Google+

Nigeria, Gheddo: «Le scuole cristiane sono nel mirino dei terroristi perché piacciono anche ai musulmani»

luglio 9, 2013 Leone Grotti

Intervista a Piero Gheddo: «Le scuole cristiane educano in modo umano e attraggono anche famiglie islamiche. Ecco perché i jihadisti di Boko Haram le distruggono»

«Attaccando le scuole cristiane in Nigeria, Boko Haram vuole dare un segnale preciso e molto semplice, soprattutto ai musulmani: non frequentatele più». Così Piero Gheddo, missionario, giornalista e profondo conoscitore delle vicende africane, spiega a tempi.it la nuova strategia dei terroristi di Boko Haram, che da tempo hanno preso di mira in Nigeria le scuole non islamiche. L’ultimo attacco risale a sabato scorso, 6 luglio, a Mamudo, nello stato nord-orientale di Yobe, dove gli estremisti legati ad al-Qaeda hanno ucciso 41 studenti e un professore.

Perché Boko Haram colpisce proprio le scuole cristiane?
Come è noto, Boko Haram si proclama una setta di al-Qaeda che combatte contro l’educazione e i costumi cristiani, e quindi contro la scuola cristiana in quanto tale. Attaccando gli istituti danno un segnale preciso: nessuno ci vada più.

A chi è rivolto il segnale?
Soprattutto ai musulmani, perché non solo i cristiani frequentano le scuole della diocesi, ma tutti, essendo le scuole migliori. Nelle scuole cattoliche o anche protestanti gli alunni sono seguiti da tutti i punti di vista: sono in un ambiente sicuro, lontani dalla droga o dalla criminalità. In queste scuole, inoltre, si fa molta attenzione all’educazione sessuale, si insegna ai ragazzi il valore della sessualità. Le persone, insomma, sono educate in modo non tanto cristiano, quanto umano. E questo è molto apprezzato anche dai musulmani, che infatti le preferiscono a quelle statali.

Boko Haram vuole solo cacciare i cristiani?
Non solo. Vuole prendere il controllo della Nigeria, applicare la legge islamica e impossessarsi delle proprietà dei cristiani. Quando i vescovi nigeriani fanno interviste dicono sempre che Boko Haram ha scopi economici e non è un mistero che le etnie cristiane a parità di condizioni con quelle musulmane si sviluppano di più e sono più ricche.

Perché?
Semplice, perché i cristiani ad esempio valorizzano le donne e le mandano a scuola. Nel sud della Nigeria, dove rispetto al nord la maggioranza della popolazione è cristiana, la gente è più evoluta. Ed è normale, perché spesso i musulmani tagliano fuori la metà dell’umanità, quindi si sviluppano di meno.

Il governo di Goodluck Jonathan non riesce o non vuole fermare Boko Haram?
Il governo nigeriano è impotente, non ha forza per contrastare i terroristi in un paese di 160 milioni di abitanti. Sono deboli, vorrebbero fermarli perché non hanno nessun interesse a farli andare avanti, ma non possono. Negli anni Ottanta, quando mi trovavo in Nigeria, i cristiani erano sì discriminati ma non c’erano queste violenze. Tutto è nato con al-Qaeda e le organizzazioni che si sono affiliate a loro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. beppe scrive:

    e poi promuovono i referendum per togliere i finanziamenti. hai mai sentito parlare di schizofrenia?

  2. beppe scrive:

    e poi promuovono i referendum per togliere i finanziamenti. hai mai sentito parlare di schizofrenia? in italia per ora i musulmani se ne stanno buoni..per ora……….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana