Google+

No-Tav, Passamani arrestato. E l’Italcoge va a fuoco

agosto 28, 2012 Marco Margrita

Secondo attentato in due anni all’impresa segusina: fiamme a uffici e mezzi, dopo che lo scorso luglio un comizio aveva bloccato i suoi dipendenti. E ieri è stato arrestato Massimo Passamani.

I No Tav non cedono nella denuncia del “collaborazionismo” delle imprese locali che, a vario titolo, lavorano o hanno lavorato al cantiere della Torino-Lione. Tra queste, uno degli obiettivi principali è la segusina Italcoge. Proprio una cava-deposito dell’Italcoge, ieri notte, è stata oggetto di un attentato. Ignoti, che i Carabinieri di Susa stanno cercando di individuare, hanno dato alle fiamme uffici e mezzi, provocando gravi danni. È il secondo attentato in due anni all’impresa.

Va ricordato che, nel luglio, gli attivisti anti-treno, con tanto di comizio del leader Alberto Perino, avevano presidiato l’ingresso per ore degli uffici di Susa dell’azienda, impedendo a proprietari e dipendenti di tornarsene a casa. Questa mattina, inoltre, una trentina di attivisti del movimento No Tav – riferiscono fonti delle forze dell’ordine – ha bloccato per circa mezz’ora minuti l’ingresso dell’Equitalia a Susa. Nel corso della manifestazione sono stati srotolati due striscioni con i testi “Equitalia e Tav = Denaro e devastazione” e “Equitalia assassina”. I manifestanti hanno lasciato spontaneamente il posto dopo l’arrivo della Digos della Questura di Torino e dei Carabinieri. Non vi sono stati incidenti. Il chiaro intento di intercettare il malcontento popolare rispetto all’agenzia di riscossioni.

Un clima tutt’altro che sereno in Valle. E certo non rassicura la notizia che Massimo Passamani, arrestato ieri a Trento, fosse una presenza costante alle manifestazione trenocrociate, anche dopo la notifica del foglio di via. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana