Google+

Né Pacs né altro. È lecito chiedere a chi non sta a sinistra di essere più chiaro sulle coppie di fatto?

febbraio 4, 2013 Alfredo Mantovano

Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie gay un riconoscimento, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili allargamenti.

Nemmeno Vendola rivendica il matrimonio fra gay, anche se non ne prende le distanze. Il problema è invece che chi esclude tale prospettiva ha preso l’abitudine di sostenere che i “diritti civili” dei conviventi, quelli sì vanno garantiti! Eppure, non il Catechismo, ma le leggi dello Stato ci informano che quei diritti già ci sono, dall’assistenza al partner in qualunque struttura sanitaria alla possibilità di decidere per lui un’operazione di trapianto, dalla successione nella locazione o nell’abitazione di proprietà all’assegnazione di un alloggio popolare. E poiché è più facile elencare quello che manca rispetto a quello che c’è (ma quello che manca, per esempio la reversibilità della pensione, non si può fare più per ragioni di compatibilità finanziaria che di principio), va chiesto a chi affronta il tema in campagna elettorale: è veramente necessaria la disciplina formale delle coppie di fatto?

La sinistra ha la necessità politica di ergersi a paladina dei “diritti civili”, altrimenti le resta ben poco (Hollande docet). Sappiamo pure che il riconoscimento dei “diritti individuali” è secondario rispetto al riconoscimento pubblico del “fatto” della convivenza. Nella prospettiva ideologica di chi lo propone, è essenziale che per la prima volta il regime pubblicistico includa anche le convivenze, e che queste comprendano le unioni fra persone dello stesso sesso. Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie omosessuali un riconoscimento pubblico, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili estensioni e allargamenti. Proprio perché la questione è pregiudiziale, è lecito dire che è dannosa per il diritto di famiglia qualsiasi regolamentazione della materia? E attendersi un po’ di serietà in più, financo in campagna elettorale, da chi non si colloca a sinistra?

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Referendum says:

    Sarebbe necessario proporre un referendum sul tema nuovi tipologie di matrimonio, eventuali limiti dei coniugi (sesso , tendenze sessuali, numero, parentela) e relative adozioni.

    Faccio notare che in Francia appena è stato proposto questo tipo di referendum i socialisti favorevoli alla proposta di legge l’hanno immediatamente bocciato e si sono chiusi a riccio.

  2. sara says:

    INFATTI UN REFERENDUM SAREBBE UN’ OTTIMA COSA!!!| COSì SI METTEREBBE FINE A TANTE POLEMICHE

    • andrea says:

      Non è mica così semplice e banale.

      I referendum su temi etici o principi di diritto sono sempre un’arma a doppio taglio: è giusto ed eticamente accettabile ciò che dice la maggioranza o ciò che è eticamente giusto in sè? E chi lo decide cosa è giusto in sè, quale è il fondamento ultimo di giustizia e verità?

      Immagina se al tempo degli stati confederati avessero fatto un referendum sulla schiavitù: non sarebbe stata abolita e gli sarebbe dato un rafforzamento, una giustificazione giuridica.

  3. ErikaT says:

    Il matrimonio egualitario è indispensabile per avere una vera civiltà giuridica egualitaria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download