Google+

Nigeria. Liberate 82 ragazze di Chibok: «Perché hanno aspettato tre anni per trattare?»

maggio 9, 2017 Redazione

In cambio il governo nigeriano ha rilasciato cinque comandanti jihadisti e pagato un riscatto. le accuse al presidente Buhari

Nigeria Kidnapped Girls

Altre 82 figlie di Chibok sono state rilasciate da Boko Haram. Le foto del loro arrivo ad Abuja, dove hanno incontrato il presidente Muhammadu Buhari lontano da occhi indiscreti (i giornalisti non potevano entrare), hanno fatto esultare di gioia tutto il paese, che attende il loro ritorno dal 14 aprile 2014.

MANCANO IN 116. Quella notte i terroristi islamici rapirono dal dormitorio della scuola 276 ragazze, quasi tutte cristiane, e le portarono nella loro roccaforte: la foresta Sambisa. Di queste 57 sono scappate subito dopo il rapimento, mentre 21 sono state liberate ad ottobre. Dopo gli ultimi rilasci, i jihadisti dovrebbero detenere ancora 116 studentesse (anche se si dice che 13 siano sicuramente decedute). Poco dopo il sequestro, i terroristi avevano pubblicato un filmato nel quale affermavano che le ragazze erano state tutte convertite all’islam. Il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, giurava: «Le venderò al mercato e le sposerò ai miei uomini».

DUEMILA RAPITE. Boko Haram, che significa “l’educazione occidentale è peccato”, è un movimento nato nel 2002 che si è convertito nel 2009 al terrorismo. Nell’estate del 2014 i terroristi hanno cominciato a occupare le città invase. In pochi mesi, i jihadisti hanno giurato fedeltà allo Stato islamico di Abu Bakr al Baghdadi, dichiarato la nascita di un Califfato e conquistato decine di città per una superficie pari a 30 mila chilometri quadrati (come quella del Belgio) negli stati settentrionali di Borno, Yobe e Adamawa. Nel 2016 l’esercito è riuscito a riconquistare tutte le città un tempo passate sotto i terroristi, che però sono ancora numerosi nascosti nella foresta Sambisa. Si calcola che Boko Haram abbia ucciso quasi 20 mila persone dal 2009. Almeno duemila ragazze e bambine sono state rapite negli ultimi tre anni. Queste purtroppo, al contrario delle studentesse di Chibok, sono state ignorate dai media.

«PERCHÉ SOLO ADESSO?». Non si conosce ancora la dinamica del rilascio. Sicuramente almeno cinque importanti comandanti jihadisti sono stati liberati e un forte riscatto è stato pagato. In tanti si sono chiesti come mai il governo abbia deciso di scendere a patti solo ora, dopo tre anni, visto che da tempo la società civile chiede di liberare le ragazze. A proposito, ha dichiarato a Fides il cardinale arcivescovo di Abuja, John Olorunfemi Onaiyekan: «In tutti questi anni sono stato tra quelli che hanno chiesto con insistenza al governo di fare di tutto per liberare le ragazze. Il governo ci ha risposto che non poteva trattare la loro liberazione con dei terroristi, scambiandole con alcuni detenuti di Boko Haram. Ma è quello che alla fine è avvenuto. Non si poteva farlo prima, risparmiando tre anni di sofferenze a queste ragazze e alle loro famiglie?».

TATTICA BUHARI. La domanda è rimbalzata ieri su tutti i giornali nigeriani, i quali si danno diverse risposte. Una delle più accreditate riguarda il presidente Buhari, gravemente malato e partito per un tempo indefinito alla volta di Londra per farsi curare. Per il Daily Post, l’ex dittatore islamico del paese avrebbe deciso di trattare e far liberare le ragazze proprio ora per distrarre il paese dal suo stato di salute.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download