Google+

Nigeria, che fine hanno fatto le 219 ragazze ancora nelle mani di Boko Haram a tre mesi dal rapimento?

luglio 14, 2014 Leone Grotti

Il 14 aprile scorso i terroristi rapivano 276 ragazze a Chibok. Tre mesi dopo, ancora nessuna notizia sul loro possibile rilascio

Abubakar-ShekauA tre mesi dal rapimento di 276 ragazze nigeriane da Chibok (nello Stato settentrionale di Borno), di cui una cinquantina sono già fuggite, non si sa ancora nulla su dove si trovino e come potrebbero essere rilasciate. E nonostante il Consiglio nazionale degli Stati nigeriani abbia dichiarato settimana scorsa che «presto arriveranno buone notizie», l’ottimismo non rientra tra gli stati d’animo dei parenti delle ragazze rapite.

NUOVO FILMATO. In un nuovo filmato di 16 minuti rilasciato da Boko Haram, il leader Abubakar Shekau si è fatto beffe dei tentativi del governo di salvare le ragazze e della campagna mediatica #BringBackOurGirls, dichiarando che l’unico modo per riaverle è uno scambio di prigionieri. Nel video, inoltre, saluta «il fratello» Al Baghdadi, leader dello Stato islamico, e invoca «la protezione di Allah» su di lui e il neonato califfato islamico, a cui sembra guardare con simpatia.

ACCORDO FALLITO. Nelle mani dei terroristi dovrebbero esserci ancora 219 ragazze. Nessuno sa quale sia il loro stato di salute ma secondo l’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo «molte non torneranno più e continueremo a interrogarci per molti anni». Non solo, «molte sono ormai incinte e daranno vita ai figli dei membri di Boko Haram».
A maggio si era parlato di un accordo raggiunto tra terroristi e governo nigeriano per il rilascio delle ragazze, ma questo era naufragato dopo l’incontro tra Goodluck Jonathan e il suo omonimo francese François Hollande, in cui i due si sarebbero accordati per un «piano d’azione globale e regionale». Questo piano, però, non ha ancora dato frutti mentre i rapimenti per mano dei terroristi continuano incontrastati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana