Google+

Nigeria. Il ritorno a casa delle donne e dei bambini liberati dalle grinfie di Boko Haram

maggio 5, 2015 Redazione

«Alcuni sono stati rapiti che avevano tre anni, non sanno qual è il loro villaggio, non ricordano i nomi dei genitori». Il racconto del vescovo di Yola

 

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Sarà difficile ricongiungere le vittime con le famiglie perché molte di loro sono sotto shock e non sanno nemmeno dire dove e quando sono state catturate: «Alcuni sono stati rapiti che avevano tre anni, non sanno qual è il loro villaggio, non ricordano i nomi dei genitori». A raccontare alla Misna il ritorno a casa, nel nord-est della Nigeria, di donne e bambini finalmente liberi dopo essere stati a lungo prigionieri di Boko Haram, è il vescovo di Yola, Stephen Dami Mamza. In più di trecento hanno viaggiato per tre giorni a bordo dei pick up dell’esercito nigeriano e sono stati accolti nei campi allestiti dal Governo nigeriano a Yola, capoluogo dello Stato di Adamawa. Provengono dalla foresta di Sambisa, la roccaforte degli islamisti presa d’assalto dai militari il mese scorso. Molti sarebbero originari di Gumsuri, un villaggio non distante dalla cittadina di Chibok, divenuta nota nel mondo per il rapimento di oltre duecento liceali nell’aprile 2014.

Secondo monsignor Mamza, la riabilitazione fisica sarà solo la prima parte di un impegno di assistenza che dovrà essere portato avanti dallo Stato con il sostegno delle organizzazioni umanitarie e religiose. Il reinserimento in una vita sociale, l’istruzione e il lavoro saranno sfide complesse. Ma questi, aggiunge il presule, sono anche giorni di speranza: «Da settembre nei campi di accoglienza della diocesi abbiamo assistito fra i tremila e i tremilacinquecento sfollati che avevano dovuto lasciare i loro villaggi a causa dell’avanzata di Boko Haram, ma la maggior parte di essi ha già potuto far ritorno a casa».

Le donne e i bambini giunti nei giorni scorsi a Yola sono denutriti, deperiti, sofferenti: dovranno essere alimentati e curati, fisicamente e psicologicamente. Inutile soffermarsi sui dettagli di racconti raccapriccianti. Troveranno solidarietà, fortificata da anni di conflitto: «Nei nostri campi — osserva Mamza — musulmani e cristiani hanno vissuto gli uni accanto agli altri, nel rispetto e nella pace, combattendo a modo loro il fondamentalismo».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download