Google+

Niger. «Hanno distrutto tutte le nostre chiese, ma siamo infiammati dall’amore per loro»

luglio 16, 2015 Leone Grotti

A sei mesi dalla distruzione di 69 chiese nel paese, ancora nessun indagato. Vescovo di Maradi: «Dobbiamo dire Messa all’aperto, i musulmani sono dispiaciuti»

«Abbiamo sempre avuto ottime relazioni reciproche. Perché ci hanno attaccato?». Ambroise Ouédraogo, vescovo di Maradi, una delle due diocesi del Niger, a sei mesi dai fatti ancora non riesce a capacitarsi di che cosa abbia potuto spingere i musulmani del paese a razziare, radere al suolo o bruciare in un giorno tutte le chiese del paese tranne due: la cattedrale della capitale Niamey e un piccolo tempietto fuori città.

VIGNETTE SU MAOMETTO. Centinaia di persone il 17 gennaio hanno demolito in poche ore 69 chiese nel paese africano, dove solo l’1 per cento della popolazione (21 mila persone) è di fede cattolica. L’armonia tra le fedi si è spezzata quando Charlie Hebdo ha fatto uscire la nuova copertina su Maometto, dopo la strage compiuta da affiliati allo Stato islamico nella quale hanno perso la vita 12 membri della redazione del settimanale satirico francese.

LIBERTÀ DI STAMPA. «Hanno confuso il cristianesimo con Charlie Hebdo, come se le caricature le avessimo fatte noi», spiega il vescovo di Maradi a Aid to the Church in Need. «La libertà di stampa in Europa va bene. Ma dovreste trattare questa libertà con più attenzione ed essere consapevoli dell’impatto che ha negli altri paesi. Le sensibilità in Africa sono differenti da quelle in Europa».

MESSE ALL’APERTO. Ora la comunità cattolica è costretta a celebrare la Messa all’aperto o in sale allestite per l’occasione. Dopo l’attacco «è emerso che la fede della gente è forte e credo che questa sia una benedizione», continua il vescovo. Il rapporto con i musulmani è inevitabilmente cambiato: «I musulmani non sanno bene come comportarsi ora, si sentono spaesati. Sono dispiaciuti per quanto accaduto, ma non possono dirlo ufficialmente».

«LI AMIAMO LO STESSO». Anche se ancora non è stato indagato né arrestato nessuno per le violenze, i cattolici hanno scelto la via del perdono. «Hanno bruciato le nostre chiese, ma i nostri cuori sono ancora infiammati dall’amore per loro», rivela monsignor Ouédraogo. «Siano cristiani o musulmani, Dio ama tutti».

Foto Acn


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Antonio scrive:

    charlie hebdo è quanto di piu’ schifoso, becero, arrogante sia mai comparso sulla Terra. Alcune copertine fanno davvero vomitare, roba di pessimo gusto inutile e gratuitamente offensiva. Puro bullismo mediatico, violenza mascherata da “libertà” e saccentemente etichettata come “cultura”

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Ci sarà qualche volontario che dalla Francia se la sente di andare a ricostruire le Chiese distrutte dai musulmani?
      Chiedo, perchè forse mi è sfuggito: sono scesi in piazza milioni di cittadini e politici a fidesa dei cristiani morti ammazzati nel mondo? O ci frega solo di quelli d’Europa ?

    • Raider scrive:

      I musulmani “cattivi” da cui quelli “moderati” hanno preso (opportunisticamente) le distanze, hanno cancellato, di fatto, la libertà non solo di satira, ma anche di critica dell’Islam.
      Altro che “bullismo mediatico!” Voialtri pseudo cristiani già dhimmizzati siete come e peggio degli islamici di cui bramate la “protezione”: e siete peggio di Charlie Hebdo quando riducete il Cristianesimo a una farsa, paragonando in modo blasfemo assassini che, a parole e solo per salvare la facciata non violenta, condannate, non alle vittime (che dipingevano sulla copertina del numero successivo un Maometto piangete che singhiozzava cristianamemente: “Tutto è perdonato”. peciò, qesto omn èp bastato né agli islamici né ai loro amici e presunti parenti abramatici) a Cristo che caccia a frustate i mercati dal tempio: la redazione di Charlie Hebdo non era un tempio, era un posto di lavoro, comunque si pensi di una rivista che, di fatto, ha cessato di esistere.
      La satira vi sembra troppo? Un giorno, chiederanno a voi di dire senza tanti giri di parole chi era Maometto:
      A) il Sigillo de Profeti:
      B) un impostore:
      C) un illuso:
      D) un pazzo.
      Pregate che non accada: e che i vostri “protettori”, risparmiandovi di provare la vostra fede, siano misericordiosi con voi quanto voi non lo siete stati con i morti ammazzati di Charlie Hebdo.
      Allelujia!

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Ci sono alcuni i quali nel loro ragionamento perdono di vista il succo dell’articolo, e cioè che : i CRISTIANI MISERICORDIOSI DEL NIGER hanno perdonato i musulmani che gli hanno distrutto le chiese. Buona che siano dispiaciuti i musulmani di aver disintegrato le chiese, l’importante PER I CRISTIANI è che essi se ne siano accorti; se poi non se ne fossero accorti, fa lo stesso per i cristiani nigeriani, perchè -dice- “Dio ama tutti”. Ripeto quanto già scritto: dove sono le manifestazioni a favore dell’eliminazione dei cristiani nel mondo? Vorrei l’elenco, grazie. Thanks.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana