Google+

Nigeria. Storia di Hajja, cristiana di 19 anni rapita da Boko Haram e costretta a convertirsi all’islam

novembre 18, 2013 Leone Grotti

La ragazza è riuscita a scappare e ha raccontato tutto. Gli estremisti islamici l’hanno resa una schiava e volevano sposarla a uno di loro, come fanno con centinaia di altre cristiane

«Convertiti all’islam o muori». È l’aut aut che i miliziani islamisti di Boko Haram hanno dato in Nigeria a una cristiana di 19 anni, rapita a luglio dai guerriglieri nel nord del paese per essere data in sposa a uno di loro. La ragazza, riuscita a scappare, ha raccontato a Reuters la sua storia, che è simile a quella di centinaia di altre cristiane.

SCHIAVA DEI TERRORISTI. Hajja ha passato quattro mesi con i suoi rapitori, che l’hanno trasformata in schiava costretta a cucinare e pulire per i terroristi islamici. «Quando penso a quello che ho passato, faccio fatica a dormire», racconta la ragazza che è stata testimone delle violenze perpetrate da Boko Haram, che davanti a lei sgozzavano i prigionieri rinchiusi in una delle tante grotte delle montagne Gwoza dove si nascondono.

COSTRETTA A CONVERTIRSI. La cristiana, con un coltello puntato alla gola, è stata costretta a convertirsi all’islam e a leggere il Corano. L’obiettivo era prepararla per poi essere data in sposa a un combattente. «Se piangevo, mi picchiavano. Se parlavo, mi picchiavano. Ho rifiutato più volte di convertirmi, ma alla fine ho dovuto cedere perché altrimenti mi avrebbero sgozzato come fatto con altri prigionieri. Per fortuna, non mi hanno stuprata».

LA FUGA. La ragazza, che era insieme ad altre dodici cristiane nella grotta, è riuscita a scappare fingendo di avere un forte mal di stomaco. Inviata all’ospedale insieme a una donna anziana per sorvegliarla, ha minacciato di raccontare tutto in mezzo alla folla ed è stata lasciata scappare. «Quando sono fuggita mi sono finalmente tolto il velo che mi hanno obbligata ad indossare e sono scoppiata a piangere. Così tante volte ho pensato che sarei morta».

BOKO HARAM. Boko Haram, che significa letteralmente “L’educazione occidentale è peccato”, rapisce sempre più spesso donne cristiane per convertirle. Il suo obiettivo dichiarato è destabilizzare il paese e cacciare tutti i cristiani dal nord per trasformarlo in uno Stato islamico. Per raggiungere lo scopo, oltre a attaccare le forze di sicurezza statali e l’esercito, insieme ai comuni cittadini, prende di mira le scuole per impedire l’educazione non islamica. Pochi giorni fa, gli Stati Uniti hanno inserito il gruppo tra i terroristi stranieri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana