Google+

Nigeria. Boko Haram semina il terrore tra i cristiani: «Hanno sgozzato mio fratello come un agnello»

febbraio 5, 2014 Redazione

I sopravvissuti all’attacco di Boko Haram nel nord della Nigeria scappano dalle loro case distrutte. «Abbiamo visto l’inferno. Non hanno avuto pietà. Andare in chiesa è impossibile»

«Abbiamo visto l’inferno. Non hanno avuto pietà». Così Rahilla Ibrahim parla dei terroristi islamici di Boko Haram, che lo scorso 26 gennaio sono entrati nella chiesa cattolica del villaggio di Wada Chakawa (Adamawa), nel nordest della Nigeria, e hanno «sgozzato uno a uno» i fedeli prima di darla alle fiamme (foto a fianco, ndr).

CRISTIANI SCAPPANO. Rahilla, secondo quanto riportato da Ap, ha perso nell’attacco il figlio e il marito. Oggi non ha più niente e quindi non ha neanche motivo di scappare, ma molti suoi concittadini sì. Come Moses Yohanna: «Hanno sgozzato mio fratello come un agnello. Ora non c’è sicurezza e le nostre vite sono in pericolo».
Gli ufficiali governativi hanno fatto visita al villaggio venerdì scorso, portando cibo e acqua, ma in tanti se ne sono andati.

«ANDARE IN CHIESA? FUORI QUESTIONE». Allo stesso modo, molti cristiani sono fuggiti nello Stato di Adamawa dal vicino Stato di Borno, spesso bersaglio degli attentati di Boko Haram. «Sono almeno tremila le persone fuggite qui ad Adamawa», afferma l’ufficiale statale Hamza Bello. «Ma anche qui gli attacchi sono frequenti».
Ed è il motivo per cui in molte località non vengono neanche celebrate funzioni religiose: «Siamo confusi e depressi perché possiamo fare ben poco», dichiara il reverendo Jerome Odineze. «Spesso aboliamo le funzioni. In molti posti andare in chiesa è fuori questione».

UCCISO RELIGIOSO ISLAMICO. Venerdì un pastore protestante è stato ucciso a Sabon Garin Yambdula, sempre nello Stato di Adamawa. Prima di andarsene i terroristi hanno cercato di dare fuoco a tutto il villaggio, senza riuscirci. Anche un islamico, il religioso Sheikh Adam Albani, è stato ucciso, questa volta a Kaduna, per aver ripetutamente criticato Boko Haram.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.