Google+

Negri: politici italiani a rimorchio dei media e clero di retroguardia

agosto 31, 2012 Redazione

Intervista del vescovo a Camillo Langone sul Foglio. La politica italiana è di «piccolo cabotaggio» e i suoi rappresentanti non hanno fatto nulla per le paritarie. «I cristiani capiscano che la loro è una vita vera, perciò bella»

«Il più cattolico dei pochi vescovi italiani cattolici si trova all’estero, a San Marino». Chi lo scrive è Camillo Langone, sul Foglio, che oggi pubblica un’intervista dell’autore del Manifesto della destra divina a monsignor Luigi Negri, vescovo – appunto, di San Marino-Montefeltro. La prima stoccata del vescovo, servita da Langone, è alle versioni del magistero cattolico alternative a quella del Pontefice: «Si lasciano convivere i magisteri paralleli, modi di pensare e concepire e comunicare la fede che hanno come riferimento un teologo, un ecclesiastico, non il vescovo di Roma». «Se noi continuiamo a pensare che il clero che esce dai seminari sia formato a praticare l’evangelizzazione ci illudiamo» spiega Negri. «È un clero di retroguardia, un clero fanalino di coda, incapace di portare certezze esaltanti, propositive. Mentre il grande Origene diceva che bisogna vivere la fede con entusiasmo: bisogna essere entusiasti della fede». «E invece, anziché il cristianesimo inteso come incontro con Cristo, da un lato abbiamo l’esegetismo, l’esegesi fai-da-te, e dall’altro una concezione della fede moralistica e sociopolitica».

PARITARIE E CATTOLICI IN POLITICA. Negri non applaude nessun politico. Tanto meno se non favorisce la libertà di istruzione. Benché le scuole paritarie rappresentino uno sgravio per le sue casse, afferma il vescovo, «lo stato ha sempre restituito le briciole e adesso neanche più quelle». È grave che i cattolici nei due schieramenti non abbiano fatto «un solo gesto per riaprire la questione della libertà di educazione». «Eravamo giunti a ottenere che il sistema scolastico non fosse più considerato doppio (pubblico-privato) ma unico: un sistema scolastico pubblico all’interno del quale potevano convivere la forma statale e quella paritaria. Mentre oggi siamo al tracollo, basti pensare che le scuole private sono inserite nel redditometro come bene di lusso. Dalla dichiarazione dei redditi si possono detrarre le spese veterinarie ma non le rette scolastiche».

BERLUSCONI E CASINI. Il Cavaliere, dice Negri, «ha avuto il merito di impedire, con la sua discesa in campo, un colpo di stato cattogiustizialista». E i cattolici come Pierferdinando Casini?, chiede Langone, quei cattolici che «varano alleanze con una sinistra ideologica e nichilista»? La risposta di Negri è allusiva: «Augusto Del Noce disse con chiarezza, trent’anni fa, che per arrivare al potere il Partito comunista avrebbe venduto l’anima diventando un partito radicale di massa. E questo è puntualmente avvenuto». Quindi Casini, deduce Langone, «sta vendendo l’anima a chi se l’è già venduta».

PENSIERO MASSMEDIATICAMENTE CORRETTO. Per Negri la politica italiana è di «piccolo cabotaggio», incolta. «Questi politici incolti più del massmediaticamento corretto non sono capaci di pensare. I politici vanno a rimorchio dei media, anche a costo di piegarsi a sovversioni totali del buon senso». «Avanza quello che Hannah Arendt chiamava democrazia totalitaria, una democrazia solo procedurale dove ciò che io definismo massmediaticamente corretto prende il posto di ciò che prima era il riferimento culturale che nasceva dalla fede».

GAI O TRISTI. Se i gay sono «gai», i cristiani possono risultare «tristi, proibizionisti, ossessionati dal peccato, negativi», lamenta Langone. «Se i cristiani non capiscono che la loro è una vita vera, perciò bella», risponde Negri, «non sono in grado di contestare la società di oggi. Giovanni Paolo II, rivolgendosi ai giovani, ha ricordato che Gesù non dice dei no alle esigenze autentiche del cuore ma soltanto dei sì alla vita, all’amore, alla libertà».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. anna scrive:

    Monsignor Negri Papa subito!!

    • Charlie scrive:

      Normalmente bisogna prima diventare Cardinale.
      Ma, in teoria, c’è anche una scorciatoia …

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana