Google+

Negri: «L’ora di religione non è la Cenerentola degli studi e non è una graziosa concessione ai cattolici»

settembre 26, 2012 Redazione

Il vescovo di San Marino-Montefeltro in un’intervista a Libero spiega «la grave disinformazione» legata alla battuta del ministro Profumo: «Non si può mettere in discussione la funzione della religione cattolica nelle scuole senza aprire un contenzioso internazionale»

Ancora reazioni alle parole del ministro dell’istruzione Francesco Profumo che ha detto che «l’insegnamento della religione nelle scuole così come è concepito oggi non ha più molto senso». Oggi su Libero Caterina Maniaci intervista monsignor Luigi Negri, vescovo di San Marino-Montefeltro, che dice che le dichiarazioni del ministro «appaiono frutto di una grave disinformazione, il che non è molto comprensibile per un ministro che dovrebbe avere, tra le proprie competenze, questi temi».

INCONTRARE IL CRISTIANESIMO. Negri ricorda la soluzione attuale («di grandissimo profilo culturale e democratico») è figlia di «un lungo cammino e dialogo» partito con i Patti Lateranensi. «L’ora di religione – spiega il vescovo – deve essere impartita secondo la forma della tradizione cattolica, perché rappresenta per tutti i cittadini italiani che lo desiderano la possibilità di incontrare il cristianesimo come avvenimento di vita, di cultura e di civiltà».

NON E’ CATECHISMO. L’errore da non commettere è pensare che l’ora di religione sia un’ora di catechesi. «La catechesi ha altre finalità e altri metodi e che si realizza nell’ambito della vita ecclesiale». Tra l’altro, c’è di mezzo il Concordato: «Non c’è nessuno che possa mettere in discussione la funzione della religione cattolica nelle scuole senza aprire un contenzioso a livello internazionale, perché l’ora di religione insegnata nelle scuole fa parte del Concordato esistente tra lo Stato italiano e la Chiesa. La presenza della religione cattolica, poi, è un fatto irresistibilmente esistenziale, non programmatico».

AL BERCHET CON DON GIUSSANI. Il vescovo fa riferimento anche alla propria esperienza personale: «Nel liceo che frequentavo negli anni Sessanta – il prestigioso liceo Berchet di Milano – le materie venivano a disporsi positivamente o dialetticamente nei confronti dell’insegnamento della religione cattolica che, per grazia, ci era impartita da monsignor Luigi Giussani. L’ora di religione non è la Cenerentola degli studi e non è una graziosa concessione al mondo cattolico. Anzi rappresenta il tentativo di realizzare una concreta pluralizzazione della scuola che, soprattutto quella statale, oggi soffre di una crescente omologazione di carattere ideologico a senso unico, in particolare nel senso del progressismo e del tecnoscientismo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Tribute to Thomas More scrive:

    Sono appena tornato dalla Turchia.
    Un paese dove servizi pubblici e istruzione funzionano dieci volte meglio che in Italia: un paese moderno.

    I turchi non pensano minimamente a mettere da parte la loro cultura, la loro storia e la loro religione…L’Italia per modernizzarsi e laicizzarsi non ha bisogno di rinnegare il cattolicesimo (vale a dire le proprie radici culturali) …al contrario deve valorizzarle!

    Profumo non ha capito nulla …spero che se ne vada presto perchè non è nemmeno stato eletto da noi italiani e non possiede la potestà per prendere una decisione del genere.

  2. Andrea scrive:

    Non si capisce come mai, al posto di pensare ai Tfa, al problema dei quizzettoni sbagliati, ad una scuola i cui insegnanti sono sempre più per vecchi, al rapporto con le scuole private, ai problemi dei reclutamenti sempre senza meriti, si debba pensare all’ora di religione. Come se quella cambiasse la situazione della scuole. Insomma, sempre più tecnicismi e meno pensare ai ragazzi, alla vita di chi c’è su quei banchi. La mossa che mette daccordo la parte progressista dell’italia per dare un contentino ad un pò di gente. Bella mossa, utile soprattutto! Neanche nichi vendola l’avrebbe pensata.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana