Google+

Noah. Recensione di un colossal biblico con un piccolo problema: «La totale omissione del nome “Dio”»

marzo 22, 2014 Redazione

L’Hollywood Reporter conferma le indiscrezioni uscite nelle ultime settimane. Il Noè di Aronofsky e Russel Crowe è un visionario ambientalista

Via avevamo anticipato che Noah, il colossal biblico-hollywoodiano di Darren Aronofsky ispirato alla vicenda di Noè e interpretato da Russell Crowe (in uscita il 28 marzo negli Stati Uniti e il 3 aprile in Italia), si preannuncia come un grande catalizzatore di polemiche. Già dopo le prime segretissime proiezioni riservate in America a teologi e leader di alcune confessioni religiose sono trapelate indiscrezioni che descrivono il Noè di Aronofsky come una specie di pazzo ambientalista. Ebbene, a quanto pare non è solo l’opinione risentita di qualche esagerato turbocristiano: una conferma molto meno discutibile arriva adesso da Todd McCarhy, che ha recensito la pellicola per il mondanissimo Hollywood Reporter.

QUALCHE AZZARDO. Secondo McCarthy Noah è un film «vitale e audace», una specie di incrocio tra Il Gladiatore e Il signore degli anelli di Peter Jackson, dunque va visto principalmente con un action movie, anche se nemmeno il recensore di Hollywood Reporter, che nel complesso sembra avere apprezzato l’opera di Aronofsky, riesce a prescindere dal fatto che il regista abbia «osato» qualcosa di più rispetto alle precedenti produzioni americane destinate al grande pubblico, che di solito «procedono con attenzione e rispetto quando affrontano temi biblici», soprattutto se molto costosi (125 milioni di dollari l’investimento della Paramount per Noah).

IL “CREATORE”. In effetti Aronofsky ha condito la vicenda di Noè con un bel po’ di «ambientalismo aggressivo», osserva McCarthy. Ed è inevitabile che chi si aspetta o pretende una trasposizione letterale della storia «troverà molti motivi qui per scagliare i suoi fulmini». Il film – avverte il giornalista – «darà fastidio ad alcuni per la totale omissione del nome “Dio” dai dialoghi, ad altri per le numerose invenzioni narrative e a molti per i suoi pesanti messaggi da apocalisse ecologica, che lo caratterizzano senz’altro come un prodotto del suo tempo». D’altronde, spiega McCarthy, il regista e coautore «evidenzia immediatamente il suo revisionismo cambiando l’incipit del Genesi così: “In principio non c’era nulla”». E mentre nel testo biblico «è Dio quello che parla di più», qui invece il chiacchierone è per forza di cose Noè, «che a un certo punto si arrabbia con l’essere silenzioso che lui chiama semplicemente Creatore: “Perché non mi rispondi?”». Tanto è vero che nel film Russell Crowe sembra «prendere ordini da inquietanti visioni semi-allucinatorie».

LA NUORA INCINTA. Quanto all’ambientalismo, McCarthy racconta due scene: «Durante una visita al suo anziano nonno Matusalemme (Anthony Hopkins), i due concordano sul fatto che “sono gli uomini che hanno rovinato il mondo” e che per questo il Creatore lo distruggerà. E mentre fa provviste con uno dei figli, Noè gli dice: “Dobbiamo prendere solo quello di cui abbiamo bisogno, quello che possiamo utilizzare”». Si tratta ovviamente, chiosa il recensore, di battute dettate da quella «specie di religione ambientale del ritorno alla terra che per molti ha rimpiazzato la fede tradizionale». Abbastanza significativo anche un altro momento del film anticipato da McCarthy. Il giornalista spiega che a un certo punto «la sterile Ila», la donna di Sem interpretata da Emma Watson, «rimane miracolosamente incinta», e il compito «assolutista» che Noè crede di dovere assolvere «prefigura Abramo, creando una terribile spaccatura della famiglia». Di più il giornalista non dice, ma si può immaginare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Toni says:

    Pensavo peggio: il fatto che parla di un creatore …esclude il panteismo (non è poco il fatto che Noè non si rivolga a Gaia). Il film lascia la porta aperta su chi sia il creatore …. Allah , Dio , Manitù, Odino… Forse il film offende il buddhismo…. ma sicuramente ci sarà una battuta che mette a posto le cose.
    Se ho capito bene comunque si tratta di una sorta di padre di tutti gli ambientalisti e di un super meteorologo.

    • ben adam says:

      Peccato che tra i tanti nomi non abbia messo il Padre usato da Gesù : e padre e’ chi genera, non chi crea. #servecapiregesu

      • Toni says:

        Non ho forse capito il senso del suo intervento, ma trattandosi di una storia tratta dal Vecchio Testamento, fare riferimento a YHWH , sarebbe stata la cosa più ovvia. Ma oggi le verità sono saltate, e le cose ovvie hanno perso il loro senso … per cui, grazie certi creativi, tempo passerà, ma le vicende, benché bibliche le intrecceranno con quelle di peperino.

    • Ellas says:

      Gaia? Com’è tipicamente massone! E loro ce la mettono tutta, per omettere Dio e annettere il proprio pensiero. Vedremo che accade.

  2. stefania says:

    Il nome di ‘Dio’ è solo 1…..
    YHWH…tradotto in lingua italiana “GEOVA”…..la Bibbia originale lo riporta circa 7000 volte…oggi quasi tutti i testi l’hanno omesso, chiamandolo semplicemente come signore, il creatore, dio e altri titoli….LA VERITA’E’ SCOMODA PER I ‘SIGNORI’DEL POTERE!!!

  3. stefania says:

    Il nome di Dio è solo uno: GEOVA

  4. Hector Hammond says:

    Visto, se siete degli gnostici e non dei cristiani può piacere 🙁 …

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi