Google+

«Non è possibile che un paese viva chiedendosi se c’è stata o no una trattativa Stato-mafia»

marzo 15, 2012 Chiara Rizzo

Intervista a Emanuele Macaluso, direttore de Il Riformista, sul caso Dell’Utri e sugli sviluppi della trattativa Stato-Mafia.

Emanuele Macaluso, direttore de Il Riformista, l’ha scritto a chiare lettere: nella requisitoria del Procuratore generale di Cassazione del processo Dell’Utri «la frase incriminata sul reato di concorso esterno ad associazione mafiosa, “Nessuno ci crede più”, non c’è». Eppure proprio su quella frase si sono accapigliate, pubblicamente o privatamente, toghe illustri (Giancarlo Caselli, Antonio Ingroia) e giuristi (persino Carlo Federico Grosso, con un commento su La Stampa). Macaluso prende il via da quest’episodio per una riflessione più ampia sulla giustizia, anche rispetto ad altri fatti avvenuti in questi giorni. Come ad esempio la sentenza di Firenze sulle Stragi del ’93: secondo i giudici della corte d’Assise toscana «vi fu una trattativa tra lo Stato e la mafia» e l’iniziativa «fu assunta da rappresentanti dello Stato e non dagli uomini di mafia». E come le recenti interviste rilasciate al Corriere della Sera da Nicola Mancino (ministro dell’Interno tra il ’92 e il ’93), e Nicolò Amato, capo del Dipartimento della amministrazione penitenziaria, che nel ’93 avrebbe revocato il carcere duro per molti mafiosi (rispondendo così a una delle condizioni che i mafiosi avrebbero posto nella presunta trattativa con lo Stato per porre fine alla stagione delle Stragi). Si tratta di due nomi entrati a gamba tesa nelle indagini sulla trattativa Stato-mafia (ma nessuno dei due è stato indagato). Con tempi.it, Macaluso approfondisce il suo punto di vista: «Non è possibile che un paese viva chiedendosi per anni se c’è stata o no una trattativa, se Borsellino è morto per questo o no, e non si riesca a mettere un punto fermo su queste vicende».

Riprendiamo la domanda che si poneva ieri sul suo quotidiano sulla vicenda del Pg Iacoviello, «Com’è stato possibile che il messaggio trasmesso dai media sia stato travisato?»
Bisognerebbe chiederlo alle agenzie giornalistiche o ai giornalisti che erano presenti in Cassazione e hanno riportato per primi la frase. Non c’è dubbio che la notizia, che è stata ripresa da tutti ed è stata riportata tra virgolette, è stata diffusa dalle agenzie. Ma questa è una cosa grave: una frase che non c’è al centro delle proteste di tutti, giornalisti e magistrati. Considero grave questa distorsione fatta dai media, penso sia stata fatta una strumentalizzazione e mi chiedo se chi l’ha riportata era presente.

Lei pone un altro interrogativo: «C’è chi insinua che Giovanni Conso (ministro della Giustizia nel ’93, quando revocò il 41 bis per 300 mafiosi, nrd) come ministro ubbidì a indicazioni che venivano dal Quirinale, dove allora siedeva Oscar Luigi Scalfaro. Il quale, si dice, riponeva un’eccessiva fiducia nell’allora capo della Polizia, prefetto Parisi. Ma su quali fatti si fondano queste illazioni?». Ce lo può dire lei, che le ha raccolte e citate?
Ho solo raccolto alcune informazioni, ma per prima cosa porrei un’altra questione a tema. Chiederei che su una vicenda del genere si mettesse un punto. La procura nazionale antimafia, che ha tutti gli strumenti necessari per approfondire, perché non interviene per fare un po’ di chiarezza? Non è possibile che ci sia un rimpallo di responsabilità. Sulla trattativa, il primo a fare dichiarazioni era stato Claudio Martelli, che aveva dichiarato che il giudice Paolo Borsellino sapeva di una trattativa tra lo Stato e la mafia, l’avversava, e per questo sarebbe stato ucciso. Prima che Borsellino morisse, stando a ciò che emerso sinora, ebbe un incontro con il ministro dell’Interno, Nicola Mancino: le procure chiedono e sospettano fosse un incontro per parlare di questa trattativa, che il giudice voleva bloccare. Ebbene domenica sul Corriere l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino, ha ribadito quello che aveva già detto davanti ai magistrati: che lui non sapeva nulla su una trattativa, anzi, che Borsellino non ricorda proprio di averlo incontrato e dice di sentirsi “usato e venduto”. Oggi leggo una nuova intervista, stavolta a Nicolò Amato e pure lui rimanda ad altri, ignoti, le responsabilità. È grave, si tratta di persone che hanno avuto un ruolo essenziale e la magistratura non mette un punto su queste vicende? Non è possibile che un paese viva chiedendosi per anni se c’è stata o no una trattativa, se Borsellino è morto per questo o no, ma non si riesce a mettere un punto fermo.

Le vicende sulla trattativa sono costantemente riaperte dalle nuove dichiarazioni di pentiti. È possibile che ci sia da parte delle Procure un’adesione fideistica alle dichiarazioni dei pentiti, un po’ come denunciato dal Pg Iacoviello nel caso Dell’Utri?
Sì certo c’è anche questo, ma penso che ci sia anche una guerra trasversale all’interno dei poteri. Una guerra all’interno dei carabinieri, della polizia, dei magistrati, dei politici, che inquinano la ricerca della verità. Amato stamattina ha detto che Martelli sapeva tutto e mente, così come Mancino: ripetono “tutti sapevano che ho fatto il mio dovere”. Questo gioco dello scaricabarile penso sia il segnale di una guerriglia interna tra i poteri in gioco su questa vicenda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. rental laptop scrive:

    Very interesting information!Perfect just what I was searching for!

  2. mondoscopio scrive:

    Credo che sia errato, pur apprezzando in generale le affermazioni contenute nell’intervista, dichiarare e titolare questo articolo in questo modo. Cosa significa che un Paese non debba preoccuparsi e quindi chiedersi se è mai esistita una trattativa mafia politica!
    Devo chiederselo! Non solo, ma dovrebbe anche pretendere la chiarezza di capire se vi sono magistrati che intendono alzare un polverone mediatico infangando il nome di illustri rappresentanti delle Istituzioni oppure se le accuse sono fondate! Generalizzare il tutto coma una guerra tra poteri non significa nulla! Quali poteri? Si parla di coinvolgimenti di pezzi importanti dello Stato in lotta tra di loro e si vorrebbe archiviare il tutto con un ” ma parliamo di altro”! No, non sono in accordo con questo modo di rappresentare le informazioni. Se qualcuno delle istituzioni è coinvolto anche di riflesso in fatti di gravità inaudita è non solo giusto ma è un dovere morale oltre che giuridico accertare eventuali resposabilità!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana