Google+

No Tav. L’occupazione della GeoValsusa è “un’intimidazione mafiosa”

agosto 26, 2012 Marco Margrita

Un centinaio di appartenenti al movimento No-Tav hanno occupato la sede della società di progettazione GeoValsusa che ha partecipato ai lavori della Tav. Volantino di rivendicazione: “è solo la prima di una lunga serie”

Sarà pure l’ultima versione della “non-violenza attiva” (bizantinismo brevettato da Luca Casarini ai tempi del G8 di Genova), ma a molti è apparsa un’intimidazione bella e buona. Un centinaio di appartenenti al movimento No-Tav hanno occupato la sede della società di progettazione GeoValsusa (in corso Trapani a Torino) che ha tra i soci l’ex consigliere comunale Dc Giuseppe Accattino. La colpa dell’azienda? Aver partecipato all’appalto per alcuni lavori accessori al cantiere della Torino-Lione a Chiomonte.

“La contestazione alla Geovalsusa Srl – rivendicano in una nota gli autori del gesto – ha diverse ragioni, una delle quali è quella per cui essa è complice della militarizzazione e della devastazione del territorio che a partire del 27 giugno 2011 continua ed essere imposta alla Val di Susa. Per territorio militarizzato intendiamo la presenza in Valle di centinaia di uomini delle forze dell’ordine, lautamente pagati, a controllare e asfissiare gli abitanti della valle, impedendo l’accesso alle loro terre e la libera circolazione sul territorio. Militarizzazione è la creazione di un sito strategico nazionale laddove è in corso la protesta legittima di una popolazione intera, ma lo è anche la nuova strategia adottata della questura dei “fogli di via”, provvedimenti del prefetto con i quali a numerosi No Tav viene impedito l’accesso alla Val di Susa per motivi di ordine pubblico”.

Il comunicato si chiude con una esplicita minaccia. “Non dorma sonni tranquilli chi pensa che con qualche notifica si possa indebolire un movimento che lotta con coraggio da più di vent’anni! Infatti, se è vero che i militanti No Tav con i fogli di via continuano serenamente a viaggiare in valle, lo è anche il fatto che i centri del potere della lobby Sì Tav si trovano quasi tutti nella metropoli torinese… La contestazione di oggi ad una delle ditte impegnate nella costruzione del Tav o meglio, affannate nel tentativo di riempirsi le tasche coi soldi pubblici, è solo la prima di una lunga serie quindi… a prestissimo!”.

Netta condanna da parte di tutte le forze politiche. L’onorevole Stefano Esposito (PD) parla di “intimidazione mafiosa” ed aggiunge che “in Val di Susa è arrivato il momento di riportare la legalità con tutti gli strumenti previsti dalla legge”. Presa di posizione netta anche da parte del vicecapogruppo alla Camera del Pdl Osvaldo Napoli: “le intimidazioni di questi professionisti dell’anti-istituzione sono ormai un vero attacco allo Stato”. Antonio Ferrentino, sindaco di Sant’Antonino di Susa, che ha recentemente laciato Sel per approdare al Pd, definisce, quella di ieri, “un’azione squadrista”. Per il presidente della Regione Roberto Cota è “vile attaccare i lavoratori”. Coerenti alla linea dell’unità a prescindere del movimento, dalla Val di Susa non giungono dissociazioni da parte dei leader del movimento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. No tav scrive:

    io sto coi No TAV. Ciao

  2. vicccrep scrive:

    cosa aspetta lo stato a punire questi delinquenti, che pretendono di avere la verità in tasca non accettano le norme democratiche, vanno denunciati e processati e se non sono abitanti della val suasa vanno rispediti a casa. Ai noTav vanno attribuiti i costi del presidio di cantiere e di tutti i ripristini che le loro malefatte provocano
    vic

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana