Google+

Né Pacs né altro. È lecito chiedere a chi non sta a sinistra di essere più chiaro sulle coppie di fatto?

febbraio 4, 2013 Alfredo Mantovano

Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie gay un riconoscimento, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili allargamenti.

Nemmeno Vendola rivendica il matrimonio fra gay, anche se non ne prende le distanze. Il problema è invece che chi esclude tale prospettiva ha preso l’abitudine di sostenere che i “diritti civili” dei conviventi, quelli sì vanno garantiti! Eppure, non il Catechismo, ma le leggi dello Stato ci informano che quei diritti già ci sono, dall’assistenza al partner in qualunque struttura sanitaria alla possibilità di decidere per lui un’operazione di trapianto, dalla successione nella locazione o nell’abitazione di proprietà all’assegnazione di un alloggio popolare. E poiché è più facile elencare quello che manca rispetto a quello che c’è (ma quello che manca, per esempio la reversibilità della pensione, non si può fare più per ragioni di compatibilità finanziaria che di principio), va chiesto a chi affronta il tema in campagna elettorale: è veramente necessaria la disciplina formale delle coppie di fatto?

La sinistra ha la necessità politica di ergersi a paladina dei “diritti civili”, altrimenti le resta ben poco (Hollande docet). Sappiamo pure che il riconoscimento dei “diritti individuali” è secondario rispetto al riconoscimento pubblico del “fatto” della convivenza. Nella prospettiva ideologica di chi lo propone, è essenziale che per la prima volta il regime pubblicistico includa anche le convivenze, e che queste comprendano le unioni fra persone dello stesso sesso. Il solo reale obiettivo è fornire alle coppie omosessuali un riconoscimento pubblico, analogo a quello delle persone di sesso diverso che si uniscono in matrimonio: raggiunto il quale, saranno possibili estensioni e allargamenti. Proprio perché la questione è pregiudiziale, è lecito dire che è dannosa per il diritto di famiglia qualsiasi regolamentazione della materia? E attendersi un po’ di serietà in più, financo in campagna elettorale, da chi non si colloca a sinistra?

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Referendum scrive:

    Sarebbe necessario proporre un referendum sul tema nuovi tipologie di matrimonio, eventuali limiti dei coniugi (sesso , tendenze sessuali, numero, parentela) e relative adozioni.

    Faccio notare che in Francia appena è stato proposto questo tipo di referendum i socialisti favorevoli alla proposta di legge l’hanno immediatamente bocciato e si sono chiusi a riccio.

  2. sara scrive:

    INFATTI UN REFERENDUM SAREBBE UN’ OTTIMA COSA!!!| COSì SI METTEREBBE FINE A TANTE POLEMICHE

    • andrea scrive:

      Non è mica così semplice e banale.

      I referendum su temi etici o principi di diritto sono sempre un’arma a doppio taglio: è giusto ed eticamente accettabile ciò che dice la maggioranza o ciò che è eticamente giusto in sè? E chi lo decide cosa è giusto in sè, quale è il fondamento ultimo di giustizia e verità?

      Immagina se al tempo degli stati confederati avessero fatto un referendum sulla schiavitù: non sarebbe stata abolita e gli sarebbe dato un rafforzamento, una giustificazione giuridica.

  3. ErikaT scrive:

    Il matrimonio egualitario è indispensabile per avere una vera civiltà giuridica egualitaria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana