo parlare di Vendola? No, non ne voglio proprio parlare, non merita nessuna parola, chi sfrutta la propria diversita’ a fini politici, chi mette in evidenza la propria diversita’, manco stesse al mercato a vendere, chi si atteggia a un nuovo Savonarola come fustigatore dei comportamenti, liberi, altrui e non guarda i suoi, chi guarda e giudica quello che avviene nel giardino altrui e non quello che gli avviene intorno, scandali in Puglia a go go’, debiti in libera uscita, amici nei posti cardine e protetti da tutto e da tutti, leggi “magistratura”, e di che vogliamo parlare. Purtroppo, e torno a ripeterlo per l’ennesima volta, dopo Berlusconi che mi ha profondamente deluso per quello che poteva e doveva fare, non c’e’ nulla e nessuno nella nostra classe politica che ci possa far ben sperare. E si che riusciamo a rimanere sempre a galla nonostante tutto. Alvaro.
    P.S. Ho due figli che vivono negli USA, in Virginia probabilmente in questo momento lo stato piu’ ricco, uno la settimana passata era in Italia in vacanza ed e’ andato in gita all’Argentario tornato a casa mi ha detto:” Papa’ non ho mai visto tante Mercedes, BMW, Audi ecc, ecc, tutte insieme, e vi lamentate? Perche’? C’e’ un qualcosa che non capisco”.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana