Google+

Nigeria, ora si chiudono anche le scuole. Nulla sembra poter fermare gli attacchi di Boko Haram

marzo 7, 2014 Redazione

La decisione del ministero dell’Educazione dopo gli attacchi degli ultimi giorni. Dieci giorni fa, altri 59 morti. In questi anni sono stati 209 gli istituti presi di mira dal gruppo terroristico

Nigeria. Arriva l’ordine di chiudere 5 collegi nelle aree a rischio del nord-est della nazione, per evitare che nuovi attacchi di Boko Haram prendano di mira scuole e studenti. Come riporta Al Jazeera, la misura è stata presa dal ministero dell’Educazione dello stato africano dopo che, il 25 febbraio scorso, il Paese ha assistito all’ultima strage: un blitz in un istituto di Buni Yadi, stato di Yobe, si è concluso con la morte di 59 persone, tantissimi ragazzi, sgozzati o uccisi nel rogo della struttura.

209 SCUOLE ATTACCATE. Due giorni fa è arrivata la decisione, che per certi aspetti alcuni studenti avevano già preso: per la paura erano diversi giorni che non si presentavano a scuola. I loro collegi si trovano negli stati di Adamawa, Borno e Yobe, i più colpiti in questi quattro anni e mezzo di violenza di Boko Haram: gli studenti saranno trasferiti in scuole negli stati confinanti. Si calcola che in questi anni di attacchi gli edifici scolastici colpiti siano stati 209, con un danno accertato di 15,6 milioni di dollari. Come detto, le scuole rimangono un obiettivo sensibile anche in quest’ultima fase in cui il movimento terroristico ha stravolto la sua strategia, non attaccando più soltanto le comunità cristiane, ma agendo in modo indiscriminato senza alcuna logica.

DA GENNAIO PIU’ DI 600 MORTI. In questo inizio di 2014 il gruppo terroristico legato ad Al Qaeda si è mosso con maggiore forza e odio, uccidendo più di 600 persone in poco più di due mesi. La gente non sa più in cosa sperare: lo scorso maggio il governo nigeriano ha lanciato la sua controffensiva, che però ha lasciato alcuni territori nelle mani degli islamisti tanto che, pochi giorni fa, il Governo di Lagos ha ammesso, per la prima volta, di essere ufficialmente in guerra contro Boko Haram.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. domenico b. says:

    Ora aspettiamo una dichiarazione dell’Onu, o di Obama, o dell’unione europea: non si può veramente chiudere gli occhi di fronte a queste situazione

    • Menelik says:

      Non aspettarti niente da quel branco di caproni che si sigla ONU.
      Qui si tratta di andare contro Boko Haram, non il Vaticano.
      Qui si rischia davvero, non si fa la “bella figura” con le dichiarazioni della pedofilia dei preti.
      L’unica cosa che sanno fare è ammazzare bambini con aborti di massa e mettere a rischio la vita delle donne col Depo Provera…..”tanto sono solo negre”, magari pensano.
      L’ONU moralmente non esiste più, lasciatela bollire con la sua brodaglia.
      Quando non c’è rischio, manderanno un po’ di caschi blu da parata a violentare ragazzine.
      L’opinione che ho dell’ONU, come si può facilmente capire, sta sotto i tacchi delle scarpe.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.