Google+

Nigeria, ora si chiudono anche le scuole. Nulla sembra poter fermare gli attacchi di Boko Haram

marzo 7, 2014 Redazione

La decisione del ministero dell’Educazione dopo gli attacchi degli ultimi giorni. Dieci giorni fa, altri 59 morti. In questi anni sono stati 209 gli istituti presi di mira dal gruppo terroristico

Nigeria. Arriva l’ordine di chiudere 5 collegi nelle aree a rischio del nord-est della nazione, per evitare che nuovi attacchi di Boko Haram prendano di mira scuole e studenti. Come riporta Al Jazeera, la misura è stata presa dal ministero dell’Educazione dello stato africano dopo che, il 25 febbraio scorso, il Paese ha assistito all’ultima strage: un blitz in un istituto di Buni Yadi, stato di Yobe, si è concluso con la morte di 59 persone, tantissimi ragazzi, sgozzati o uccisi nel rogo della struttura.

209 SCUOLE ATTACCATE. Due giorni fa è arrivata la decisione, che per certi aspetti alcuni studenti avevano già preso: per la paura erano diversi giorni che non si presentavano a scuola. I loro collegi si trovano negli stati di Adamawa, Borno e Yobe, i più colpiti in questi quattro anni e mezzo di violenza di Boko Haram: gli studenti saranno trasferiti in scuole negli stati confinanti. Si calcola che in questi anni di attacchi gli edifici scolastici colpiti siano stati 209, con un danno accertato di 15,6 milioni di dollari. Come detto, le scuole rimangono un obiettivo sensibile anche in quest’ultima fase in cui il movimento terroristico ha stravolto la sua strategia, non attaccando più soltanto le comunità cristiane, ma agendo in modo indiscriminato senza alcuna logica.

DA GENNAIO PIU’ DI 600 MORTI. In questo inizio di 2014 il gruppo terroristico legato ad Al Qaeda si è mosso con maggiore forza e odio, uccidendo più di 600 persone in poco più di due mesi. La gente non sa più in cosa sperare: lo scorso maggio il governo nigeriano ha lanciato la sua controffensiva, che però ha lasciato alcuni territori nelle mani degli islamisti tanto che, pochi giorni fa, il Governo di Lagos ha ammesso, per la prima volta, di essere ufficialmente in guerra contro Boko Haram.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    Ora aspettiamo una dichiarazione dell’Onu, o di Obama, o dell’unione europea: non si può veramente chiudere gli occhi di fronte a queste situazione

    • Menelik scrive:

      Non aspettarti niente da quel branco di caproni che si sigla ONU.
      Qui si tratta di andare contro Boko Haram, non il Vaticano.
      Qui si rischia davvero, non si fa la “bella figura” con le dichiarazioni della pedofilia dei preti.
      L’unica cosa che sanno fare è ammazzare bambini con aborti di massa e mettere a rischio la vita delle donne col Depo Provera…..”tanto sono solo negre”, magari pensano.
      L’ONU moralmente non esiste più, lasciatela bollire con la sua brodaglia.
      Quando non c’è rischio, manderanno un po’ di caschi blu da parata a violentare ragazzine.
      L’opinione che ho dell’ONU, come si può facilmente capire, sta sotto i tacchi delle scarpe.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana