Google+

Non possiamo non difendere un asset strategico come Telecom

settembre 15, 2017 Francesca Parodi

«È bizzarra l’idea che gli investitori stranieri siano liberi di acquistare tutto ciò che vogliono nel nostro paese». Intervista a Arturo Diaconale

telecom-ansa

Vivendi non esercita semplicemente «direzione e coordinamento» sul Telecom Italia, come sostengono i francesi, ma è diventato un vero e proprio «socio di controllo». Lo ha stabilito la Consob, la Commissione che vigila sulla Borsa, ai sensi del Codice civile e del Testo unico della Finanza, motivando la sentenza in un documento di 22 pagine. Vi si legge che la media company del finanziere bretone Vincent Bolloré, già azionista di maggioranza di Telecom dal 2014 con il 23,9 per cento, ha in pochi mesi assunto il controllo dell’azienda italiana designando manager francesi nei posti di comando: tre amministratori su dieci nominati da Vivendi ricoprono ruoli dirigenziali di vertice nel gruppo francese; il presidente esecutivo è De Putyontaine (dalla cui «esclusiva iniziativa» sono dipese le dimissioni dell’ex amministratore delegato Flavio Cattaneo); due consiglieri su cinque nel comitato strategico fanno parte del top management e di Vivendi. Telecom ha già replicato annunciando il ricorso.

DICE VITO GAMBERALE. La questione del passaggio di Telecom Italia, ex monopolista pubblico, ai francesi è oggetto di un dibattito molto acceso nel nostro paese. Le telecomunicazioni sono considerate da molti un asset nazionale troppo strategico per lasciarlo in mano a un’azienda privata straniera. È di questa opinione Vito Gamberale, ideatore e primo ad di Telecom Italia, intervistato sull’argomento sul numero di Tempi in edicola. Il manager mette in guardia da questa «situazione di totale anomalia» e accusa la classe politica di aver male interpretato il concetto di libero mercato: «Libero mercato non significa libertà di fare tutto ciò che si vuole su tutto ciò che è proprietà sensibile di un paese».

LIBERO MERCATO E RECIPROCITÀ. Arturo Diaconale, direttore dell’Opinione delle libertà, spiega a tempi.it di essere in totale accordo con Gamberale. «È bizzarra l’idea che gli investitori stranieri siano liberi di acquistare tutto ciò che vogliono nel nostro paese. Il libero mercato si fonda invece sulla reciprocità e sulla presenza di una situazione politica generale di stabilità e sicurezza. In caso contrario, ciascun paese ha diritto di difendere la propria sicurezza attraverso la tutela di quelle aziende che hanno un ruolo e un peso strategico. Lo dico io che sono un grande sostenitore del liberalismo». Non a caso, la Francia ha fatto retromarcia sull’accodo con l’Italia per i cantieri navali Stx, promessi dall’ex presidente Hollande all’italiana Fincantieri. Ancora più dei cantieri navali, le telecomunicazioni, spiega Diaconale, sono fondamentali per la sicurezza interna di un paese, dunque non possiamo permetterci che siano controllate da attori esterni.

UNITÀ EUROPEA. L’ipotesi di un investimento pubblico direttamente nel capitale dell’azienda sarà un problema che prima o poi il legislatore dovrà porsi, sostiene Diaconale. «È una strada possibile, ma anche molto complicata in questo momento di chiusura della legislatura, precarietà del governo attuale e generale incertezza politica. Dunque non credo che sia una soluzione immediatamente attuabile». L’alternativa comporta però profondi cambiamenti politici e di approccio culturale: «Se nella dimensione europea si riuscisse a superare gli egoismo nazionali e a dare vita a un’unità politica europea effettiva, un’azienda sarebbe strategica non solo per un singolo paese, ma per l’intera Unione europea. Allora non importerebbe la nazionalità di chi la controlla perché ogni decisione tenderebbe al superiore bene comune. Allora sì che, all’interno di un’area politicamente unita, ci sarebbe il libero mercato».

Per approfondire l’argomento, leggi il numero 37 di Tempi “L’Occidente ha perso la testa”: c’è l’intervista a Vito Gamberale, ideatore e primo amministratore delegato di Telecom Italia

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.