Google+

Nigeria, sfuma l’accordo tra Boko Haram e governo. Leader terrorista: «Mai proposto il cessate il fuoco»

marzo 4, 2013 Leone Grotti

A gennaio un leader dei terroristi aveva proposto un cessate il fuoco. Il 19 febbraio il governo ha accettato con qualche riserva. Ieri il dietrofront di Boko Haram.

Se il leader di Boko Haram farà un intervento pubblico in cui rinuncia alla violenza, allora potremmo firmare un armistizio con i terroristi. Così si era espresso lo scorso 19 febbraio il generale nigeriano Sarkin-Yaki Bello, coordinatore nazionale del Centro antiterrorismo, sulla possibilità di un accordo per arrivare a un “cessate il fuoco” tra il governo del paese più popoloso dell’Africa e la setta terrorista di estremisti islamici. I Boko Haram – nome che in lingua Hausa significa «L’educazione occidentale è peccato» – in Nigeria dal 2009 hanno già ucciso oltre 3 mila persone.

MAI PROPOSTO IL CESSATE IL FUOCO. Ieri è arrivata la risposta con un breve filmato pubblicato su Youtube da parte di Abubakar Shekau, leader dei terroristi: «Boko Haram non ha mai proposto un “cessate il fuoco” e non siamo in dialogo con il governo né siamo pronti a discutere, almeno fino a quando le nostre condizioni non saranno soddisfatte». A gennaio, infatti, uno dei comandanti della setta, Sheikh Muhammed Abdulazeez Ibn Idris, aveva dichiarato di volere porre fine alla stagione di violenze. «Abdulazeez – continua il leader dei terroristi – non ha parlato a mio nome e mi dissocio completamente da lui».

LE CONDIZIONI DI BOKO HARAM. Le «condizioni» di cui parla Shekau sono due: che il governo non uccida più militanti di Boko Haram (proprio ieri in uno scontro a fuoco ne sono stati uccisi 20 nello Stato di Borno) e che smetta di riferirsi a loro come a dei «ladri armati». La soluzione del conflitto tra la setta, che mira a portare l’instabilità nel paese puntando soprattutto all’esplosione di conflitti etnico-religiosi, e il governo è ancora di là da venire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana