Google+

A New York è diventato di moda partorire in casa

agosto 27, 2013 Elisabetta Longo

74 per cento di donne in più, negli ultimi dieci anni, scelgono di partorire in casa. Un’ostetrica guida la rivolta contro “il naturale a tutti i costi”

Niente più fredde corsie di ospedale, ma il salotto di casa propria. A New York il parto sta diventando una faccenda domestica, sostiene il Wall Street Journal. Il quotidiano riporta gli incredibili dati del cambiamento di rotta, diffusi dal “Center for Disease Control”. Nella Grande Mela il parto in casa è aumentato del 74 per cento negli ultimi dieci anni, e del 50 per cento sul territorio nazionale tra il 2004 e il 2011. Marian MacDorman, statistica studiosa di tendenze sulle nascite, dice che molte famiglie vogliono evitare inutili procedure ospedaliere. Molte altre, invece, vogliono condividere l’esperienza con la famiglia e gli amici, e non con quattro o cinque medici.

CELEBRITY. Sulla superficie newyorkese la percentuale più alta di parti casalinghi si ha poi a Brooklyn, dove è anche contemporaneamente molto di moda stili di vita “salutari”. Il parto in casa, senza epidurale o taglio cesareo, rientrerebbe in questo vasto piano. E se poi le mamme famose cominciano a dare l’esempio in tal senso, la moda dilaga ulteriormente. La top model Gisele Bundchen è solo l’ultima che ha partorito in casa propria per ben due volte. Prima di lei Meryl Streep, Demi Moore, Cindy Crawford e perfino Pamela Anderson.

GROSSI RISCHI. Questa scelta di tendenza però non è ben accettata dagli esperti. L’American Journal of Obstetrician and Gynecology ha già messo in guardia le donne nel 2010, spiegando che il tasso di mortalità neonatale è fino a tre volte superiore per i bambini che nascono in casa, rispetto a quelli nati in ospedale. Le critiche più infervorate arrivano da un’ostetrica di Boston, Amy Tuteur, che sul suo sito internet raccoglie storie di parti effettuati in casa, che hanno avuto più complicazioni del previsto. Che non si sarebbero verificate in ambiente ospedaliero. Non per terrorizzare le donne, ma per raccontare la realtà, dice lei, aggiungendo è sbagliato “feticizzare a tutti i costi tutto ciò che è naturale”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.