Google+

Non affidiamoci a fanatici delle manette o delle lezioncine tecniche

febbraio 11, 2013 Lodovico Festa

Si è iniziato con i pm e a questi si sono affiancati adesso anche certi superesperti spesso mediocri in dottrina e ancor più in pratica

La campagna elettorale in corso rivela la disgregazione della Repubblica: un processo avviato con la non soluzione dei nodi posti dalla fine della Guerra fredda, concretizzatosi poi nella politicizzazione della giustizia nel ’92 e non risolto nel ventennio seguente sia per le inadeguatezze del centrodestra sia per le viltà del centrosinistra nonché quelle di uno sfiatato establishment capace solo di promuovere personalità evanescenti come Mario Segni o poi Mario Monti. Una crisi così grave dello Stato come quella che stiamo vivendo non può non provocare diffuse paure e connessi sentimenti irrazionali, innanzitutto tra i giovani colpiti dallo sbandamento della discussione pubblica. La principale forma che questi sentimenti, derivanti dalla disgregazione, vengono assumendo è la diffusione dell’idea che i tecnici possano assolvere a una funzione palingenetica della società: si è iniziato con i pm e a questi si sono affiancati adesso anche certi superesperti spesso mediocri in dottrina e ancor più in pratica. La speranza “tecnica” è ampiamente smentita dai fatti. La politicizzazione della magistratura ben lungi dal risanare la società ha indotto più generali fenomeni d’impazzimento della giustizia: dall’Ilva all’Aquila, dalle indagini sulla “trattativa” del governo Ciampi fino alla feroce rissa intorno al cadavere di un martire come Giovanni Falcone. Per quel che riguarda la superiorità degli economisti nella gestione delle cose collettive basta considerare il mondo delle nostre banche, dove – con la crescente deresponsabilizzazione delle proprietà (anche quelle maledette pubbliche) – si è affermato il festival del “tecnico”, per capire quali guasti su questa via attendano tutta la nazione. Però, al di là delle evidenze razionali, la sacrosanta idea che le questioni della politica vadano risolte innanzitutto dalla politica e che si tratti non di svuotare ma di riformare lo Stato per consentire questo processo, pur di fatto ispirando ancora parte decisiva dell’elettorato sia di destra sia di sinistra, si scontra con tendenze opposte particolarmente dinamiche che segnano ogni giorno qualche punto: come si può constatare riflettendo sull’impresentabile vicenda degli “impresentabili” quando persone spesso di qualità sia nel Pd sia nel Pdl sia nell’Udc, già colpite da scatenate persecuzioni mediatico-giudiziarie, sono state sottoposte anche a una sommaria mannaia politica.

Questo vento irrazionale fonda la base di proposte vagamente deliranti come quelle degli Ingroia o dei Grillo ma anche, in larga parte, di quelle avanzate da persone che si vorrebbero riflessive come lo stesso Monti o Umberto Ambrosoli. Queste tendenze vengono alimentate anche da ambienti internazionali politici e finanziari che antepongono le esigenze della semplificazione della governance di una realtà così importante  geostrategicamente ed economicamente come l’Italia, al consolidamento di una nostra sovranità fondata su quella popolare. Vediamo così certi “statisti” passare dal massimo dell’attenzione in casa propria su come vota il metalmeccanico dell’Ohio o il coltivatore della Bassa Sassonia, a lezioncine rivolte a Roma che dovrebbe affidarsi a qualche nerboruto pm o a qualche arrogante professore. Non è mai saggio arrendersi allo sconforto, e in questo senso è opportuno riflettere anche come non vi siano le condizioni – come vi erano nella prima metà del Novecento sconvolta da guerre e disoccupazioni – per le avventure più efferate. Va sempre ricordato come gli elettori siano dotati di un’intelligenza considerevole e siano talvolta in grado di aprire improvvisamente prospettive in situazioni che parevano irreparabili. Tutto vero. Anche se le condizioni per una politica razionale sono sempre più ristrette e anche le scelte che in qualche modo tengono aperto qualche spiraglio, sono segnate da confusione, volgarità, scarsa efficienza nella loro gestione. Ogni tanto viene da pensare a quei beati paesi dove almeno i golpe sono stati fatti da generali come quelli turchi d’antan con interventi circoscritti negli obiettivi e nei tempi, cosicché  la società non dovette soffrire per intere generazioni per torture inflitte da circuiti mediatico-giudiziari privi di quel minimo di responsabilizzazione necessaria in una società aperta e civile. Ma poi non si può non ricordare come di paradosso in paradosso la Germania degli anni Venti, quella che vide scrivere nella colta città di Weimar la costituzione che l’impiccò, segnata da una crisi dello Stato analoga a quella che stiamo vivendo, finì nel precipizio irrimediabile. Ecco perché rinunciando a qualche bon mot, alle idee brillanti di chi ogni giorno cambia opinione, alle “azioni parallele” di geni senza popolo, è bene concentrarsi sulle poche solide – anche quando opache – certezze che ci restano: scegliendo per prima cosa tra chi vuole fondare la democrazia sul popolo, e chi cerca altre vie, siano quelle delle manette o di sprezzanti lezioncine date da (più o meno) sapienti interessati solo a primazie oligarchiche. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Alcofibras scrive:

    affidiamoci agli specialisti del falso in bilancio

    • giuliano scrive:

      ha ragione, gli specialisti del falso in bilancio sono tutti in PD-MPS

      • tribute to TM scrive:

        ahahah

        bella risposta giuliano !

        :-))

        PS: comunque va detto che i comunisti possono rubare….perché – in ogni caso – la loro merda profuma…

  2. giuliano scrive:

    Se si va a vedere i periodi in cui ha governato Berlusconi notiamo che sono tutti periodi di stabilità economica e di respiro per le famiglie. Forse a lei piacerebbe sprofondare nel caos e nella miseria pur di continuare ad odiare una persona che potrebbe anche risollevare questo fazioso paese. Questo è il suo auspicio di risanamento ?? Oppure aspettiamo con ansia il programma di Bersani che, dopo che Monti ha aumentato le rendite catastali del 150%, vi aggiungerà una bella patrimoniale ?? oppure aspettiamo il risanamento dal gigantesco conflitto di interesse dell’ineffabile Ingroia che dopo aver mandato in galera innocenti e in barba alle regole fa il magistrato-candidato senza sollevare alcuno scandalo dai professionisti del “conflitto di interesse” ?? Mi spiace per lei ma io i professionisti dell’Italia giusta del MPS non li voglio a governare. Saluti

    • pse scrive:

      Gentile signore,
      quello che lei afferma non è vero. I periodi in cui ha governato berlusconi hanno coinciso con l’impoverimento dei ceti medi, anche al netto del ciclo economico mondiale (sul quale oggettivamente l’unto del signore di arcore può poco). Valga come esempio la pessima gestione dell’introduzione dell’euro, quando è stato permesso di accettare come compiuto un cambio 1 EUR = 1000 lire anzichè 1936 lire (come disse il ministro martino (o marzano, non ricordo) “eravamo convinti che un poco di inflazione avrebbe aiutato l’economia”).
      Nel decennio 2001-2010 (10 anni in cui il centro sinistra ha governato tra il 2006 e il 2008) gli unici momenti in cui i dati per l’economia italiana erano migliorati significativamente sono quelli in cui primo ministro era Romano Prodi (rientro dalla procedura per deficit eccessivo, spese per interessi sul debito in calo, intensificazione della lotta all’evasione fiscale, taglio del costo sul lavoro, sgravio delle aliquote ICI per i redditi bassi …). Giusto perchè il tormentone è lo spread agli ultimi giorni di governo di Prodi lo spread era 37 (non 280 e menchemeno 500).
      Non so se Bersani saprà fare meglio … di sicuro non mi pare il caso di affidare di nuovo la nave a chi già in due occasioni l’ha portata sugli scogli o quasi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana