Google+

No, le scuole cattoliche britanniche «non possono essere contrarie al matrimonio gay»

gennaio 12, 2017 Redazione

L’audizione in Parlamento della “zarina dell’integrazione” del governo di Londra non è stata all’insegna dell’uguaglianza. «Ho un problema con il “conservatorismo religioso”»

matrimonio-gay-regno-unito-ansa

Louise Casey è la donna incaricata dal governo britannico (nel 2015, quando in carica c’era David Cameron) di studiare il livello e i problemi di integrazione delle «comunità più isolate» presenti nel paese. Non a caso è frequentemente indicata dalla stampa come “zarina dell’integrazione” o “zarina dell’uguaglianza”. Lunedì 9 gennaio era in Parlamento per un’audizione in merito al suo recente rapporto che critica apertamente l’approccio buonista mantenuto per anni verso gli stranieri dalle istituzioni di sua maestà, concentrandosi in particolare sull’isolamento delle enclave pachistane e bengalesi. Non sono mancati spunti per accese polemiche.

A SENSO UNICO. Come si legge in un articolo del Guardian, la Casey, di fronte ai membri della commissione “Comunità e governo locale” della Camera dei comuni, «ha respinto l’idea che l’integrazione debba essere una strada a due sensi in cui la comunità ospitante è chiamata ad adattarsi a propria volta» alle esigenze e alle usanze degli ospiti.

Le parole della “zarina dell’integrazione”:

«Io non penso che sia una strada a due sensi. Penso che questa sia solo una citazione che alla gente piace ripetere. Per restare all’analogia della strada, io direi che l’integrazione è come un’autostrada bella grande, poi c’è un raccordo da cui le persone si immettono da fuori. Quello di cui c’è bisogno è che le persone nel mezzo [dell’autostrada] facciano spazio e siano gentili verso la gente che viene dalla corsia esterna, ma andiamo tutti nella stessa direzione e puntiamo tutti nella stessa direzione».

UN GIURAMENTO. Il Guardian riporta in particolare le nette prese di posizione della Casey sulla «tendenza alla segregazione delle comunità musulmane britanniche» e sulle discriminazioni subite dalle donne al loro interno; aggiunge una battuta poco politicamente corretta della signora a riguardo della necessità di insegnare agli immigrati «il nostro modo di vivere e quando portare fuori la spazzatura o mettersi in coda o essere cortesi»; segnala la sua proposta (difesa davanti ai parlamentari) di introdurre un «giuramento di integrazione» per «incoraggiare i nuovi migranti ad abbracciare i valori britannici».

LE SCUOLE CATTOLICHE. Ma l’immagine dell’integrazione come un’autostrada in cui «tutti andiamo nella stessa direzione» assume un significato un po’ più radicale alla luce della cronaca del Catholic Herald, dove viene ripreso un passaggio dell’audizione della Casey ignorato dal Guardian. Il giornale cattolico spiega infatti che a un certo punto la “zarina dell’integrazione” è stata interrogata sul caso della tentata islamizzazione di alcune scuole di Birmingham, e davanti ai parlamentari ha confermato che «sì, lo stesso sta succedendo altrove». Ma poi, per spiegare quale sia secondo lei la giusta posizione da assumere rispetto alle pretese dei vari “community leader”, ha cominciato a parlare delle scuole cattoliche.

La parola di nuovo alla Casey:

«Una scuola laica dovrebbe chiudere all’una il venerdì per motivi religiosi? Io so come la penso su questo, ma so anche che quel preside deve intrattenere una serie di difficili conversazioni con la comunità, che poi spesso si scopre che non si tratta neanche dei genitori [degli alunni]. Non succede dappertutto, in ogni angolo del paese, ma in certe comunità in alcune aree sì.
Quand’è che un insegnante che guida una scuola laica dice: “No, va bene se non vuoi fare teatro”, o musica, o questo tipo di cose? Quand’è che questo è ok? Io non ho davvero niente da dire sulla religione che propone questo tipo di opinioni, ma [queste opinioni] non sono ok, allo stesso modo in cui non è ok per una scuola cattolica essere omofoba e contro il matrimonio gay. Neanche questo è ok – non è questo il modo in cui tiriamo su i bambini in questo paese».

UGUAGLIANZA PER CHI? La Casey se la prende poi in generale con il «conservatorismo religioso», categoria nella quale secondo la sua visione probabilmente andrebbe ricompresa anche l’opposizione cattolica al matrimonio gay. «Ho un problema con l’espressione “conservatorismo religioso”, perché spesso può essere anti-egualitario. Dobbiamo stare attenti che le persone possano scegliere, ovviamente, di vivere le vite che vogliono vivere, ma non possono condannare gli altri perché vivono diversamente». La battuta del parlamentare conservatore Edward Leigh è quasi un gol a porta vuota: «La zarina dell’uguaglianza dice che “non possiamo condannare gli altri perché vivono diversamente”, poi condanna i cattolici perché vivono diversamente».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana