Google+

Nigeria, Boko Haram attacca un collegio nella notte: 43 morti. Vittime sgozzate e date alle fiamme

febbraio 25, 2014 Redazione

Assalto ad ostello che ospitava ragazzi tra gli 11 e i 18 anni: alcuni sono stati sgozzati, altri sono morti nell’incendio. Le scuole diventano obiettivo frequente se non insegnano la sharia

Nigeria, Boko Haram continua a seminare morte e paura. 43 sarebbero le vittime dell’attacco che la scorsa notte ha preso come obbiettivo un collegio a Buni Yudi, nello stato nord-orientale di Yobe. Le vittime sono tutti maschi, in maggioranza studenti tra gli 11 e i 18 anni, che stavano dormendo nelle camere del collegio stavano quando, attorno alle 2 di notte, il commando della setta armata islamica ha compiuto la sua azione.

PRIMA GLI SPARI, POI L’INCENDIO. La ricostruzione è quella fatta dal portavoce delle forze armate, Lazarus Eli: prima alcuni uomini avrebbero sparato alcuni colpi contro l’ostello del collegio. Quindi sarebbe cominciata la mattanza: alcuni dei ragazzi sarebbero stati sgozzati dai ribelli, altri ancora uccisi a colpi d’arma da fuoco. Infine, è stato appiccato un incendio alla struttura, all’interno della quale sarebbero morti altri giovani. La struttura è stata letteralmente divorata dalle fiamme, crollata a terra durante la notte e i morti ridotti in cenere.

SCUOLE E UNIVERSITA’. Nei quattro anni e mezzo di sangue che hanno segnato il nord-est della Nigeria, non è la prima volta che una scuola diventa obiettivo delle azioni di Boko Haram, che anzi con frequenza attacca istituti e collegi. Il fine è quello di minacciare e indebolire quelle scuole in cui non viene seguita la sharia, cercando di lasciare sicure solo gli istituti di ispirazione musulmana. Spesso poi le azioni sono rivolte contro quei ragazzi e quelle scuole che seguono curriculum di studi troppo “occidentali”, negando così quello che il nome Boko Haram stesso significa, “l’educazione occidentale è peccato”: con questo criterio a fine settembre alcuni uomini armati fecero più di 50 morti nel campus universitario di Gujba.

Leggi l’intervista di tempi a monsignor Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos: Così la mia Nigeria resiste al doppio assedio degli islamisti e dei “progressisti” occidentali

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.