Google+

Nel Pd della “rottamazione”, tra la rassegnazione di Bersani e la rabbia di D’Alema

dicembre 10, 2013 Chiara Rizzo

In attesa dell’incontro di oggi tra Renzi e i gruppi parlamentari, i vecchi big si confessano alla stampa. Cuperlo costretto dalle spaccature della sua ala a rinunciare alle cariche offertegli dal neosegretario

È arrivata la nuova squadra di Matteo Renzi, il primo segnale – sulla carta – del cambiamento. Ma il clima dentro il Pd appare nelle linee della vecchia guardia “congelato”, come da guerra fredda. Renzi avrebbe cercato una pacificazione con “l’avversario” Gianni Cuperlo, dato che i due lungo tutta la loro campagna elettorale e il giorno della vittoria del sindaco di Firenze hanno sempre mostrato rispetto reciproco e collaborazione, offrendogli una carica importante e altre per i suoi nel nuovo team. Secondo il retroscena ricostruito da La Stampa, Cuperlo però ha dovuto rifiutare causa divisioni nel suo campo: no alla carica di presidente dell’assemblea federale del Pd che gli è stata offerta da Renzi in persona, e no a due o tre posti in segreteria.

BERSANI: «A DISPOSIZIONE». Pier Luigi Bersani a Repubblica dice: «Ho più di sessant’anni. Sono a disposizione del partito» risponde l’ex segretario, e poi ammette: «Renzi ha ottenuto una vittoria netta. Sono pronto a lavorare per il Pd. Nessuno gli metterà i bastoni tra le ruote. Ha chiesto disciplina, io sono qui». Sulla rottamazione però Bersani è cauto: «Non si può usare la clava. Questa è una ruota, non c’è dubbio. Va benissimo il rinnovamento e, d’altra parte, guardate ai nostri gruppi parlamentari, ma serve anche l’esperienza. Renzi deve ricordare che se tutti sono qua è perché qualcuno ci ha preceduto e ha reso possibile tutto questo portando la fiaccola. La sinistra esiste in natura, vedrete che produrrà ancora fiori rigogliosi. Avrà la forza di rigenerarsi e uscirà fuori qualche leader che non immaginiamo. Guardate che la sinistra non può essere una corrente del Pd, deve essere il lievito! Io adesso voglio capire cosa pensa il segretario su una serie di questioni».

D’ALEMA. «SONO ANNI CHE PROVANO A DISTRUGGERMI». Ancora più a sinistra di Bersani, nell’ala left del partito involontariamente “extraparlamentare” (perché costretta dalla rottamazione a non ricandidarsi) scalpita Massimo D’Alema, che Repubblica descrive intento a compulsare i dati delle primarie, i numeri dei votanti e delle preferenze, e a scuotere il capo: «Sono anni che provano a distruggerci. A distruggermi» dice arrabbiato. Poi è il momento dell’amara ammissione: «La mia battaglia l’ho fatta. Adesso tocca ad altri. È una fase nuova, anche per me. C’è Gianni Cuperlo, c’è una generazione più giovane. Si prenderanno le loro responsabilità».
D’Alema intende proseguire ad occuparsi solo della Fondazione del socialismo europeo, niente o sicuramente molti meno impegni nella scena politica italiana. A chi gli chiede però se si tratti dell’addio, lui ribatte in tono di sfida: «Nessuno mi cancellerà con un tratto di penna. Io faccio politica. Per passione, perché ci credo. A Renzi dico: hai preso un risultato clamoroso, ha vinto trionfando, giusto? Adesso ti metti alla prova. Diritti e doveri di un vincitore».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Fabio S. P. Iacono scrive:

    Con la guida di Renzi il Partito Democratico si stacca definitivamente il cordone ombelicale non solo dal socialismo europeo anche dalla socialdemocrazia del vecchio continente. Arriva definitivamente in Italia a sinistra un partito post ideologico, quasi post ideale, estremamente pragamatico: liberale e riformista. E’ chiaro che il sindaco della bella Firenze è figlioccio di Bill Clinton e di Tony Blair, fratello minore di Obama. In fondo è proprio questo l’approdo naturale del Pds-Ds senza rosa rossa alla base della quercia europea. Già da tempo le sedi di partito erano “invase” dai suddetti esempi soprattutto d’oltreoceano, esempi odierni che hanno relegato tra le ragnatele di anguste librerie dimenticate i volumi scritti e dedicato da Gramsci a Berlinguer. PCI 1989…PDS-DS appena ieri…una prece.

  2. Su Connottu scrive:

    Non male la reazione di Baffino:
    la maledizione di D’Ale-Zuma

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana