Google+

No, le scuole cattoliche britanniche «non possono essere contrarie al matrimonio gay»

gennaio 12, 2017 Redazione

L’audizione in Parlamento della “zarina dell’integrazione” del governo di Londra non è stata all’insegna dell’uguaglianza. «Ho un problema con il “conservatorismo religioso”»

matrimonio-gay-regno-unito-ansa

Louise Casey è la donna incaricata dal governo britannico (nel 2015, quando in carica c’era David Cameron) di studiare il livello e i problemi di integrazione delle «comunità più isolate» presenti nel paese. Non a caso è frequentemente indicata dalla stampa come “zarina dell’integrazione” o “zarina dell’uguaglianza”. Lunedì 9 gennaio era in Parlamento per un’audizione in merito al suo recente rapporto che critica apertamente l’approccio buonista mantenuto per anni verso gli stranieri dalle istituzioni di sua maestà, concentrandosi in particolare sull’isolamento delle enclave pachistane e bengalesi. Non sono mancati spunti per accese polemiche.

A SENSO UNICO. Come si legge in un articolo del Guardian, la Casey, di fronte ai membri della commissione “Comunità e governo locale” della Camera dei comuni, «ha respinto l’idea che l’integrazione debba essere una strada a due sensi in cui la comunità ospitante è chiamata ad adattarsi a propria volta» alle esigenze e alle usanze degli ospiti.

Le parole della “zarina dell’integrazione”:

«Io non penso che sia una strada a due sensi. Penso che questa sia solo una citazione che alla gente piace ripetere. Per restare all’analogia della strada, io direi che l’integrazione è come un’autostrada bella grande, poi c’è un raccordo da cui le persone si immettono da fuori. Quello di cui c’è bisogno è che le persone nel mezzo [dell’autostrada] facciano spazio e siano gentili verso la gente che viene dalla corsia esterna, ma andiamo tutti nella stessa direzione e puntiamo tutti nella stessa direzione».

UN GIURAMENTO. Il Guardian riporta in particolare le nette prese di posizione della Casey sulla «tendenza alla segregazione delle comunità musulmane britanniche» e sulle discriminazioni subite dalle donne al loro interno; aggiunge una battuta poco politicamente corretta della signora a riguardo della necessità di insegnare agli immigrati «il nostro modo di vivere e quando portare fuori la spazzatura o mettersi in coda o essere cortesi»; segnala la sua proposta (difesa davanti ai parlamentari) di introdurre un «giuramento di integrazione» per «incoraggiare i nuovi migranti ad abbracciare i valori britannici».

LE SCUOLE CATTOLICHE. Ma l’immagine dell’integrazione come un’autostrada in cui «tutti andiamo nella stessa direzione» assume un significato un po’ più radicale alla luce della cronaca del Catholic Herald, dove viene ripreso un passaggio dell’audizione della Casey ignorato dal Guardian. Il giornale cattolico spiega infatti che a un certo punto la “zarina dell’integrazione” è stata interrogata sul caso della tentata islamizzazione di alcune scuole di Birmingham, e davanti ai parlamentari ha confermato che «sì, lo stesso sta succedendo altrove». Ma poi, per spiegare quale sia secondo lei la giusta posizione da assumere rispetto alle pretese dei vari “community leader”, ha cominciato a parlare delle scuole cattoliche.

La parola di nuovo alla Casey:

«Una scuola laica dovrebbe chiudere all’una il venerdì per motivi religiosi? Io so come la penso su questo, ma so anche che quel preside deve intrattenere una serie di difficili conversazioni con la comunità, che poi spesso si scopre che non si tratta neanche dei genitori [degli alunni]. Non succede dappertutto, in ogni angolo del paese, ma in certe comunità in alcune aree sì.
Quand’è che un insegnante che guida una scuola laica dice: “No, va bene se non vuoi fare teatro”, o musica, o questo tipo di cose? Quand’è che questo è ok? Io non ho davvero niente da dire sulla religione che propone questo tipo di opinioni, ma [queste opinioni] non sono ok, allo stesso modo in cui non è ok per una scuola cattolica essere omofoba e contro il matrimonio gay. Neanche questo è ok – non è questo il modo in cui tiriamo su i bambini in questo paese».

UGUAGLIANZA PER CHI? La Casey se la prende poi in generale con il «conservatorismo religioso», categoria nella quale secondo la sua visione probabilmente andrebbe ricompresa anche l’opposizione cattolica al matrimonio gay. «Ho un problema con l’espressione “conservatorismo religioso”, perché spesso può essere anti-egualitario. Dobbiamo stare attenti che le persone possano scegliere, ovviamente, di vivere le vite che vogliono vivere, ma non possono condannare gli altri perché vivono diversamente». La battuta del parlamentare conservatore Edward Leigh è quasi un gol a porta vuota: «La zarina dell’uguaglianza dice che “non possiamo condannare gli altri perché vivono diversamente”, poi condanna i cattolici perché vivono diversamente».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana