Google+

L’odissea della nazionale di calcio eritrea: scappata nel 2012 dal regime, oggi rifugiata in un piccolo paesino olandese

maggio 24, 2014 Leone Grotti

I 18 membri sono fuggiti mentre la nazionale si trovava in Uganda a giocare la Cecafa cup. Oggi le squadre locali di Gorinchem se li contendono

Nel 2012 la nazionale di calcio eritrea, composta da 22 elementi, medici compresi, è partita alla volta dell’Uganda per partecipare come ogni anno alla Cecafa Cup. Sono tornati in quattro. Gli altri 18 hanno approfittato di una delle rarissime possibilità di uscire dal paese per scappare da uno dei regimi più repressivi al mondo. E ora, dopo un’odissea durata quasi due anni, sono approdati in un piccolo paesino dell’Olanda.

ACCOGLIENZA. Gorinchem è una pittoresca città di 35 mila abitanti a pochi chilometri da Rotterdam. «Loro sono una nazionale di calcio e noi siamo una cittadina molto ospitale, quindi non abbiamo esitato un momento ad accoglierli, visto che sono scappati con tutte le migliori ragioni», ha dichiarato al New York Times il sindaco Anton Barske.

FUGA CALCISTICA. Il calcio è un ottimo mezzo per scappare dall’Eritrea. In otto anni, 77 calciatori sono scappati duranti i tornei esteri a cui la nazionale ha partecipato. La squadra del 2012 è uscita un giorno dall’hotel di Kampala a metà torneo per «andare a fare shopping». Non sono più tornati, recandosi invece al compound dell’Alto commissario dell’Onu per i rifugiati. Dopo aver passato sei mesi nella struttura sono stati trasferiti in un centro per rifugiati ad alto rischio in Romania, nella città di Timisoara.

LOTTA PER AVERLI IN SQUADRA. Dalla Romania sono stati poi trasferiti in Olanda e infine nel paesino di Gorinchem, dove tutti li hanno accolti, fatti salvi alcuni che storcono il naso per l’arrivo di «immigrati». Particolarmente emozionati dall’approdo della nazionale eritrea sono le cinque squadre di calcio locali. Il club SVW, che milita nella quinta divisione olandese, vorrebbe accaparrarseli: «È una situazione surreale. Siamo un piccolo paese e improvvisamente arriva un’intera nazionale. Allora pensi: “Magari potrebbero giocare con noi e così otterremmo la promozione”».

«SE GIOCASSERO PER NOI». Dall’altra parte della strada c’è la sede di un altro club, l’Unitas, che ha già mandato i suoi talent scout al parco per vedere giocare gli eritrei: «Il mio primo sentimento è stato di pietà per loro, che si sono lasciati il loro paese e famiglie alle spalle. Ma se volessero giocare per noi…».
Anche se, scherza il sindaco della città, l’Eritrea è classificata al 200esimo posto su 207 nel ranking Fifa. «Credo che non sia necessario naturalizzarli al volo perché possano andare ai mondiali in Brasile con l’Olanda».

LIBERTÀ NEGATE. I diretti interessati non hanno ancora rilasciato interviste per non mettere ulteriormente le loro famiglie a rischio in patria. Il regime eritreo, infatti, multa i familiari di chi scappa con cifre esorbitanti pari anche a 50 mila nakfa, che per gli eritrei valgono come 50 mila euro in Italia.
Ad Asmara tutte le libertà fondamentali sono negate: non esiste libertà di stampa, associazione, pensiero, religiosa. I cristiani vengono perseguitati e ai giovani viene rubato il futuro perché tutti devono fare circa 20 anni di servizio militare obbligatorio. Fino anche a 50 anni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana