Google+

No Tav, 47 condanne e 6 assoluzioni. Ma loro parlano di “vendetta di Stato”

gennaio 28, 2015 Marco Margrita

Il processo per gli scontri in Val di Susa si è chiuso ieri. Nell’universo trenocrociato si parla di sentenza “senza prove”

Il  maxi processo ai No Tav per gli scontri del 27 giugno e 3 luglio 2011 in Valle di Susa si è chiuso ieri con 47 condanne e sei assoluzioni. Un totale di 140 anni di carcere. I reati contestati erano: violenza, resistenza, lesioni e danneggiamento. I fatti si riferiscono agli scontri scoppiati nell’estate 2011 a Chiomonte. In particolare si tratta del 27 giugno – quando le forze dell’ordine sgomberarono il grande presidio No Tav della Maddalena, dove oggi sorge i cantiere del tunnel geognostico – e del 3 luglio successivo, quando, durante una manifestazione, gli attivisti attaccarono l’area con quella che la Procura ha definito “un’azione violenta”, portata avanti con una “organizzazione che non è esagerato definire militare”.

VENDETTA DI STATO. Dal fronte No Tav, che ha manifestato già ieri sera a Bussoleno, bloccando anche l’autostrada, si parla apertamente di giustizia politica. Gli avvocati del movimento denunciano che “questa sentenza infligge condanne spropositate e riconosce provvisionali assurde in totale assenza di prove”.
I leader della protesta assicurano che “non saremo seppelliti dalle sentenze”, anche se i numeri delle presenze alla manifestazione di ieri erano ben lontani da quelli dei tempi migliori.
Intanto, sempre sul versante giudiziario è da registrare che la Corte d’Appello ha deciso di rigettare la richiesta di sospensiva, in attesa della sentenza di secondo grado, inoltrata dagli avvocati di Alberto Perino, Loredana Bellone (sindaco di San Didero) e Giorgio Vair (vicesindaco di San Didero) condannati dal tribunale di Susa al pagamento di 220.802,82 euro in favore di LTF.
L’universo trenocrociato parla di “vendetta di Stato”. Al di là dei toni e della necessaria retorica (sui social c’è chi chiede di concedere la cittadinanza onoraria nei comuni della Valle ai condannati), dal tribunale arriva un fendente non facile da riassorbire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. maurizio says:

    Pochi 140 anni..é che i giudici si son persi per strada l’accusa sacrosanta di terrorismo!!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi