Google+

New York vuole i furetti, non i bambini. De Blasio legalizza i cugini delle puzzole mentre fa la guerra ai centri per la vita

maggio 29, 2014 Redazione

La Grande Mela ha il tasso di aborti più alto tasso degli Stati Uniti. Il sindaco però si preoccupa di legalizzare i furetti e vietare le carrozze a cavalli

Bill De Blasio, il sindaco di ultra-sinistra di New York, vanta un’agenda politica fortemente progressista. «Nuovi diritti per i lavoratori, asili nido pubblici per tutti, documenti agli immigrati irregolari» sono i suoi punti di forza. E come ha spiegato il New York Times, il sindaco adesso si è dato un altra “storica” missione: legalizzare i furetti. Il provvedimento che liberalizza la detenzione dei furetti sarebbe infatti in via di approvazione. Secondo il quotidiano liberal, si tratterebbe dell’ultima rottura di De Blasio rispetto alle politiche “anti-furetto” dei suoi predecessori repubblicani.

FURETTI LEGALI. Animaletti graziosi e dallo sguardo intelligente, i furetti, secondo il primo cittadino della Grande Mela, sarebbero vittime di una palese discriminazione. Dovrebbero essere considerati animali domestici come tutti gli altri e non banditi come prevede l’attuale legge cittadina. «I dati dimostrano che non mordono più frequentemente o in modo più grave di altri animali della stessa dimensione», spiegano i funzionari dell’amministrazione De Blasio motivando la scelta di legalizzarne il possesso. Grazie a De Blasio, continua il New York Times, i parenti della puzzola europea, dal 1999 esclusi dal novero degli animali da compagnia a causa di «una delle più controverse leggi» dell’amministrazione Giuliani, potranno finalmente essere liberi di passeggiare a fianco dei propri padroni in tutta New York.

BAMBINI? NO GRAZIE. La legalizzazione della “faina puzzolente ladra” (nome scientifico del furetto tradotto dal latino) non è l’unica battaglia animalista condotta da De Blasio. Da mesi il sindaco liberal si propone di vietare le carrozze trainate da cavalli a Manhattan e sostituirle con auto elettriche. I suoi detrattori sottolineano, che se da un lato il suo amore per gli animali è altissimo, quello per i nascituri umani è poco sviluppato. New York, secondo il report 2014 del dipartimento della Salute della città, ha il tasso di natalità più basso dal 1979 e il tasso di abortività più alto degli Stati Uniti (nel 2013 il 41 per cento delle gravidanze sono terminate con l’interruzione volontaria). Ma De Blasio ha ben altro in testa che non risolvere il problema: anzi, come aveva promesso in campagna elettorale, cerca con tutti i mezzi di ostacolare i centri per l’aiuto alla gravidanza (che ha definito «farseschi», e ne ha promesso la chiusura). De Blasio sta conducendo una battaglia legale per far applicare una legge voluta da Bloomberg, ma bocciata da un tribunale federale, che obbligherebbe i centri per la vita a fare pubblicità alle cliniche abortiste e a informare le donne, prima di tutto, della possibilità di ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza. La stessa legge obbligherebbe i centri ad appendere alla porta d’ingresso un cartellone con l’avvertenza che «in caso di gravidanza, la città raccomanda di recarsi in un centro autorizzato (dove si pratica l’aborto, ndr)». Si dovrà aspettare la decisione del tribunale d’appello per sapere se a New York sarà più semplice gironzolare con un furetto che non evitare un aborto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. clemente scrive:

    Il problema non è DeBlasio. Il problema è la gente di oggi. Abbandonato Dio e la religione, è chiaro che ogni aberrazione diventa possibile. Anche preferire i furetti agli esseri umani.

  2. Antonio scrive:

    solito delirio animalist-progressista.

  3. Menelik scrive:

    Verrebbe voglie di dire malignamente:
    Si stanno costruendo la loro croce.
    Lasciateli godere, finchè ce n’è.

    Io da ragazzetto stravedevo per l’America al punto che sognavo di andarci ad abitare.
    Negli ultimi anni mi sta andando in simpatia il mondo orientale europeo, anche per il fatto che mia nuora è ucraina.
    La simpatia per l’est europeo ha soppiantato l’America.

  4. beppe scrive:

    chi è lo zombie in basso a sinistra nella foto?

  5. Menelik scrive:

    Non capisco la domanda.
    Ucraina perché ci è nata e ci ha vissuto fino a pochi anni fa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana