Google+

Non solo Francia, ecco dove ci si oppone al matrimonio gay

gennaio 15, 2013 Redazione

Si moltiplicano le proposte di legge in Inghilterra e negli Stati Uniti e la Chiesa cattolica (ma non solo) si oppone all’introduzione delle nozze omosessuali

Di John Flynn, LC, tratto da Zenit.org – L’anno appena iniziato vedrà proseguire il dibattito sul matrimonio omosessuale, sempre più presente a livello mediatico. In Inghilterra e in Galles ne è ormai prossima la legalizzazione.

Negli Stati Uniti, assieme ai casi dibattuti nei tribunali, la battaglia continua nei parlamenti.

Ai primi di gennaio, nel parlamento dello stato dell’Illinois, ha avuto luogo un tentativo di presentazione di una proposta di legge per la legalizzazione del matrimonio omosessuale. Sebbene la proposta iniziale sia in fase di stallo, i proponenti hanno promesso di proseguire nei loro sforzi.

“Le leggi civili che istituiscono il matrimonio omosessuale danno vita a una finzione giuridica. Lo Stato non ha il potere di creare qualcosa che la natura stessa ci dimostra impossibile”, ha affermato il cardinale Francis George, arcivescovo di Chicago, in una lettera pastorale, co-firmata dai suoi vescovi ausiliari.

La lettera, letta pubblicamente lo scorso 30 dicembre, in occasione della festa della Sacra Famiglia, spiega che né lo Stato, né la Chiesa possono cambiare il significato naturale di matrimonio come unione complementare tra un uomo e una donna.

Non è stata solo la Chiesa Cattolica ad opporsi alla proposta di legge. Rappresentanti dei Cattolici, dei Musulmani, dei Mormoni, del Sinodo dei Luterani del Missouri e degli Anglicani hanno firmato una lettera inviata ai parlamentari dell’Illinois, sollecitandoli a non appoggiare alcuna normativa che estenda il matrimonio alle coppie omosessuali (cfr. Chicago Tribune, 2 gennaio).

“I tentativi in corso di alterare la definizione di matrimonio nell’ambito del diritto civile arrecano serie minacce, in primo luogo riducendo la comprensione culturale di matrimonio a un legame emotivo tra due adulti”, si legge nella lettera.

La natura del matrimonio non è soltanto una questione religiosa, spiega il cardinale George nella sua rubrica sul giornale diocesano Catholic New World del 6 gennaio.

Se da un lato Cristo ha santificato il matrimonio, facendone un sacramento, esso preesiste alla Chiesa e allo stato.

“Le relazioni sessuali tra un uomo e una donna sono naturalmente e necessariamente diverse dalle relazioni sessuali tra partner dello stesso sesso – afferma il cardinale George -. Questa verità è parte del senso comune della razza umana”.

La natura umana

Anche i vescovi inglesi hanno affrontato il tema del matrimonio omosessuale nei loro messaggi per la festa della Sacra Famiglia, stimolati dall’imminente introduzione legislativa da parte del parlamento britannico.

In una lettera pastorale, l’arcivescovo di Westminster, Vincent Nichols, ha dichiarato di aver pregato per il mantenimento nel paese del matrimonio come unione tra uomo e donna. Nichols ha anche esortato la popolazione a prendere contatto con i membri del parlamento, chiedendo loro di non cambiare la definizione di matrimonio.

In precedenza, durante un’intervista rilasciata alla BBC, l’arcivescovo aveva definito la proposta di legge per la legalizzazione del matrimonio omosessuale come un “pasticcio”, in quanto non è mai stata presente nel programma di alcun partito politico alle ultime elezioni legislative (cfr. Times, 25 dicembre).

Nichols ha toccato l’argomento anche durante la sua omelia della Vigilia di Natale, dicendo che “l’amore tra marito e moglie, che crea una nuova vita umana, è una meravigliosa condivisione personale dell’amore creativo di Dio, che porta in essere l’anima eterna che plasma ogni essere umano con il dono della vita umana”.

Anche l’arcivescovo di Birmingham, Bernard Longley, ha pubblicato una lettera pastorale sull’argomento.

“L’amore complementare di un padre e di una madre – ha detto – è un dono prezioso che dovremmo augurare ad ogni bambino”.

“La politica del governo non può prevedere le piene conseguenze per il bambino coinvolto o per la società tutta, di essere cresciuto da due madri senza l’influenza di un padre o da due padri, senza l’influenza di una madre”, ha aggiunto l’arcivescovo.

Perdita di tempo

La proposta di legge del governo è finita anche sotto il fuoco di un giudice  dell’Alta Corte, Paul Coleridge, che ha dato vita a un’organizzazione per la difesa del matrimonio, la Marriage Foundation.

“Troppo tempo e troppe energie sono stati spesi per un dibattito che coinvolge lo 0,1% della popolazione, quando abbiamo a che fare con il crollo della famiglia”, ha dichiarato il magistrato in un’intervista al Times del 26 dicembre.

Coleridge ha anche messo in guardia dal pericolo che, in caso di legalizzazione del matrimonio omosessuale, il clero possa essere pressato a celebrare quel tipo di nozze.

In prossimità del Natale, papa Benedetto XVI aveva trattato il tema del matrimonio omosessuale, durante il suo messaggio di auguri natalizi ai membri della Curia Romana, il 21 dicembre scorso.

In quell’occasione il Papa ha citato commenti fatti dal Rabbino Capo di Francia, Gilles Bernheim, secondo il quale l’attacco alla concezione di famiglia formata da un padre, una madre e dei figli, è basata su una falsa comprensione della natura umana.

Secondo questa visione alternativa, il sesso è una costruzione sociale, non un dato naturale. La persona umana è quindi vista come puro spirito e volontà e i figli diventano meri obiettivi che la gente ha il diritto di ottenere.

Il conflitto tra visioni della natura umana in contrasto tra di loro, è destinato a proseguire nei prossimi anni, con provvedimenti decisivi in corso di dibattito nei tribunali e nei parlamenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    L’ omosessualità esiste in natura, il matrimonio no.

    • marco scrive:

      Cara erika , solo che noi ,pur appartenendo alla Natura, siamo esseri umani e non animali.

      • ErikaT scrive:

        Sbagliato! Gli esseri umani appartengono anch’ essi al regno animale.

        • Marco scrive:

          Cara erika, Che Le devo dire? Continui a pensarla alla sua maniera.

          • ErikaT scrive:

            se gli umani non sono vegetali e non sono minerali non rimane altra possibilità: sono appartenenti al regno animale.

            • NOGAY scrive:

              Fate passare per normale il vostro disturbo mentale, volete far passare che essere gay è normale, ti ricordoche in natura esiste l’omosesualità in rarissimi casi e sono da Pappagalli Rospi Carpe e una misera tipologia di vermi.
              Una famiglia composta da uomo donna bambino e sacra e sopratutto normale, quindi da non paragonare agli esempi sopra.
              Dammi retta prova curartivisto mai che ritorni normale.
              Viva la normalità !!!!

              • ErikaT scrive:

                La invito a fare una ricerca su google riguardante l’ omosessualità fra le giraffe, buona ricerca :-)
                La famiglia è un’istituzione umana, create dall’ uomo, ha mai visto babbo cane con mama cagna e pargoli che convivono assimeme stabilmente??? ahahahah
                l’ omosessualità esiste in natura ed è anche parecchio diffusa.
                Chi è contro i gay è un illuso, il movimento gay è inarrestabile.
                vegetariantrav blog

              • albo scrive:

                Mi sembra che ad essere disturbata mentalmente sia lei. Si vada a leggere i vari trattati di etologia e vedrà che trovera vari primati oltre che numerosi uccelli come i pinguini (era stato sui giornali di quei due pinguini maschi che avevano adottato un uovo abbandonato e poi avevano allevato il piccolo). Lo sa che tanto astio nei confronti dei gay mi fa sospettare una sua omosessualità repressa latente diertro tanta ostentata “Normalità”?

  2. Marco scrive:

    Gentile Sig, Savio, Lei forse non ricorda che il KKK detesta neri, ebraici,popoli latini (noi italiani inclusi) ma anche i cattolici. In Illinois il KKK e’ particolarmente forte, proprio anche come reazione alla massiccia presenza cattolica , si documenti meglio prima di sputare addosso ad oltre un miliardo di cattolici al mondo.

    • albo scrive:

      Marco è per questo che stupisce vedere i cattolici allearsi con chiunque pur di veder negato questo diritto.
      Dovrebbe essere dalla parte delle minoranze e degli oppressi , non andare a braccetto con gli oppressori. Fa davvero impressione.

      • Marco scrive:

        Ci sono cattolici che stanno dalla parte dei poteri forti, ma ci sono anche quelli che li combattono, ci sono inoltre cattolici che da sempre aiutano materialmente i poveri e gli oppressi.

  3. sara scrive:

    l’omosessualità non esiste in natura è una libera scelta personale perchè gli esseri umani hanno la dignità di essere liberi di scegliere il proprrio male o il bene mentre un gatto miagolerà e un cane abbaierà x tutta la vita……se uno nasce maschio, maschio muore e uguale femmina il DNA non lo modifica nessuna operazione al mondo

    • albo scrive:

      Prima di sparare che “l’omosessualità non esiste in natura” si informi. Nella natura umana esiste l’identità sessuale e l’orientamento sessuale che non sono così rigidi come le sembrano e tale elasticità è proprio prevista dalla natura e dal DNA.

  4. sara scrive:

    ke le adozioni a coppie gay o lesbike non vanno bene ce lo dice il buon senso…non occorre essere dei geni

    • ErikaT scrive:

      ahah il buon senso è un parametro totalmente soggettivo

    • albo scrive:

      A me il buon senso suggerisce che un bambino ha bisogno di cure e di amore . Che questo venga dato da una coppia gay o etero, da un genitore rimasto vedovo, o da genitori adottivi mi risulta secondario. occorre solo essere aperti di cuore e disposti a dare il proprio amore a chi ne ha bisogno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana