Google+

«Non basta che il matrimonio sia per sempre. Per compierlo servono i santi»

maggio 4, 2012 Benedetta Frigerio

Don Francesco Ventorino, teologo: «Il cuore dell’uomo è fatto per l’amore fino alla fine. Come quello di Gesù».

«Don Luigi Giussani è un prete che ha segnato positivamente la mia vita e il mio ministero sacerdotale. Lui diceva “L’affettività è il meglio di noi. Ma che cosa possiamo costruire di stabile sulla nostra capacità affettiva?”. È una domanda che travaglia o scoraggia chi vuole mettere su famiglia. Perché il meglio di noi è anche la cosa più fragile di noi». Sono le parole di don Francesco Ventorino, teologo e docente di Ontologia ed Etica presso lo Studio teologico S. Paolo di Catania, che ieri sera ha parlato davanti ai genitori del liceo Don Gnocchi e della cooperativa In-Presa di Carate Brianza. Il meglio di noi è la cosa più fragile di noi, «rovinata dalla nostra società che impone falsi modelli di realizzazione e compimento». Come recuperarla allora? Come soddisfarla? Ci si aspetta un consiglio, ma don Ventorino incalza: «Anche se la prendessimo sul serio ci troveremmo a dire che è moralmente passibile di compromessi. Perché il compimento dell’affettività è la gratuità assoluta: amare l’altro per se stesso, senza alcun ritorno». Una cosa umanamente impossibile, per questo sembra che gli uomini ci abbiano rinunciato. E infatti Ventorino cita Jean-Paul Sartre, che ci ricorda che la cosa che ci sta più a cuore è la più amara, perché quando non si realizza ci segna. Tanto che si può arrivare a odiarla per quanto la si ama. Come dice il poeta: «“Meno male che [mio padre] è morto presto”. “Ma questo”, scrive, “non è un fatto di cattiveria, è la norma. Non si accusino quindi gli uomini, bensì il legame di paternità. Fare figli? Non c’è cosa migliore. Averne? È la più iniqua”. Non che suo padre sia stato cattivo, ma la norma è che il padre dopo aver generato il figlio non è capace di trattarlo». A sentire Sartre, la delusione dell’aspettativa più grande che abbiamo pare una condizione ineluttabile. Una delusione ineluttabile. Ma «don Giussani – continua il teologo – scrisse alla Fraternità di Comunione e Liberazione prima di morire: “La prima caratteristica in cui l’Essere si comunica è la verginità. È il concetto di purità assoluta, la cui conseguenza di vorticosità assoluta è la maternità». Ventorino ricorda la reazione di una donna della Fraternità: «Reagì violentemente scrivendo a Tempi: “L’amore materno, lasciato alla sua istintività, è in realtà avido, vorace. Al di là di tante balle sulla dolcezza della mamma, e su come di mamma ce ne sia una sola – grazie a Dio, dico io. Le mani prima accarezzano, poi come il bambino cerca di andarsene brancolano un po’ smarrite. Spesso le dita si stringono, improvvisamente adunche, per fermarlo. Amatissimo bambino, però prima di tutto “mio” (…). La sola cosa di cui sono certa, è che questa pienezza non ce la si dà da sé. Poi, proprio non so. Il voler bene è una materia che mi è alquanto oscura».

Ma c’è un’altra posizione, quella espressa in un versetto di Shakespeare, «che mi fece scoprire una ragazza di seconda liceo classico. Lo tradusse come la poesia d’amore più bella. L’amato dice alla sua donna: “Quando sarò morto non piangere altrimenti il mondo riderà di noi”. È questa l’alternativa che si pone. L’alternativa fra il nulla e l’essere. Fra la realtà come tempio o come apparenza». Comprendere questo cambierebbe tutto secondo il teologo. Se l’altro è questo mistero eterno, se l’amato non è mai comprensibile, se è tempio del mistero da adorare. «Se si comprende questo allora l’unicità e il per sempre sono possibili». È possibile ciò per cui il cuore è fatto. Perché «il cuore dell’uomo è fatto per questo amore fino alla fine. Come quello di Gesù che “li amò fino alla fine”, dice il Vangelo». Ma cos’è questo fino alla fine? Per Ventorino si tratta dell’offerta totale di sé fino a che «ci è davvero possibile». Ma sopratutto che «niente e nessuno possono impedire, nemmeno il tradimento dell’altro. Tu poi essere fedele e questo compirà il matrimonio, porterà a termine quel per sempre per cui ti sei sposato. Anche se l’altro se ne va tu sarai fecondo,  sarai segno della possibilità dell’amore eterno. Segno per i figli e per il popolo».

Il matrimonio, infatti, è un’amicizia perfetta, ricorda il sacerdote, che non usa mezzi termini. «E chi non vive l’amore all’altro per se stesso, senza ritorno e non per una soddisfazione dei propri capricci, non è diverso da chi usa di una prostituta». Una prostituta, ripete: «Sì, perché l’amore vero non è un problema formale. No, non basta essere sposati affinché tutto sia lecito. No, se non tratti tua moglie come tempio di Dio, se non adori in lei il mistero che è, dando tutto te stesso per lei non ti unirai a tua moglie ma a una donna che stai rendendo prostituta». Se non c’è questa amicizia il matrimonio per Ventorino è inconsistente, anche se formalmente dura. Un’inconsistenza che si riflette sui figli: «Sono cresciuto a Catania fra la Prima e la Seconda guerra mondiale. Ogni notte da bimbo sentivo le bombe degli alleati. Passavo le notti con il terrore di morire. Da quel momento soffro di insonnia perché associo la notte alla possibilità di morire. Pensate a un ragazzo che, anche se i genitori non si separano, percepisce un’inconsistenza per cui se un coniuge non soddisfa più gli interessi di un altro, allora non è più interessante. Crescerà con il terrore che i suoi genitori si possono dividere. Questa instabilità dei giovani d’oggi da dove pensate che venga?». Ecco perché per educare è necessaria una dimora dove il rapporto coniugale sia un’amicizia perfetta, in cui si dà ai figli la certezza di rapporti eterni. «È solo in questo amore coniugale, infatti, che si possono amare veramente i figli. E che la famiglia diventa segno unico della inesauribile fedeltà e misericordia di Dio. Nell’unicità e nella fedeltà. Amati per se stessi a loro volta i figli prendono coscienza della propria grandezza che nessun limite può impedire».

Ma se amare così è impossibile all’uomo, se l’affettività anche presa sul serio è passibile di compromessi, come se ne esce? «Quando io riuscirò ad amare Cristo sino alla fine, allora sarò capace di dire all’altro come fare. Lo correggerò senza traccia di pretesa, lo farò solo per lui, senza ritorni. Questo si chiama verginità ed è un cammino che si fa stando nella Chiesa, chiedendo la compagnia dei santi viventi, dei testimoni dell’amore di Dio. È un cammino in un corpo dove io a poco a poco divento fecondo come il capo, come Cristo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. cristina roveri scrive:

    ciao,
    ho trovato questo articolo e mi è venuta in mente la nostra telefonata
    mica male come risposta, no?
    ciao
    Laura

  2. lessandro Carcano scrive:

    Aproposito dell’articolo di Don Ventorino perchè compare la foto dell’esimio capo del Governo, Mr. Monti?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana