Google+

Non si può dividere l’Ucraina in buoni e cattivi, come insegna la storia del giovane fuciliere Andriy in Crimea

marzo 5, 2014 Redazione

La sua caserma è assediata dai russi, che non sparano. Lui è diviso: detesta «la rivoluzione di Kiev ma ho giurato fedeltà all’intera Ucraina». I suoi superiori vogliono che combatta i russi «ma non ho niente contro di loro»

Ci sono storie che aiutano a capire quanto può essere diviso il cuore di un popolo o di una persona, trasportandoci fuori dalla divisione della rivolta ucraina in buoni e cattivi, in filoeuropei da sostenere e filorussi da condannare. Quella di Andriy raccontata oggi da Repubblica è una di queste storie.
Il fuciliere ucraino di 20 anni di origine russa è di stanza a Perevalnoe, base della 37esima brigata fanteria della Marina ucraina in Crimea, dove oggi comandano i soldati di Vladimir Putin e che intorno a metà marzo ha organizzato un referendum per far decidere alla popolazione se staccarsi da Kiev o meno.

UCRAINA O CRIMEA? La caserma è accerchiata da soldati ben armati e mezzi blindati e Andriy è diviso: da una parte ci sono i suoi amici che lo chiamano sul cellulare per chiedergli di unirsi ai russi, che assediano la caserma senza sparare, dall’altra i suoi superiori che lo spingono a combattere a viso aperto contro quegli uomini al di là del muro. Andriy detesta «quelli della rivoluzione di Kiev» e i suoi genitori «vanno in piazza ad applaudire l’intervento di Putin. Li capisco e condivido pure. Ma io sono un soldato o no?».
Come ha già fatto il comandante in capo della Marina ucraina, anche a lui hanno chiesto di giurare fedeltà alla Repubblica autonoma di Crimea, «ma io ho giurato fedeltà all’intera Ucraina. Tecnicamente è un tradimento e se poi si mettono d’accordo, a me che succede?».

«NON HO NIENTE CONTRO I RUSSI». Tutti sono nervosi come Andriy nella caserma a 40 chilometri dalla capitale Simferopoli che contiene il meglio della Difesa ucraina in Crimea: truppe scelte, autoblinde, pezzi d’artiglieria leggera. I soldati, a seconda delle opinioni, si scazzottano tra loro, mentre i superiori, quei «maledetti rompipalle» dell’indottrinamento ideologico («antica eredità di tutti gli eserciti sovietici»), ordinano loro di ribellarsi ai russi e affrontarli a viso aperto: «E da me cosa vorrebbero?», sbotta Andriy. «Che uscissi fuori a combattere contro questi qui? A parte che io non ho niente contro questi ragazzi venuti dalla Russia, ragioniamo dal punto di vista di pura tecnica militare: ci schiaccerebbero senza nemmeno sforzarsi troppo».

SERVE RICONCILIAZIONE. Davanti a storie come quelle del giovane fuciliere si capisce perché, come affermava lo slavista Georges Nivat a tempi.it, «il paese ora ha bisogno di compromesso e riconciliazione» e non di un Occidente che si schiera con gli uni o con gli altri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.