Google+

No Tav, 47 condanne e 6 assoluzioni. Ma loro parlano di “vendetta di Stato”

gennaio 28, 2015 Marco Margrita

Il processo per gli scontri in Val di Susa si è chiuso ieri. Nell’universo trenocrociato si parla di sentenza “senza prove”

Il  maxi processo ai No Tav per gli scontri del 27 giugno e 3 luglio 2011 in Valle di Susa si è chiuso ieri con 47 condanne e sei assoluzioni. Un totale di 140 anni di carcere. I reati contestati erano: violenza, resistenza, lesioni e danneggiamento. I fatti si riferiscono agli scontri scoppiati nell’estate 2011 a Chiomonte. In particolare si tratta del 27 giugno – quando le forze dell’ordine sgomberarono il grande presidio No Tav della Maddalena, dove oggi sorge i cantiere del tunnel geognostico – e del 3 luglio successivo, quando, durante una manifestazione, gli attivisti attaccarono l’area con quella che la Procura ha definito “un’azione violenta”, portata avanti con una “organizzazione che non è esagerato definire militare”.

VENDETTA DI STATO. Dal fronte No Tav, che ha manifestato già ieri sera a Bussoleno, bloccando anche l’autostrada, si parla apertamente di giustizia politica. Gli avvocati del movimento denunciano che “questa sentenza infligge condanne spropositate e riconosce provvisionali assurde in totale assenza di prove”.
I leader della protesta assicurano che “non saremo seppelliti dalle sentenze”, anche se i numeri delle presenze alla manifestazione di ieri erano ben lontani da quelli dei tempi migliori.
Intanto, sempre sul versante giudiziario è da registrare che la Corte d’Appello ha deciso di rigettare la richiesta di sospensiva, in attesa della sentenza di secondo grado, inoltrata dagli avvocati di Alberto Perino, Loredana Bellone (sindaco di San Didero) e Giorgio Vair (vicesindaco di San Didero) condannati dal tribunale di Susa al pagamento di 220.802,82 euro in favore di LTF.
L’universo trenocrociato parla di “vendetta di Stato”. Al di là dei toni e della necessaria retorica (sui social c’è chi chiede di concedere la cittadinanza onoraria nei comuni della Valle ai condannati), dal tribunale arriva un fendente non facile da riassorbire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. maurizio scrive:

    Pochi 140 anni..é che i giudici si son persi per strada l’accusa sacrosanta di terrorismo!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana