Google+

Nigeria, Boko Haram attacca un collegio nella notte: 43 morti. Vittime sgozzate e date alle fiamme

febbraio 25, 2014 Redazione

Assalto ad ostello che ospitava ragazzi tra gli 11 e i 18 anni: alcuni sono stati sgozzati, altri sono morti nell’incendio. Le scuole diventano obiettivo frequente se non insegnano la sharia

Nigeria, Boko Haram continua a seminare morte e paura. 43 sarebbero le vittime dell’attacco che la scorsa notte ha preso come obbiettivo un collegio a Buni Yudi, nello stato nord-orientale di Yobe. Le vittime sono tutti maschi, in maggioranza studenti tra gli 11 e i 18 anni, che stavano dormendo nelle camere del collegio stavano quando, attorno alle 2 di notte, il commando della setta armata islamica ha compiuto la sua azione.

PRIMA GLI SPARI, POI L’INCENDIO. La ricostruzione è quella fatta dal portavoce delle forze armate, Lazarus Eli: prima alcuni uomini avrebbero sparato alcuni colpi contro l’ostello del collegio. Quindi sarebbe cominciata la mattanza: alcuni dei ragazzi sarebbero stati sgozzati dai ribelli, altri ancora uccisi a colpi d’arma da fuoco. Infine, è stato appiccato un incendio alla struttura, all’interno della quale sarebbero morti altri giovani. La struttura è stata letteralmente divorata dalle fiamme, crollata a terra durante la notte e i morti ridotti in cenere.

SCUOLE E UNIVERSITA’. Nei quattro anni e mezzo di sangue che hanno segnato il nord-est della Nigeria, non è la prima volta che una scuola diventa obiettivo delle azioni di Boko Haram, che anzi con frequenza attacca istituti e collegi. Il fine è quello di minacciare e indebolire quelle scuole in cui non viene seguita la sharia, cercando di lasciare sicure solo gli istituti di ispirazione musulmana. Spesso poi le azioni sono rivolte contro quei ragazzi e quelle scuole che seguono curriculum di studi troppo “occidentali”, negando così quello che il nome Boko Haram stesso significa, “l’educazione occidentale è peccato”: con questo criterio a fine settembre alcuni uomini armati fecero più di 50 morti nel campus universitario di Gujba.

Leggi l’intervista di tempi a monsignor Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos: Così la mia Nigeria resiste al doppio assedio degli islamisti e dei “progressisti” occidentali

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana