Google+

Né Pacs né altro. È lecito chiedere a chi non sta a sinistra di essere più chiaro sulle coppie di fatto?

febbraio 4, 2013 Alfredo Mantovano

Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie gay un riconoscimento, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili allargamenti.

Nemmeno Vendola rivendica il matrimonio fra gay, anche se non ne prende le distanze. Il problema è invece che chi esclude tale prospettiva ha preso l’abitudine di sostenere che i “diritti civili” dei conviventi, quelli sì vanno garantiti! Eppure, non il Catechismo, ma le leggi dello Stato ci informano che quei diritti già ci sono, dall’assistenza al partner in qualunque struttura sanitaria alla possibilità di decidere per lui un’operazione di trapianto, dalla successione nella locazione o nell’abitazione di proprietà all’assegnazione di un alloggio popolare. E poiché è più facile elencare quello che manca rispetto a quello che c’è (ma quello che manca, per esempio la reversibilità della pensione, non si può fare più per ragioni di compatibilità finanziaria che di principio), va chiesto a chi affronta il tema in campagna elettorale: è veramente necessaria la disciplina formale delle coppie di fatto?

La sinistra ha la necessità politica di ergersi a paladina dei “diritti civili”, altrimenti le resta ben poco (Hollande docet). Sappiamo pure che il riconoscimento dei “diritti individuali” è secondario rispetto al riconoscimento pubblico del “fatto” della convivenza. Nella prospettiva ideologica di chi lo propone, è essenziale che per la prima volta il regime pubblicistico includa anche le convivenze, e che queste comprendano le unioni fra persone dello stesso sesso. Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie omosessuali un riconoscimento pubblico, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili estensioni e allargamenti. Proprio perché la questione è pregiudiziale, è lecito dire che è dannosa per il diritto di famiglia qualsiasi regolamentazione della materia? E attendersi un po’ di serietà in più, financo in campagna elettorale, da chi non si colloca a sinistra?

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Referendum says:

    Sarebbe necessario proporre un referendum sul tema nuovi tipologie di matrimonio, eventuali limiti dei coniugi (sesso , tendenze sessuali, numero, parentela) e relative adozioni.

    Faccio notare che in Francia appena è stato proposto questo tipo di referendum i socialisti favorevoli alla proposta di legge l’hanno immediatamente bocciato e si sono chiusi a riccio.

  2. sara says:

    INFATTI UN REFERENDUM SAREBBE UN’ OTTIMA COSA!!!| COSì SI METTEREBBE FINE A TANTE POLEMICHE

    • andrea says:

      Non è mica così semplice e banale.

      I referendum su temi etici o principi di diritto sono sempre un’arma a doppio taglio: è giusto ed eticamente accettabile ciò che dice la maggioranza o ciò che è eticamente giusto in sè? E chi lo decide cosa è giusto in sè, quale è il fondamento ultimo di giustizia e verità?

      Immagina se al tempo degli stati confederati avessero fatto un referendum sulla schiavitù: non sarebbe stata abolita e gli sarebbe dato un rafforzamento, una giustificazione giuridica.

  3. ErikaT says:

    Il matrimonio egualitario è indispensabile per avere una vera civiltà giuridica egualitaria.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.